Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • 5/3/2012 ore 11:18

    Ulisse ritorna con le meraviglie di Roma

    Commenti 2

    Sono le meraviglie della Roma Cristiana l’oggetto della prima puntata della nuova serie di Ulisse, il programma sul “piacere della scoperta” condotto da Alberto Angela e in onda il sabato alle 21.30 su Rai3

    Un viaggio affascinante tra luoghi, monumenti ed edifici romani che hanno fatto la storia della cristianità che si sofferma sia sulle principali mete turistiche della Capitale, sia sugli angoli meno noti dove si nascondono tesori nascosti al turismo di massa.

    Filo conduttore della puntata è il passaggio di Roma da capitale dell’Impero a capitale della cristianità, avvenuto tra il III e il IV secolo, a partire dall’Editto di Costantino che, stabilendo la libertà di culto, di fatto accetta il cristianesimo tra le religioni ufficiali dell’Impero. Da questo momento le Basiliche, da edifici pubblici, diventano edifici di culto e, ugualmente, templi pagani, come il Pantheon, vengono tramutati in chiese e Roma, pian piano, comincia a stabilirsi come non solo come centro religioso dell’Occidente ma diventa, di fatto, anche una vera e propria nazione retta dal Papa, costituita sulla celebre donazione di Costantino che, successivamente si rivelerà essere un falso.

    – Vai al sito della trasmissione>>

    – Rivedi i migliori servizi delle scorse edizioni>>

    – Vai alla pagina Facebook e Twitter di Rai Scienze

  • 17/8/2011 ore 14:11

    Rai5: Ercole in Polesine del comico Balasso

    Commenti 0

    Natalino Balasso, illustra cinque buoni motivi per vedere lo spettacolo teatrale “Ercole in Polesine”>>

    E’ un divertente viaggio attraverso 5000 anni di miti e leggende che parlano di eroi imbroglioni, svogliati, sbruffoni e mitomani, lo spettacolo “Ercole in Polesine, ovvero il mito greco tra i fiumi della Val Padana“, di Natalino Balasso, proposto da Rai5 giovedì 18 agosto alle 21.00. Un monologo ricco di spunti comici, che non cerca morali o lezioni, ma piuttosto affronta la mitologia per evidenziare il rapporto che lega la nostra realtà ai miti, fondamento classico della nostra cultura. Il comico Natalino Balasso, protagonista, autore e regista dello spettacolo, affronta vizi e vitù, passioni e drammi, divisioni e ricongiungimenti di Zeus, Era, Tiresia, Ercole, Ulisse, Orfeo e Paride, dimostrando come gli dei siano “quelli che fanno un po’ quello che vogliono”, e gli eroi siano invece uomini comuni in balia del proprio destino. Balasso smitizza le vicende di Ercole, impegnato in fatiche che inorgogliscono mamma Era; di Ulisse, eterno “mandrillo” in giro per il Mediterraneo, e di una corte di divinità dispettose e vendicative che risolvono i problemi con disinvoltura e crudeltà. Lo spettacolo, che arriva a toccare con delicatezza temi come la preghiera e la filosofia cinese, è stato ripreso nel Teatro Olimpico di Vicenza.

    Guarda in streaming “Ercole in Polesine, ovvero il mito greco tra i fiumi della Val Padana”, Rai5, 18 agosto,21.00>>

  • 8/6/2011 ore 9:39

    Carmelo Bene, l’immortale

    Commenti 0

    L’attore che “si toglieva” di scena, che da solo diventa un’immagine assoluta del teatro, un uomo che, ancora in vita, si annoverava fra gli immortali. Carmelo Bene è stato raccontato a “Tre colori” su Radio3 da Ferdinando Taviani, studioso e storico del teatro.

     

    Un racconto appassionato che parte da uno dei momenti di massima affermazione di Bene, la Lectura Dantis a Bologna, dalla Torre degli Asinelli, nell’estate del 1981, per ritornare poi agli esordi alla fine degli anni 50: l’enfant terrible giunto a Roma da Campi Salentina, cacciato dall’Accademia, magnifico interprete del “Caligola” di Camus.

    L’establishment teatrale, molti critici e recensori, lo considerarono da subito un ragazzaccio, un monello. Lui rispondeva cacciando dalla platea i critici colpevoli di aver scritto inesattezze. Chi ne comprese la portata fu Cesare Garboli, che lo definì un “grande attore postumo”, come Ermete Zacconi e Petrolini messi insieme.

     

    Bene era un artista comico e sublime, che sapeva di dover attraversare la parodia per raggiungere il sublime tragico. Fu il rappresentante del teatro che sta al limite fra visibile e invisibile e che lavora per la dissoluzione della sua stessa immagine in scena. 

    Quando nel 1995 fu presentata l’edizione delle sue opere da parte della Bompiani fra i Classici della Letteratura, Carmelo Bene prese parte all’evento ma non rispose a nessuna delle domande rivoltegli: gli immortali per definizione non rispondono.

    Carmelo Bene raccontato da Ferdinando Taviani è gratuitamente ascoltabile e scaricabile in versione podcast.

     

    – Ascolta “Carmelo Bene” raccontato da Ferdinando Taviani >>

    – Guarda il video: Carmelo Bene legge l’Ulisse di Joyce >>

    – Guarda il video: Carmelo Bene – Brontolo >>

    – Guarda i video: Il teatro di Rai5 >>

    – Scarica i pocast di “Tre colori” >>

    – Millepagine, il portale della Rai dedicato ai libri e alla cultura >>

  • 7/6/2011 ore 16:25

    Vinicio Capossela dal vivo su Radio2

    Commenti 0

    “Moby Dick”, la balena musicale di Radio2 condotta da Silvia Boschero, ospita mercoledì 8 giugno Vinicio Capossela, che a lei e a tutta la letteratura di viaggio, ha dedicato la sua ultima fatica discografica “Marinai, profeti e balene”. L’appuntamento è per le 21.30.

    Vinicio al pianoforte e alla chitarra, accompagnato dai musicisti della sua band, suonerà e racconterà alcune delle splendide canzoni del disco, evocando personaggi epici e fiabeschi: dalle sirene di Ulisse al Leviatano, da Lord Jim passando per un mito della nostra epoca: quel Bob Dylan di cui reinterpreterà una canzone tradotta in italiano. “Dylan – ha detto Capossela – appartiene al tempo mitico, il tempo in cui non c’è un divenire, le cose esistono per sempre e basta. Abbiamo fatto una versione in italiano di un suo vecchissimo pezzo che si chiama “When the ship comes in”. Qui si paragona l’arrivo della giustizia, della rivoluzione, all’arrivo di una nave. Dice: – Gli empi, l’empio, il nemico, si sveglieranno con gli occhi ancora sporchi di sonni, penseranno di sognare ma si dovranno pizzicare per comprendere che è vero che la nave sta per arrivare, allora a mani alzate ci verranno incontro e diranno: “Va bene, facciamo quello che chiedete” , ma noi gli diremo: “ I vostri giorni sono contati e il mare si richiuderà sul Faraone e le sue genti ed essi, come Golia, saranno vinti”. E’ una canzone che mi piace cantare ora, in questo momento di attualità, perché, in effetti, c’è qualcosa nell’aria che si respira, anche a livello di reinteressamento alla cosa civile, al bene pubblico”.

    – Ascolta Vinicio Capossela in diretta web, mercoledì 8 giugno alle 21.30 >>

    – Guarda il video: Vinicio Capossela ospite a  “Parla con me” >>

    – Tutti i video di Vinicio Capossela su Rai.tv >>

    – Riascolta e scarica le precedenti puntate di “Moby Dick” >>

    – Rai Music >>

  • 12/5/2011 ore 9:38

    L’Odissea su Rai.tv

    Commenti 0

    Uno dei poemi epici fondativi dell’Occidente: l’Odissea. Uno spettacolare kolossal, sceneggiato in otto puntate e realizzato dalla Rai per la regia di Franco Rossi.

    Il poema di Omero, riproposto ed interpretato da un cast internazionale – con Bekim Fehmiu nel ruolo di Ulisse e Irene Papas in quello della moglie Penelope – narra le vicende e le avventure dell’eroico Ulisse. Il lungo viaggio del personaggio omerico verso casa, verso Itaca, dopo la caduta di Troia: un viaggio durato dieci anni nei quali affronta i pericoli e le avventure più incredibili. Mentre a Itaca la moglie Penelope cerca di resistere alle pressioni dei Proci che la vogliono convincere a risposarsi, e il figlio Telemaco, spinto dalla dea Atena, parte alla ricerca del padre.

    Il quarto episodio, quello del ciclope Polifemo ha la regia del maestro dell’horror italiano Mario Bava (assistito dal figlio Lamberto) che curò personalmente gli effetti speciali dello sceneggiato.

    Le musiche sono di Carlo Rustichelli, i costumi di Dario Cecchi e la traduzione di Rosa Calzecchi Onesti.

    L’appuntamento è per oggi, giovedì 12 maggio 2011, su Rai.tv.

     

    – Guarda i video: l’Odissea su Rai.tv >>