Rai.tv

su Rai.Tv
  • su Rai.Tv
  • nei siti Rai

Rai.tv

Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Gli italiani hanno sempre ragione, dal 3 luglio su Rai1

      Gli italiani hanno sempre ragione. Conduce Fabrizio Frizzi Fabrizio Frizzi torna in prima serata su Rai1 con “Gli italiani hanno sempre ragione”, il nuovo varietà estivo aperto al pubblico che da casa potrà giocare scaricando l’App creata per la trasmissione. In onda dal 3 luglio il venerdì alle 21:20 su Rai1

    • Dal 29 giugno, il Programmone di Nino Frassica su Radio2

      Nino FrassicaL’umorismo surreale di Nino Frassica anima l’estate di Radio2: dal 29 giugno il comico conduce un nuovo programma dedicato all’intrattenimento, in onda dal lunedì al venerdì alle 17.00

    • Una notte per Caruso, il 26 giugno su Rai1

      una-notte-per-caruso_01 Il 26 giugno, torna dalla Marina Grande di Sorrento, l’appuntamento estivo con la prima serata di Rai1 intitolato alla figura dei più celebri tra i tenori italiani, Enrico Caruso. Conducono Elisa Isoardi e Flavio Montrucchio.

    • “Vedi chi erano i Beatles” il 25 giugno su Rai3

      I Beatles a MilanoGiovedì 25 giugno Rai3 festeggia con una prima serata in diretta condotta da Fabrizio Frizzi, dal titolo “Vedi chi erano i Beatles”, un anniversario speciale: i 50 anni dei Beatles in Italia. Inviaci il tuo ricordo personale

    • Paolo Poli torna in Tv, dal 20 giugno su Rai3

      E lasciatemi divertireUno dei più importanti artisti del teatro italiano torna protagonista in tv accanto all’amico Pino Strabioli nel nuovo programma “E lasciatemi divertire”, in onda ogni sabato a partire dal 20 giugno alle 20:15 su Rai3

  • blog_TVOI1blind2Due cantanti, uno contro l’altro, ognuno con una cartuccia musicale da sparare per convincere il proprio Coach. Questi sono i Knockout di The Voice of Italy, arrivati questa settimana al secondo e ultimo atto, e sono l’estremo gradino da superare per accedere alla fase finale del talent, i Live Show, in onda da mercoledì prossimo su Rai2. Nella puntata appena trascorsa i quattro Coach Pelù, NoemiJ-AxFacchinetti hanno selezionato tra le voci presenti nelle loro squadre quelle che ritenevano le più meritevoli ed ora sono pronti a darsi battaglia per scoprire quale sarà il talento vincitore di questa edizione dello spettacolo.

     

    Ad aprire le sfide della serata è il #TeamFach. Si fronteggiano Chiara Dello Iacovo e Clark P., due cantanti che provengono da mondi veramente diversi e con vocalità completamente opposte. Chiara sceglie di cantare, con la sua voce delicata, Fango di Jovanotti, Clark risponde con Seven Days pezzo dalla grande vena R’nB marchiato Craig David. I coach restano interdetti dalla performance di Chiara, per Piero Pelù la scelta non è stata felice, mentre sembrano contenti di quanto fatto da Clark che riceve tanti complimenti da Roby il quale, però, ammette che la ragazza è comunque una grande artista. E’ Francesco però a prendere la decisione, Facchinetti Junior si dice colpito dal talento di Chiara e dalla sua bravura non solo nel canto, ma anche nella scrittura e negli arrangiamenti. Per questo decide di premiare lei. La decisione provoca un piccolo scontro con papà Roby che forse avrebbe preferito Clark.

    – Guarda il Knockout Chiara Dello Iacovo vs. Clark P.>>

    Prima sfida anche per il #TeamJAx. A vivere questo duello sono Ilenia Bentrovato e Carola Campagna. Ilenia, giovanissima rapper romana si è formata all’interno di una cultura “urbana”, a lei viene opposto un talento “di paese” come Carola che Ax definisce una bomba. Per la sua performance, Ilenia sceglie la hit di Eminem e Rihanna Love the way you lie alla quale aggiunge alcune barre di sua composizione, Carola risponde con grande classico firmato Matia Bazar, Ti sento e galvanizza il pubblico con i suoi acuti. Noemi in particolare sembra apprezzare lo spettacolo offerto dalle due cantanti, Roby trova Ilenia particolarissima e si dichiara attratto dalla grande vocalità di Carola, che trova già “grande” a 17 anni. Piero trova che Ilenia sia molto capace nello scrivere il rap e loda il cambio di tonalità fatto da Carola nel suo cantato. Ma la decisione è di J-Ax, il coach, come un principe che invita una principessa al ballo, si alza e va verso le due cantanti al centro del palco, ringraziando e incoraggiando Ilenia, decide di inchinarsi a Carola che così approda ai live show

    – Guarda il Knockout Ilenia Bentrovato vs. Carola Campagna>>

    Federico Russo, conduttore di "The Voice of Italy"

    Federico Russo, conduttore di “The Voice of Italy”

    E’ il momento del #TeamPelù. Salgono sul palco Tommaso Gregnanin che sorprese tutti durante la sua Blind-Blind con una voce calda e bassa e Fabio Garzia cantante-chitarrista dalla voce graffiata che venne “rubato” dal Toro Loco durante le Battle. Tommaso porta sul palco il classico di Tiziano Ferro Sere nere, Fabio risponde con un altro classico, questa volta del blues, Sweet Home Chicago nella versione dei Blues Brothers accompagnandosi con la chitarra elettrica. La sfida è energica e interessante, Roby dichiara di essere un grande fan di Tiziano Ferro ma nota qualche imperfezione nell’interpretazione di Tommaso mentre trova molto forte l’esivizione di Fabio. J-Ax si complimenta con Tommaso per la scelta e le note basse e con Fabio per aver portato il blues in trasmissione. Coach Pelù dice che entrambi i cantanti sono andati molto meglio in prova che durante l’esibizione, per lui Fabio dovrebbe cantare cercando di cogliere più sfumature con la sua voce mentre crede che Tommaso non abbia ancora completa fiducia nelle sue capacità. Alla fine la scelta cade proprio su Tommaso che per Piero è ancora un talento da scoprire e su cui lavorare

    – Guarda il Knockout Tommaso Gregnanin vs. Fabio Garzia>>

    Assistiamo ora ad una battaglia che riguarda il #TeamNoemi. A fronteggiarsi sono il nerd della squadra Andrea Orchi, timido e schivo e Fatima Diallo cantante dal timbro R’nB che proviene da uno steal fatto dalla Rossa ai danni di J-Ax. Per il duello, Andrea sceglie il successo di Zucchero Indaco dagli occhi del cielo, Fatima risponde con Granade di Bruno Mars. Per J-Ax Andrea è stato veramente originale mentre il talento di Fatima è indescrivibile, Francesco trova incredibile il contrasto tra il look vintage di Andrea e la sua voce moderna e Roby dice di essere un suo fan, Piero lo definisce particolare ma crede di essere stato maggiormente convinto da Fatima. Per Coach Noemi, Fatima rappresenta la presenza scenica e la voce pop mentre Andrea è il cantante nascosto che non conosce ancora al meglio le sue possibilità. Secondo la Rossa Andrea ha sbagliato la scelta del pezzo mentre Fatima avrebbe fatto meglio a cantare in italiano, per misurarsi con ambiti diversi dai suoi. Dopo un momento di riflessione, Noemi decide di promuovere Andrea per aiutarlo a crescere ancora e a scoprirsi

    – Guarda il Knockout Andrea Orchi vs. Fatima Diallo>>

    La serata procede con uno scontro per il #TeanJAx. A darsi battaglia sono Tekla a cui il coach chiede di dare di più e Davide Fusaro dalla grande voce e con una grande sicurezza. Tekla affronta la prova cantando Russian Roulette di Rihanna suscitando gli applausi del pubblico al ritornello per Davide invece la scelta è Ordinary Love degli U2 e durante la performance, accompagnata dalla sua chitarra, strappa gli applausi ai Coach. Piero loda la scelta e l’interpretazione di Davide, Francesco trova ottima la presenza scenica di Tekla ma secondo lui la voce di Davide è impareggiabile. Tocca ora a J-Ax, per il Coach Tekla ha interpretato Rihanna come se fosse Rihanna mentre Davide si è rivelato un vero e proprio fenomeno. Nel suo pensiero ciò che è fondamentale non è né la presenza scenica né la forza vocale ma quello che il pubblico sembra apprezzare di più e per questo motivo viene promossa Tekla che, a giudizio dello “Zio” gli darà più capacità di sperimentare

    – Guarda il Knockout Tekla vs. Davide Fusaro>>

    I Coach

    I Coach

    Dopo un breve momento di pausa si riprende con una nuova sfida per il #TeamFach, si tratta di Fabio Curto, cantante dalla voce profonda, che si misura con Luce, giovane dalla voce precisa e delicata. Per Fabio la canzone è Don’t you worry Child hit degli Swedish House Mafia, Luce risponde con La notte pezzo che valse ad Arisa la vittoria di Sanremo 2012. Noemi trova che Fabio abbia una motocicletta al posto delle corde vocali mentre dice di Luce che è riuscita a cantare con un filo di voce come Arisa, per J-Ax l’esibizione di Fabio non è andata bene mentre Luce è stata una vera sorpresa, secondo Piero Fabio è stato trattenuto mentre Luce è stata spontanea e naturale con un pezzo giusto per le sue capacità. Arriva il momento della decisione per i Facchinetti che anche stavolta litigano: Roby è per Fabio un talento che ritiene già pronto con una vocalità riconoscibile e molto potente a differenza di Luce che, a suo modo di vedere, è ancora immatura; per Francesco Luce ha cantato il pezzo giusto al momento giusto mentre Fabio era incerto e tremante. Dopo una lunga meditazione, padre e figlio decidono di promuovere Fabio

    – Guarda il Knockout Fabio Curto vs. Luce>>

    E’ ora di un nuovo scontro per il #TeamPelù. A salire sul palco sono Roberta Carrese cantante dal timbro leggero e preciso e Cli con la sua personalità molto stravagante, entrata nel team con uno steal dal Team Facchinetti. Roberta canta il suo cavallo di battaglia Perfect Day di Lou Reed mentre Cli interpreta Una zebra a pois nella versione di Ivan Cattaneo. Roby trova le due interpretazioni diametralmente opposte, con da una parte l’intensità di Roberta e dall’altra la giocosità di Cli, Noemi si complimenta con Roberta per la voce e il ritornello ma per la Rossa anche Cli meriterebbe per la sua personalità, anche J-Ax si complimenta con entrambe sopratutto per le scelte dei brani. Coach Pelù loda tutte e due le cantanti: Cli è solare, Roberta è una perla nera ma, nella sua opinione, il sole di Cli è stato oscurato dalla luna di Roberta, che passa ai live

    – Guarda il Knockout Roberta Carrese vs. Cli>>

    Ottavo duello della serata è per il #TeamNoemi. A contrapporsi sono Viola Laurenzi, diciottenne molto emotiva che si misura con Dany Petrarulo che arriva a “The Voice” dopo una complessa esperienza di transizione sessuale.Viola si esibisce nel successo di Elisa Eppure sentire mentre Dany sceglie di cantare Rise like a Phoenix che ha portato Conchita Wurst a vincere l’ultimo Eurovision e che parla della sua delicata esperienza di vita. J-Ax si complimenta con Viola per la scelta del brano anche se lo ritiene fuori dalla portata della giovane cantante e chiede a Dany quanto la canzone che ha cantato sia vicina alla sua storia personale, anche Pelù sottolinea l’emotività della sua interpretazione. Per Roby la voce di Dany sarebbe degna di una carriera internazionale mentre quella di Viola piò entrare nella classica melodia italiana. Tocca a Noemi decidere. Per “la Rossa” il pezzo scelto da Viola è molto molto complicato mentre Dany ha cantato una storia che rappresenta il suo percorso di vita ma che è adattabile a tutti. La scelta della Coach è orientata verso Dany che per lei è più di un cantante

    – Guarda il Knockout Viola Laurenzi vs. Dany Petrarulo>>

    Lo studio

    Lo studio

    La sfida ora passa al #TeamFach. A confrontarsi sono Alexandre Vellae AJ Summers entrambi vengono da un cammino che li ha messi molto in luce nelle fasi precedenti del talent con in comune la passione per le voci “nere”. Alexandre sceglie di cantare uno dei più grandi successi della compianta Amy Winehouse, Rehab mentre AJ si cimenta in Moment for Life dell’americana Nicki Minaj. A J-Ax la voce di AJ è piaciuta molto anche se non ha apprezzato il fatto di non aver scritto delle parti rap in italiano. Per Francesco entrambi i cantanti hanno “spaccato”, Roby crede che Alexandre abbia l’attitudine dei grandi ma che sia ancora insicuro, viceversa AJ, secondo il suo coach, mostra di essere un puledro di razza, umile e che coglie i consigli dati. Papà e figlio Facchinetti decidono di portare avanti proprio AJ Summers in virtù di una performance veramente convincente

    – Guarda il Knockout Alexandre Vella vs. AJ Summers>>

    Ultimo Knockout della serata riguarda il #TeamJAx e vede fronteggiarsi Arianna Alvisi e Lele, due personalità molto diverse e due talenti tra i più quotati del team. Arianna canta 50mila di Nina Zilli. Lele risponde con la hit di Lorde Royals che esegue accompagnandosi alla chitarra. Per Piero Arianna ha cantato un brano solo apparentemente facile mentre Lele ha rischiato un po’ troppo volendo fare l’incipit del pezzo a cappella, Roby sottolinea le imperfezioni in entrambe le esibizioni, Noemi dice che Lele è stato forse troppo arrogante e gli consiglia di affrontare il palco in maniera più umile. Coach J-Ax sottolinea la delusione per entrambe le esibizioni, in particolar modo gli errori di Lele, riconoscendo però che il giovane è stato in grado di riprendersi e portare a termine la canzone. E nonostante le “cinquanta sfumature” che gli ha dato la voce di Arianna, lo “Zio” sceglie di portare avanti proprio Lele

    – Guarda il Knockout Arianna Alvisi vs. Lele>>

     

    Ecco, team per taem, il quadro dei cantanti che approdano ai live show:

    – TeamFach: AJ Summers, Alessia Labate, Chiara Dello Iacovo, Fabio Curto, Sarah Jane Olog

    – TeamJAx: Carola Campagna, Francesca Cini, Maurizio Di CesareLele, Sarah Vita Feline

    – TeamNoemi: Andrea Orchi, Dany Petrarulo, Keeniatta, Marianè, Thomas Cheval

    – TeamPelù: Alessandra Salerno, Ira Green, Marco De Vincentiis, Roberta Carrese, Tommaso Gregianin

  • 9/4/2015 ore 0:59

    The Voice: rivivi la seconda Battle

    Commenti 0

    BlogoArrivano al secondo e ultimo round le Battle di questa terza edizione di The Voice of Italy. Sul ring musicale di Rai2 questa sera trentaquattro cantanti si sono dati battaglia in diciassette duetti per accedere alla fase successiva del talent. I quattro coach Noemi, Pelù, J-Ax e papà e figlio Facchinetti sono stati chiamati a scelte difficili dato l’altissimo livello della gran parte delle performance eseguite nella serata. Grazie al meccanismo dello steal, però, che consente ai coach di “rubare” i talenti scartati, anche per alcuni degli esclusi c’è stata la possibilità di rientrare in gara ed avanzare verso la fase successiva del programma, il knock-out

    Primo scontro della serata è quello che vede contrapposte due voci del #TeamFach ovvero Sarah Jane Olog e Valentina Caturelli. Le due cantanti si misurano duettando sulle note del successo di Adele Rolling in the deep. La performance sembra convincere molto Francesco Facchinetti che sussurra nell’orecchio del padre Roby “Perfette, perfette!” mentre secondo J-Ax le due hanno “Spaccato di brutto”. La scelta di papà e figlio è combattuta ma decisa: ad avanzare è Sarah Jane tuttavia Roby riconosce il grande talento di Valentina. Per lei il cammino a “The Voice” si conclude stasera non essendo stata oggetto di steal

    – Guarda la Battle Sarah Jane Olog vs. Valentina Caturelli Rolling in the Deep>>

    Tocca ora al #TeamJAx. A scendere sul ring sono Ilenia Bentrovato e Lavinia Viscuso, due vere e proprie bad girl che si misurano a colpi di rap seguendo un desiderio del loro coach, provare a fare una versione femminile del pezzo dei Gemelli DiVersi Un attimo ancora. L’interpretazione fa molto felice il coach che raggiunge le due cantanti sul palco per stare con loro ma riscuote anche gli applausi di Roby che, con i Pooh, ha cantato il pezzo originale poi campionato dai Gemelli DiVersi. Per Francesco la parte cantata è stata molto meglio di quella rappata mentre, per Noemi, Ilenia è stata molto diretta sia nel canto che nel rap. Al momento della decisone J-Ax decide di promuovere proprio Ilenia perché secondo lui ha mostrato una sicurezza molto maggiore. Per Lavinia, invece, l’esperienza a “The Voice” si conclude qui, nessun giudice decide di rubarla con lo steal

    – Guarda la Battle Ilenia Bentrovato vs. Lavinia Viscuso Un attimo ancora>>

    Lo scontro successivo è quello che vede contrapposti Silvia De Santis e Pierluca Tevere del #TeamPelù. I due giovani cantanti duetteranno sulle note “allegre” del brano di Pharrel Williams Happy, vero chartburster dello scorso anno. L’arrangiamento del pezzo lascia tutti sorpresi, la canzone viene completamente rivisitata in chiave hard-rock. Roby definisce Silvia “una gatta che graffia” e anche J-Ax è d’accordo nel favorire la ragazza. Piero si sente completamente spiazzato dall’esibizione di entrambi e fa molta fatica a scegliere uno dei due contendenti per questo chiede ai cantanti di intonare per lui, a cappella, un pezzo blues. I due non si sottraggono ed entrambi riescono a ben figurare anche in questa prova a sorpresa. Dopo una sofferta decisione però Pelù decide di portare avanti Silvia. L’ultima speranza di Pierluca è lo steal ma nessun coach decide di schiacciare il pulsante nonostante qualche tentennamento di J-Ax

    – Guarda la Battle Silvia De Santis vs. Pierluca Tevere Happy>>

    6

    I coach

    Vengono ora chiamati in scena due cantanti del #TeamFach, si tratta di Sarah Vita Felline e Fabio Curto. Per i due materia del contendere è Drops of Jupiter successo dei The Train targato 2001. Anche questa esibizione riscuote gli applausi di tutti i coach, per Piero Fabio è come un Bronzo di Riace, anche Noemi sembra molto apprezzare il ragazzo e nota in Sarah un percorso di maturazione molto importante che l’ha differenziata dal suo modello, Gianna Nannini. Al momento della scelta Roby definisce Sarah una canante dal tono estremamente particolare mentre Fabio un cantante sicuro dalla grande presenza scenica. Ed è proprio questo il motivo che porta papà e figlio Facchinetti a propendere proprio per lui. Ma “The Voice” è sempre imprevedibile, subito dopo la proclamazione del vincitore della sfida arrivano per Sarah ben due richeste di steal da parte di Piero Pelù e J-Ax che vogliono a tutti i costi la cantante nei loro team. Memore degli avvenimenti accaduti durante la Blind Audition, Sarah decide di entrare nel team “Loser”, quello di J-Ax

    – Guarda la Battle Sarah Vita Felline vs. Fabio Curto Drops of Jupiter>>

    Quinta battle è quella tra Andrea Porceddu e Andrea Orchi entrambi talenti del #TeamNoemi. I due ragazzi si confrontano sulle note pop del piano di Gavin DeGraw in Chariot. I coach ascoltano la battle con attenzione e sembrano propendere per Andrea Orchi simpatizzando con la sua fisionomia “nerd”. E anche il coach Noemi decide per lui. Per Andrea Porceddu nonostante i complimenti ricevuti non c’è nessuno steal

    – Guarda la Battle Andrea Porceddu vs. Andrea Orchi Chariot>>

    Dopo una breve pausa la serata riprende con lo scontro tra Carola Campagna e Virginia Castaldi del #TeamJAx che duettano sul pezzo che Carmen Consoli portò a Sanremo 2000, In bianco e nero. La sfida è complessa perché Ax ed il suo “supercoach” Enrico Ruggeri vogliono che entrambe le cantanti diano un’interpretazione distaccata dal modello della Consoli. Le due ragazze ricevono grandi complimenti per la loro interpretazione. Per JAx Virginia è stata più leggera mentre Carola più sicura e la sua decisione è immediata. Il coach, infatti, sembra avere le idee molto chiare su Carola, “una ragazza che sta per i fatti suoi ma che quando è il momento diventa una bomba”. Per Virginia il cammino a “The Voice” finisce qui, nessun giudice vuole rubarla con lo steal

    – Guarda la Battle Carola Campagna vs. Virginia Castaldi In bianco e nero>>

    E’ il momento di una nuova sfida per il #TeamPelù, si tratta della Battle Marco Andreotti vs. Ira Green che si scontrano cantando il classico degli Ac/Dc Back in Black. La performance è esplosiva e JAx sembra galvanizzato, sopratutto dall’headbanging di Ira. Piero sottolinea la complessità del pezzo complimentandosi con i suoi due talenti per la “filologicità” dell’interpretazione e nel contempo per una vena di originalità, ma la sua scelta è già presa: è Ira a vincere la battaglia. La ragazza ne è sorpresa e si commuove. Marco saluta “The Voice” questa sera, invece, non essendo oggetto di alcuno steal

    – Guarda la Battle Marco Andreotti vs. Ira Green Back in Black>>

    10

    Noemi e Roby

    La gara continua con uno scontro interno al #TeamNoemi, quello tra Chiara Piperno e Amelia Villano. Le due cantanti si cimentano nel brano di Sergio Endrigo recentemente riscoperto da Gianna Nannini Lontano dagli occhi. I Facchinetti preferiscono Chiara accusando Amelia di essere stata troppo simile alla Nannini. Per Noemi Amelia si perde troppo in ghirigori vocali mentre Chiara ha offerto una prova troppo concentrata sulla sua voce senza prestare attenzione all’aspetto del canto a due. Infine la coach decide di promuovere Amelia perché le è sembrata più forte. Per Chiara il viaggio a “The Voice” finisce stasera non essendoci alcuno steal

    – Guarda la Battle Chiara Piperno vs. Amelia Villano Lontano dagli occhi>>

    Adesso tocca a due ragazze del #TeamJAx, Tekla e Fatima Diallo. Le due voci si sfidano cantando il successo di Sia Chandelier. PerAxFatima è una cheesecake ai frutti di bosco che mangerebbe di continuo e Tekla ha la forza di una mamma che solleva il passeggino. La sua decisione è veloce e rapida, il rapper promuove Tekla che per lui ha la forza di un treno ad altissima velocità. Ma il talento di Fatima non passa inosservato, Noemi decide di dare una nuova chance alla cantante schiacciando (aiutata da J-Ax) il pulsante dello steal. Per la “Rossa” Fatima è una cantante fantastica ed è contenta di averla acquistata nel suo team

    – Guarda la Battle Tekla vs. Fatima Diallo Chandelier>>

    Lo scontro successivo è per il #TeamPelù. Simone Perrone e Roberta Carrese si giocheranno l’accesso ai knock-out con Somebody that I Used to Know di Gotye, preparata seguendo i consigli dello “special coach” Edoardo Bennato. L’esibizione sembra avere luci ed ombre, i coach non si sbilanciano evidenziando alcune imperfezioni nei due cantanti. Anche Piero nota che i due cantanti non hanno spinto molto con la voce, tuttavia decide di premiare le note basse di Roberta. Per Simone, invece, la speranza di continuare nel talent finisce stasera

    – Guarda la Battle Simone Perrone vs. Roberta Carrese Somebody that I Used to Know>>

    Tocca adesso al #TeamNoemi che schiera Alexandre Vella contro Thomas Cheval. I due talenti battaglieranno sulle note di Easy dei Faith No More. Si tratta di uno scontro molto interessante, entrambi i cantanti sono di origine francese ed entrambi, oltre a cantare, sono anche pianisti e sono costretti ad esibirsi senza il loro strumento. Papà e figlio Facchinetti sono molto colpiti dall’esibizioni e annunciano in anticipo che ruberanno chi dei due sarà escluso. Per coach Noemi la performance è stata poco briosa e la decisione sembra molto complessa. Infine la “Rossa” decide di prendersi cura di un “bocciolo” come il sedicienne Thomas lasciando il più maturo Alexandre alla mercé dello steal. I Facchinetti mantengono la loro promessa e premono il bottone ma anche Pelù si aggiunge ai pretendenti. La decisione è ardua ma alla fine il ragazzo sceglie di andare con papà e figlio Facchinetti

    – Guarda la Battle Alexandre Vella vs. Thomas Cheval Easy>>

    Papà e figlio Facchinetti

    Papà e figlio Facchinetti

    La dodicesima Battle vede contrapposte Denis Cannas e Martina Liscaio che canteranno Labyrinth, primo successo di Elisa. L’intrepretazione è di gran presa anche per il look celtico di Denise. Per Roby, infatti, Denise è entrata completamente nel pezzo mentre Noemi sembra preferire Martina per l’energia che ha tirato fuori. Per Piero prendere una decisione sembra una grossa fatica e, per la seconda volta in serata, chiede alle contendenti di accennare un pezzo a cappella. Dopo questa prova imprevista Piero decide di portare avanti Martina chiedendo umilmente scusa a tutto il popolo degli elfi. Denise, nonostante la sua originalità, lascia il talent non essendoci per lei alcuno steal

    – Guarda la Battle Denis Cannas vs. Martina Liscaio Labyrinth>>

    La serata continua con uno scontro per il #TeamFach, si tratta di Fabio Garzia contro Clark P che si misurano sulle note di Iris classico anni ’90 dei Goo Goo Dolls.Noemi dichiara di essersi sentita trasportata dal pezzo e la sua preferenza va a Fabio, che, tra l’altro, ha lavorato già con lei in passato. Per Ax entrambi sono stati bravissimi mentre Roby e Francesco fanno i complimenti a entrambi anche se per lo “zero virgola zero zero zero uno” la preferenza va a Clark. Ma attenzione, il talento di Fabio non sembra passare inosservato. Piero, infatti, chiede al ragazzo di improvvisare qualcosa a cappella e, subito dopo le prime note, preme il pulsante dello steal portando così il cantante ai knock out nelle file del suo team. Con questo “furto”, però, le possibilità di steal sono finite però dato che ogni team ha già acquistato due cantanti scartati da un altro team: da questo momento in poi non ci saranno più speranze per i prossimi talenti in gara, se saranno scartati saranno automaticamente eliminati dal gioco

    – Guarda la Battle Fabio Garzia vs. Clark P Iris>>

    Nuovo scontro per il #TeamJAx si tratta di Giuseppe Boscaglia contro Maurizio Di Cesare. Due voci particolari e due storie particolari che si confrontano con l’iconica Under the Bridge dei Red Hot Chili Peppers. Pubblico in delirio, studio incendiato, esibizione “maschia”. Per Francesco, Giuseppe è stato il migliore ma J-Ax è molto dubbioso, per lui si tratta di una delle Battle più difficili ma, infine, decide per Maurizio. Tuttavia per Giuseppe sembra esserci ancora una possibilità: lo “Zio” lo invita a cantare con lui per il suo prossimo disco

    – Guarda la Battle Giuseppe Boscaglia vs. Maurizio Di Cesare Under the Bridge>>

    Tocca adesso al #TeamNoemi. A confrontarsi sono Giuseppe Izzo, con la sua voce delicata e Viola Laurenzi con la sua “voce killer”. I due si misurano cantando Burn di Elle Goulding, duetto preparato con l’ausilio di Arisa, “Special Coach” del team. I coach notano tutti una esibizione al di sotto delle aspettative mentre Noemi sembra molto agitata. Infine, la “Rossa” sceglie il talento che per lei è più forte per affrontare i round successivi: Viola

    – Guarda la Battle Giuseppe Izzo vs. Viola Laurenzi Burn>>

    Piero Pelù

    Piero Pelù

    Il sedicesimo confronto della serata vede Tommaso Gregianin contro Francesco Paolo Bruno entrambi nel #TeamPelù. I due cantanti si sfidano sulle note di Storia d’amore di Adriano Celentano. Per Noemi le due voci sembravano quelle della lotta tra il bene e il male, Piero trova la voce di Francesco fantastica, simile a quella di Little Tony mentre quella di Tommaso sembra un’orchestra. La sua scelta cade proprio su di lui

    – Guarda la Battle Tommaso Gregianin vs. Francesco Paolo Bruno Storia d’amore>>

    L’ultima sfida della serata chiude anche le selezioni per il #TeamFach e contrappone Luce con Giulia Pugliese. Le due ragazze duettano su Io canto di Riccardo Cocciante, esibizione preparata con l’ausilio dello “special coach” Malika Ayane. L’esibizione lascia l’amaro in bocca ai coach, particolarmente a J-Ax che si aspettava molto di più. Secondo Roby le due ragazze non hanno avuto la fisicità giusta per interpretare il brano e rendere al massimo nell’inciso, tuttavia decide, d’accordo con Francesco, di salvare Luce

    – Guarda la Battle Luce vs. Giulia Pugliese Io canto>>

    I team si sono consolidati, le scelte sono state fatte, i coach sono pronti. Mercoledì 15 aprile sarà già tempo di Knock-Out, l’ultimo gradino di selezione che consegnerà la rosa dei cantanti che approderanno alla fase finale del talent, i live show. Per scoprire i loro nomi basta sintonizzarsi su Rai2 alle 21:10 oppure seguire lo streaming su Rai.tv o sul sito ufficiale www.thevoiceofitaly.rai.it

  • 2/4/2015 ore 1:08

    The Voice: rivivi la prima Battle

    Commenti 0

    blog_TVOI1blind2Due talenti. Stesso team. Stesso coach. Stessa canzone. E una sfida a colpi di musica, con la variabile dello Steal. Queste sono le Battle, seconda fase di questa terza edizione di The Voice of Italy. Questa sera i cantanti dei team facenti capo a Noemi, Pelù, J-Ax e Facchinetti si sono sfidati senza esclusione di colpi in una serie di duetti che hanno messo in luce le loro qualità canore e il loro talento. Tuttavia solo uno dei due sfidanti può avanzare alla fase successiva del talent, il Knock-Out, e ogni volta, per i loro coach, la scelta è sempre difficile. Ma grazie allo Steal non tutte le speranze sono perse, alla fine di ogni sfida canora, infatti, uno dei coach rivali può scegliere di “rubare” il cantante scartato dal suo coach.

    Per questa prima serata di Battle, i quattro coach si sono serviti di alcuni Special Coach che hanno dato preziosi consigli ai talenti per le esibizioni: Edoardo Bennato per Piero Pelù, Enrico Ruggeri per J-Ax, Malika Ayane per i Facchinetti e Arisa per Noemi.

    Primi a sfidarsi sono i cantanti del #TeamJAx, che è stato l’ultimo a comporsi durante le Blind. Ad aprire la tenzone musicale sono Edo Sparks e Lele che duettano sulle note di Uptown Funk vero e proprio chart-burster di questo inizio 2015 con la produzione di Mark Ronson e la voce di Bruno Mars. La performance è molto energica, Pelù resta ammaliato dalla danza “moonwalk” di Edo, mentre Francesco rimprovera al ragazzo di aver dato troppa attenzione alla performance e poca alla voce a differenza di Lele. Per J-Ax l’importante era “lasciarsi andare” anche nel ballo, proprio come Bruno Mars e per questo sceglie come vincitore Edo. Per Lele si apre la possibilità dello Steal ma nessuno dei coach decide di salvarlo.

    – Guarda la Battle Edo Sparks vs. Lele Uptown Funk>>

    Secondo duello della serata riguarda il #TeamNoemi e contrappone la forza sudafricana-americana-ischitana di Keeniatta a quella di Claudia Miele, la “pantera” del team. Campo di battaglia per le due cantanti è Survivor, successo che ha lanciato le Destiny’s Child nel panorama della musica internazionale. Anche questa è una performance molto energica, tanto che Noemi entra sul ring e comincia a ballare con le due sfidanti. Per Ax Keeniatta è uno dei grandi personaggi di questa edizione, secondo Pelù ci troviamo davanti a due voci straordinarie ma la scelta di Noemi è per Keeniatta, cantante che ha messo più cuore nella sua esibizione. Anche per Claudia nessuno Steal, quindi la sua esperienza finisce qui.

    – Guarda la Battle Keeniatta vs. Claudia Miele Survivor>>

    1

    Lo studio

    La gara continua con il primo scontro interno al #TeamFach, la Battle tra Gianni Scardamaglio e Alex Ceccotti. I due si cimentano con la versione italiana di The House of Rising Sun, ovvero, La casa del sole, successo peraltro già inciso dai Pooh qualche anno fa. L’esibizione evidenzia due voci molto possenti tanto che il maestro “Roby-One-Kenobi“, nomignolo che Francesco ha dato a suo padre Roby, accetta l’invito a cantare il refrain insieme agli sfidanti con un risultato devastante. I complimenti fioccano per entrambi ma, secondo Noemi, Gianni è stato più coinvolgente. Al momento della scelta Roby sembra piuttosto indeciso mentre Francesco, ammettendo che entrambi sono sullo stesso livello, sceglie di portare avanti Alex perché, cercando una star da lanciare nel mercato discografico, ha una immagine migliore rispetto al suo concorrente. Per Gianni, non essendoci stata nessuna chiamata per lo Steal, “The Voice” finisce qui. Eppure J-Ax sembra non essere per nulla d’accordo

    – Guarda la Battle Gianni Scardamaglio vs. Alex Ceccotti La casa del sole>>

    Si sfidano adesso due talenti del #TeamPelù, si tratta di Davide Fusaro e Alessandra Salerno. I due cantanti si danno battaglia sulle note di Ain’t no Sunshine di Bill Withers accompagnandosi uno con la chitarra e l’altra con l’inseparabile auto-harp e il pubblico in studio si infiamma tributando ai due ragazzi una sentita standing ovation. Secondo J-Ax Alessandra sembra Betty Boop che ha imparato a suonare l’autto-harp mentre la voce di Davide “spacca di brutto”. Anche Francesco è molto colpito dal duetto mentre per Roby è stato un momento di grande spettacolo frutto dell’incontro tra emozione e tecnica. Piero riconosce di aver pensato allo spettacolo e non all’economia del team dovendo adesso scegliere tra uno dei due, e, dopo una sofferta riflessione, sceglie di portare ai knock-out Alessandra. Ma le speranze di Davide non sono finite qui: sia J-Ax che Noemi decidono di “rubare” il talento premendo il pulsante dello Steal. Tra i due coach il giovane cantante romano sceglie lo Zio che se l’era disputato proprio con Pelù durante le Blind Auditions.

    – Guarda la Battle Davide Fusaro vs. Alessandra Salerno Ain’t no Sunshine>>

    Tocca ora a due cantanti del #TeamNoemi, ovvero Roberto Pignataro e Benny Pierri ai quali è stato affidato un grande classico italiano, Amo di Fausto Leali ed entrambi sembrano riuscire a toccare le stesse corde della voce “black” della versione originale. Per Roby la voce di Benny andrebbe premiata di più ma Francesco sconfessa subito il padre dicendo che Roberto ha dato un’interpretazione più sciolta e meno emozionata, ma la scelta tocca a Noemi, anche se ogni scusa è buona per scatenare battibecchi tra J-Ax e Francesco. Per la Rossa non c’è dubbio Roberto l’ha emozionata al punto di avere una sensazione simile ad un pugno nello stomaco. E mentre il vincitore si gode l’applauso per Benny le porte di “The Voice” si chiudono qui visto che nessuno degli altri coach se la sente di salvarlo.

    – Guarda la Battle Roberto Pignataro vs. Benny Pierri Amo>>

    Arriva uno dei momenti più attesi della serata, lo scontro che vede protagoniste Arianna Alvisi e Chiara Iezzi, proprio la Chiara di “Paola & Chiara”. E la canzone scelta dal coach J-Ax sembra proprio essere ispirata alla vita della Iezzi, si tratta di Celebrity Skin delle Hole, gruppo post-grunge tutto al femminile guidato da Courtney Love. Per Piero Pelù il brano è stato reso in una versione super-sexy, forse strizzando un po’ troppo l’occhio all’estetica della performance, secondo Roby, invece, le due cantanti sono state poco complici. La scelta è difficile, per J-Ax l’interpretazione di Chiara è stata curata nei dettagli ma Arianna è entrata nel brano interpretandolo in maniera sexy ed aggressiva. Per questo la scelta dello Zio va proprio su Arianna. Per Chiara, che ammette di aver ritrovato a “The Voice” i brividi e le emozioni che aveva perso da tempo, c’è però una seconda possibilità: in extremis, mentre sta uscendo dal palco, i Facchinetti decidono di premere il pulsante dello Steal richiamando la cantante in gara nel loro team. Con grande gratitudine J-Ax corre ad abbracciare Francesco, e non l’avremmo mai detto, anche se la scelta sembra portare qualche ombra nel rapporto tra padre e figlio. Subito dopo lo steal, infatti, Roby dichiara di non essere d’accordo con Francesco che ha deciso di premere il “capezzolone” di sua sponte senza consultarlo.

    – Guarda la Battle Arianna Alvisi vs. Chiara Iezzi Celebrity Skin>>

    L'orchestra

    L’orchestra

    La battaglia successiva riguarda proprio il #TeamFach che schiera Alessia Labate contro Cleila Granata. Le due cantanti duettano sulle note di Price tag di Jesse J. Per Piero Pelù si tratta di un’ottima esibizione di due voci “senza prezzo”, mentre J-Ax si sofferma su alcuni difetti di pronuncia della lingua inglese. Arriva il momento della decisione, Francesco sembra un po’ deluso e ritiene che le due cantanti abbiano dato il 50% del loro potenziale, per Roby la decisione è difficile perché la performance di entrambe non è riuscita a convincerlo né per l’una né per l’altra, tuttavia la scelta ricade su Alessia perché Cleila viene ritenuta da entrambi già completa di esperienza per affrontare il mercato della musica. Non essendoci alcuno Steal l’esperienza di Cleila a “The Voice” si conclude qui.

    – Guarda la Battle Alessia Labate vs. Cleila Granata Price tag>>

    Tocca adesso al #TeamPelù. In gara ci sono Valerio Miglietta, già noto per essere il fratello di Mietta e Marco De Vincentiis che si daranno battaglia sulle note dell’inno Rock La torre di Babele di Edoardo Bennato che è lo “special-coach” che ha accompagnato Pelù in questa settimana. Valerio rende un’interpretazione molto misurata mentre Marco è ribelle e ironico e infatti i coach stessi riconoscono questa differenza tra i due. Per Piero si tratta di scegliere tra l’affidabilità dell’uno e la pazzia dell’altro e ovviamente, il toro loco propende per la vena anarchica di Marco. Per Valerio, non essendoci nessuno Steal “The Voice” si conclude qui

    – Guarda la Battle Valerio Miglietta vs. Marco De Vincentiis La torre di Babele>>

    La gara prevede adesso uno scontro tra due voci del #TeamNoemi, Dany Petrarulo, che ha colpito molto per la sua sofferta storia di transizione sessuale, e Nicole Manenti. I due cantanti battagliano sulle note di La compagnia, pezzo di Lucio Battisti di cui qui viene eseguita la versione in cover di Vasco Rossi. L’esibizione colpisce molto J-Ax che, pur apprezzando la perfezione vocale di Nicole, loda particolarmente lo stile di Dany ritenendo il brano più adatto a lui. Noemi è rimasta molto colpita dal coraggio di Nicole mentre in Dany ha trovato la voglia di affermare la sua personalità e questo la porta a scegliere proprio lui. L’esperienza di Nicole a “The Voice” è terminata stasera non essendo stata rubata dagli altri coach con lo Steal.

    – Guarda la Battle Dany Petrarulo vs. Nicole Manenti La compagnia>>

    Arriva ora il momento di una nuova sfida per il #TeamFach si tratta di Chiara Beltrame, in arte Cli, contro Alberto Slitti,  in arte AJ Summers, due personalità piuttosto diverse, una melodica e una rap, che cercheranno di fondersi sulle note di Airplanes di B.O.B. Per Noemi i due cantanti hanno offerto un’ottima performance mentre per J-Ax Aj Summers, perfetto nel rap, dovrebbe cambiare nome d’arte perché gli ricorda un bagnino di una serie tv. Secondo Roby il duetto ha funzionato perché la coppia è “artisticamente perfetta” tuttavia padre e figlio decidono di far avanzare AJ Summers. Ma per Cli la porta di “The Voice” resta ancora aperta, infatti Piero Pelù decide di offrire una seconda chance alla cantante schiacciando, quasi allo scadere del tempo, il pulsante dello Steal e portando la cantante ai Knock-Out

    – Guarda la Battle Cli vs. AJ Summers Airplanes>>

    I Coach

    I Coach

    L’undicesima sfida della serata è nel #TeamJAx e vede contrapposte Ludovica Cola, giovane cantante piena di talento, e Nathalie Coppola, con una storia familiare non facile, cantare il successo senza tempo Quello che le donne non dicono di Fiorella Mannoia e, com’è noto, scritto da Enrico Ruggeri, special coach del TeamJAx questa sera. Per Noemi le due cantanti sono state lo Yin e lo Yang, Francesco preferisce Nathalie. JAx non si smentisce e decide di offrire un’opportunità proprio a Nathalie nonostante Ludovica fosse stata più precisa. Nessuno schiaccia il pulsante dello Steal e per la giovane romana “The Voice” finisce qui

    – Guarda la Battle Ludovica Cola vs. Nathalie Coppola Quello che le donne non dicono>>

    Segue una nuova sfida per il #TeamPelù: si tratta di Mariangela De Santis, in arte Marianè, contro Luca Gagliano. I due cantanti si confrontano esibendosi in Motocicletta di Lucio Battisti. I Facchinetti dichiarano subito di apprezzare di più Mariané, per Noemi entrambi hanno espresso una grandissima intensità e anche J-Ax sembra molto colpito dall’esibizione. La scelta, però, tocca a Piero Pelù che riconoscendo a entrambi un indubbio talento preferisce portare avanti nel talent Luca Gagliano. Ma non è ancora finita per Mariané, J-Ax infatti decide di schiacciare il pulsante dello Steal e lo stesso fa Noemi. La scelta della cantante è per la Rossa che, tra l’altro, aveva manifestato il suo apprezzamento anche durante le Blind Auditions.

    – Guarda la Battle Marianè vs. Luca Gagliano Motocicletta>>

    La serata continua con una sfida per il #TeamFach si tratta di Chiara Dello Iacovo contro Sofia Mancino. Le due cantanti si cimentano con il successo firmato Gianluca Grignani La mia storia fra le dita. Sul palco si respira sul serio l’odore della battaglia tanto che i Facchinetti si confrontano piuttosto animatamente tra loro chiedendo di isolarsi per qualche secondo ai bordi dello studio. Dopo un lungo parlottare padre e figlio decidono di promuovere Chiara mentre per Sofia non c’è possibilità di continuare visto che nessuno degli altri coach decide di esercitare lo Steal

    – Guarda la Battle Chiara Dello Iacovo vs. Sofia Mancino La mia storia fra le dita>>

    Nuovo giro, nuova sfida. A duettare e a giocarsi l’accesso ai Knock-Out sono Luca Boccadamo e Maurizio Musumeci che si cimentano in Sono come sono dei Bluvertigo. Per Francesco il vincitore è Maurizio perché quando “saltella” gli mette allegria, mentre Noemi li ha trovati entrambi “come sono” proprio come detto dal testo della canzone. J-Ax è soddisfatto da entrambi ma decide di promuovere Luca che, secondo lui, ha mostrato più coraggio. Per Maurizio la corsa finisce qui dato che nessuno degli altri coach esercita il suo Steal.

    – Guarda la Battle Luca Boccadamo vs. Maurizio Musumeci Sono come sono>>

    J-Ax e Noemi

    J-Ax e Noemi

    L’ultima sfida della serata è una sfida a tutto soul tra Gregorio Rega e Massimiliano Marchetti che duettano sul successo di Stevie Wonder Part Time Lover. I Facchinetti sono decisi su Massimiliano ma la scelta per Noemi è ardua, Massimiliano è bravo nelle note alte ma Gregorio ha usato meglio il suo corpo e anche per questo viene premiato dal suo coach che decide di portarlo alla prossima fase del talent. Purtroppo Massimiliano lascia “The Voice”, nonostante una grande esibizione, non essendo stato scelto per lo Steal

    – Guarda la Battle Gregorio Rega vs. Massimiliano Marchetti Part Time Lover>>

    Si conclude così la prima emozionante serata di battaglie della terza edizione di The Voice of Italy, ma la ricerca della “voce”, ovviamente, non è ancora conclusa: appuntamento a mercoledì 8 aprile alle 21:10 su Rai2 per scoprire quali saranno gli altri scontri canori tra i talenti in gara

  • 26/3/2015 ore 0:37

    The Voice: rivivi l’ultima Blind Audition

    Commenti 0

    TVOI_coach_blogDopo quattro serate ricche di musica ed emozioni, le Blind Auditions, prima fase dell’edizione 2015 di The Voice of Italy, arrivano al quinto, ed ultimo, appuntamento. Dopo questa puntata i quattro team facenti capo ai coach Noemi, J.Ax, Piero Pelù, Roby e Francesco Facchinetti saranno completi e pronti per darsi battaglia nelle fasi successive del talent.

    Prima “voce” a sfidare il giudizion dei coach di questa ultima serata di Blind Auditions è Claudia Miele, trentenne monzese originaria di Napoli molto innamorata di suo marito che vuole continuare a essere felice con lui inseguendo, però,i suoi sogni musicali. Per la sua audizione Claudia ha scelto It’s Raining Men pezzo originariamente interpretato dalla Weather Girls nel 1982 e poi riportato in auge da Geri Halliwell nel 2001. Si girano Noemi e Pelù ma la scelta finisce sulla Rossa Noemi che dice di Claudia: “Il tuo corpo è un’ enorme cassa di risonanza”.

    Guarda la presentazione di Claudia Miele>>

    Guarda l’esibizione It’s Raining Men>>

    Segue Dennis Fantina. Dennis si gioca in questa audizione gran parte della sua carriera: il cantante triestino, infatti, ha vinto la priam edizioen del talent Amici e l’arrivo a The Voice potrebbe essere per lui un volano per riprendere in mano la suo destino artistico. Sul palco porta Credimi ancora di Marco Mengoni ma, purtroppo, non riesce a convincere nessuno dei coach a girarsi. Francesco Facchinetti, però, lo riconosce e si scusa

    Guarda la presentazione di Dennis Fantina>>

    Guarda l’esibizione Credimi ancora>>

    E’ ora il momento di Francesco Paolo Bruno, il giovane cantante è qui per commemorare la memoria di una persona cara, il nonno. Per la sua audition sceglie un classico di Ray Charles, I got a Woman e con la sua voce calda e graffiante convince a girarsi tutti e quattro i coach che fanno a pugni per averlo in squadra. Tra loro Roby Facchinetti dichiara di essere molto colpito dalla sua forza mentre Piero Pelù resta ammaliato dalle sue possibilità rock. E infatti la scelta di Francesco è proprio per el Toro Loco

    Guarda la presentazione di Francesco Paolo Bruno>>

    Guarda l’esibizione I got a Woman>>

    Federico Russo e i coach

    Federico Russo e i coach

    Tocca ora a Chiara Piperno. Chiara è calabrese ma studia a Milano, canta da quando era piccola e nonostante la giovane età ha già molto sofferto a causa di una brutta malattia, per lei, quindi, essere a The Voice è anche un riscatto dopo tutte le sofferenze e le rinunce. La diciannovenne interpreta Pregherò di Giorgia e con la sua voce desta le attenzioni di Noemi e dei Facchinetti. Roby è molto convinto dalla dinamica della sua voce mentre Noemi intuisce nel suo timbro una ruvidità che può farla apparire più matura. Dopo una scelta combattuta Chiara sceglie di entrare proprio nel team della cantante romana

    Guarda la presentazione di Chiara Piperno>>

    Guarda l’esibizione Pregherò>>

    Sale sul palco Riccardo Vietti. Riccardo ha 17 anni e viene da Canicattì, si presenta alle audizioni accompagnato da tutta la sua famiglia. Studia e suona il piano fin da piccolo ma poi, grazie ai Beatles, si è appassionato al rock. Per la sua prova il ragazzo ha deciso di cantare Love never felt so good di Michael Jackson accompagnandosi da solo al piano ma nonostante l’impegno nessuno dei coach decide di scommettere su di lui. Secondo J-Ax Riccardo è stato poco incisivo anche se ha sostenuto una buona prova mentre Noemi lo definisce “un animaletto meraviglioso”

    Guarda la presentazione di Riccardo Vietti>>

    Guarda l’esibizione Love never felt so good>>

    Sesto cantante della serata è Simone Perrone. Figlio unico, laureato e cantautore con un lavoro molto particolare: ha un chiosco di panini per strada, ma di sera si esibisce con la sua band i Jack in the Head. Per la sua audizione Simone sceglie Amandoti dei CCCP e la sua performance riesce a convincere Piero Pelù che resta impressionato dalla sua capacità vocale e dal modo in cui il cantante ha reso la sua interpretazione tanto da definirlo “il mio Toro Loco

    Guarda la presentazione di Simone Perrone>>

    Guarda l’esibizione Amandoti>>

    Tocca ora a Fabio Garzia. Fabio ha 32 anni e fa il musicista da tempo . Grazie alal sua ragazza che organizza lo scherzo, viene a sapere “a sorpresa” di essere alle Blind. Per lui “The Voice” è il modo per essere finalmente ascoltato da qualcuno e per questo prepara con dovizia la sua audizione scegliendo Dancing in the dark di Bruce Springsteen. A girarsi sono Pelù, Facchinetti e Noemi. Piero Pelù si complimenta per la scelta del brano, Noemi rivela, invece, che il cantante fa già parte della sua band in qualità di chitarrista sostituto, per Roby Facchinetti Fabio ha una grandissima carica. Al momento della scelta il cantante dice di non poter scegliere Noemi per correttezza rispetto agli altri concorrenti e la sua preferenza si indirizza verso i Facchinetti

    Guarda la presentazione di Fabio Garzia>>

    Guarda l’esibizione Dancing in the dark>>

    E’ adesso il momento di Giuseppe Libè. Giuseppe è un cantautore piacentino che ama molto la musica popolare e che scrive canzoni sul quotidiano. Sul palco di The Voice canta Alice classico senza tempo di Francesco De Gregori. Putroppo la sua esibizione, molto apprezzata dal pubblico in sala, non desta l’attenzione dei coach che non si girano. Per Noemi il suo stile “è un po’ datato”, per Piero somiglia troppo a Ligabue

    Guarda la presentazione di Giuseppe Libè>>

    Guarda l’esibizione Alice>>

    Noemi e J-Ax

    Noemi e J-Ax

    Arriva il momento di Luca Boccadamo. Giuseppe è un ragazzo salentino di 22 anni che fa il saldatore ma che, a causa delle ristrettezze economiche della sua famiglia, ha dovuto rinunciare a tante cose e per questo è pieno di rabbia. The Voice è l’unica opportunità che gli è rimasta per fare qualcosa con la musica e vuole coglierla in pieno. Sul palco canta il pezzo raggamuffin Get High di Ky-Many Marley, lo personalizza con una strofa dedicata ai coach ed è en-plein.Francesco Facchinetti è molto colpito dal freestyle di Luca e gli chiede di fare un pezzo a cappella ma la scelta va, per affinità di genere, a J-Ax

    Guarda la presentazione di Luca Boccadamo>>

    Guarda l’esibizione Get High>>

    Decimo cantante di questa sera è Andrea Porceddu, ventunenne cuoco trentino con una grande passione per la musica. A The Voice si presenta col successo dei Green Day Wake me up when September ends. E’ Noemi ad ammaliare il giovane cantante che sceglie di entrare nel suo team

    Guarda la presentazione di Andrea Porceddu>>

    Guarda l’esibizione Wake me up when September ends>>

    Tocca ora a Giulia Pugliese, una ventunenne di Marsala che ama cantare e che da sempre ha avuto una passione per la musica. Suona il piano senza averlo mai studiato e, proprio grazie alla musica, ha superato anche momenti molto duri legati a una difficile cura medica. Sul palco di The Voice Giulia presenta People help the People nella versione di Birdy e convince tutti e quattro i giudici. I Facchinetti, in particolare, dichiarano che la sua voce è riuscita a metterli d’accordo più di tutte mentre per J-Ax la sua voce è capace di portare la pace in Medioriente. Ma il cuore di Giulia la porta verso papà e figlio che così sono i primi a chiudere il loro team

    Guarda la presentazione di Giulia Pugliese>>

    Guarda l’esibizione People help the People>>

    E’ ora il momento di Giuseppe Izzo, venticinquenne della provincia di Caserta che giunge a The Voice con tante speranze e tanta emozione. Per la sua audizione sceglie Another Love di Tom Odell e convince sia J-Ax che Noemi. E, dopo un discorso accorato, Giuseppe sceglie di entrare proprio nel team “dei fiori d’acciaio” completando così la squadra agli ordini della rossa cantautrice romana che si annuncia essere molto competitiva

    Guarda la presentazione di Giuseppe Izzo>>

    Guarda l’esibizione Another Love>>

    Dopo una breve interruzione, la serata riprende con una Blind Blind, ovvero un’audizione in cui il cantante è nascosto da un telo sia agli occhi dei coach che a quelli del pubblico. Protagonista di questo momento è Pierluca Tevere che interpreta con una voce molto graffiata Unchain my Heart di Joe Cockere a girarsi è Piero Pelù che sembra molto convinto dal giovane. Con questa ultima scelta, Piero chiude il suo team

    Guarda l’esibizione Unchain my Heart>>

    Arriva sul palco Edoardo Esposito, in arte Edo Sparks, il giovane romano si interessa di musica fin dall’infanzia e dall’epoca delle medie sogna di esibirsi davanti ad un pubblico. A The Voice Edoardo interpreta a modo suo il successo degli OutKast Hey Ya! dandogli una lettura acustica sottolineata dall’accompagnamento della chitarra suonata da lui. J-Ax unico coach a non aver ancora completato il suo team non resiste al suo talento e si gira quasi subito

    Guarda la presentazione di Edoardo Esposito>>

    Guarda l’esibizione Hey Ya! >>

    Lo studio

    Lo studio

    Simpatia, stile e follia sono gli ingredienti di Simona Angelini Larghetti che presenta per la sua Blind Audition Just an Illusion, brano del 1982 degli Imagination. Ma non basta per costringere Ax a premere il bottone per far girare la sua poltrona, secondo il rapper milanese la ragazza è “al posto giusto nel momento sbagliato”

    Guarda l’esibizione Just an Illusion>>

    Sarà Simona Caruso a far capitolare lo Zio? La cantante, originaria della provincia di Cosenza, porta sul palco un classico della dance anni ’90 Rhythm is a Dancer degli Snap ma anche questa volta Ax non si gira perché è in cerca di “qualcosa di più cattivo”. A Francesco Facchinetti dispiace aver chiuso il team perché è un gran fan del brano e la versione data da Simona, a suo modo di vedere, è incredibile

    Guarda l’esibizione Rhythm is a Dancer>>

    Segue Mattia De Simone, cantante napoletano che interpreta l’emozionante Counting Stars degli One Republic accompagnandosi con la sua chitarra. Ma anche in questo caso lo Zio non capitola, per lui Mattia è “troppo perfetto” e difetta di originalità

    Guarda l’esibizione Counting Stars>>

    Eleonora Vecchio, 28 anni e una storia complessa prova a far capitolare J-Ax con Rome wasn’t build in a Day dei Morcheeba ma nonostante un acuto-killer anche in questo caso il rapper milanese decide, per poi pentirsene, di non girarsi tra l’indignazione degli altri coach, particolarmente quella dei Facchinetti che si maledicono per aver già chiuso il loro team

    Guarda l’esibizione Rome wasn’t build in a Day>>

    A cercare di convincere lo Zio ci prova Giulia Vertaldi, ventunenne della provincia di Caserta, che mostra tutta la sua forza vocale in Set Fire to the Rain di Adele. Ma anche questa volta J-Ax dice di no, per lui ci vuole un “cantante che costringa mamma a chiederti di abbassare il volume della radio” e non è il caso di Giulia

    Guarda l’esibizione Set Fire to the Rain>>

    E’ il turno di Maurizio Di Cesare, 22 anni da Cagliari. Riuscirà a convincere J-Ax di essere l’uomo giusto per completare il suo team? Fin dalle prime note di All of me di John Legend lo Zio sembra essere molto convinto e sul ritornello, finalmente, decide di premere il “capezzolone” e girarsi. Subito dopo sale sul palco e si sdraia ai piedi del cantante abbracciandolo e complimentandosi per la sua esibizione. E’ fatta: anche il TeamAx è completo!

    Guarda l’esibizione All of me>>

     

    Tutti e quattro i team sono ora al completo, ecco come sono composti:

    J-Ax

    J-Ax

     

    Team J-Ax: Nathalie Coppola, Chiara Iezzi, Giuseppe Boscaglia, Raffaele Esposito, Ilaria Bentrovato, Francesca Cini, Ludovica Cola, Fatima Diallo, Lavinia Viscuso, Virginia Cristaldi, Carola Campagna, Maurizio Musumeci, Arianna Alvisi, Luca Boccadamo, Edoardo Esposito, Maurizio Di Cesare

     

     

     

     

    30

    Noemi

     

    Team Noemi: Alexandre Vella, Amelia Villano, Andrea Orchi, Andrea Porceddu, Benny Pierry, Chiara Piperno, Claudia Miele, Dany Petrarulo, Giuseppe Izzo, Gregorio Rega, Keeniatta Baird, Massimiliano Marchetti, Nicole Manenti, Roberto Pignataro, Thomas Cheval, Viola Laurenzi

     

     

     

     

     

    Piero Pelù

    Piero Pelù

     

    Team Pelù: Alessandra Salerno, Arianna Carpentieri, Davidea Fusaro, Denise Cannas, Francesco Paolo Bruno, Luca Gagliano, Marco Andreotti, Marco De Vincentiis, Mariangela De Santis, Martina Liscaio, Pierluca Tevere, Roberta Carrese, Silvia De Santis, Simone Perrone, Tommaso Gregianin, Valerio Miglietta

     

     

     

     

    Roby e Francesco Facchinetti

    Roby e Francesco Facchinetti

     

    Team Facchinetti: Alberto Slitti, Alessia Labate, Alex Ceccotti, Chiara Beltrame, Chiara Dello Iacovo, Claudio Placanica, Clelia Granata, Fabio Curto, Fabio Garzia, Giovanni Scardamaglio, Giulia Pugliese, Maria Luce Gamboni, Sara Vita Felline, Sarah Jane Olog, Sofia Mancino, Valentina Caturelli

     

     

     

     

    Appuntamento a Mercoledì 1 aprile alle 21:10 su Rai2 quando i talenti dei quattro team si sfideranno tra loro nella prima delle due serate dedicate alle Battle

  • 19/3/2015 ore 0:46

    The Voice: rivivi la quarta Blind Audition

    Commenti 0

    blog_TVOI1blind2Quarto appuntamento per le Blind Auditions di The Voice of Italy edizione 2015. Anche questa sera sono sfilati davanti alle poltrone dei coach Noemi, J-Ax, Piero Pelù, Roby e Francesco Facchinetti numerosi talenti dall’ugola d’oro desiderosi di diventare la “voce” vincitrice della terza edizione del talent show musicale targato Rai2.

    La prima voce ad esibirsi è quella di Maria Luce Gamboni, diciannovenne di Pesaro. Luce ha scoperto da bambina la passione per la musica e attraverso la sua voce vorrebbe esprimere il suo mondo interiore cercando di fare il massimo. Sul palco di The Voice la cantante pesarese si esibisce in Million Dollar Bill di Whitney Houston convincendo Noemi, i Facchinetti e J-Ax. Noemi resta stupita dai suoi
    acuti mentre Roby Facchinetti è impressionato dalla sua sicurezza. E Luce sembra apprezzare proprio la coppia padre-figlio scegliendo il loro team

    – Guarda la presentazione di Maria Luce Gamboni>>

    – Guarda l’esibizione Million Dollar Bill>>

    Seconda esibizione è una Blind Blind, ovvero un’audizione dove il cantante si nasconde dietro una tenda e nessuno, neanche il pubblico, può vederlo. Primo a nascondersi, questa sera, è il toscano Massimiliano Marchetti che interpreta Glitter and Gold di Rebecca Ferguson. Con la sua performance Massimiliano fa girare Pelù, Noemi e i Facchinetti i quali, ascoltata l’esibizione, non si aspettavano di trovare, dietro il tendone, un ragazzone grande e grosso. Tra i tre, la scelta del cantante è per Noemi

    – Guarda l’esibizione Glitter and Gold>>

    La terza audizione è quella di Carola Campagna, diciassettene brianzola con la passione per Claudio Baglioni che è a The Voice per trovare la “giusta collocazione” per lanciarsi nel mondo della musica. Sul palco porta The A Team del cantautore inglese Ed Sheeran ed è en-plein. Carola rivela di essere anche autrice di testi, cosa che incuriosisce molto Pelù e Noemi ma, nonostante le pressioni, la ragazza decide di entrare nel team di J-Ax

    – Guarda la presentazione di Carola Campagnai>>

    – Guarda l’esibizione The A Team>>

    I giudici sulle poltrone

    I coach sulle poltrone

    Tocca ora a Giovanni Ursini. Giovanni è nato in Brasile ma a otto mesi è stato adottato da una famiglia romana e si esibisce per le strade della capitale. Sul palco di The Voice si esibisce in Sogni di Rock’n’Roll di Ligabue ma nonostante una performance molto energica nessuno dei coach si gira

    – Guarda la presentazione di Giovanni Ursini>>

    – Guarda l’esibizione Sogni di Rock’n’Roll >>

    E’ il momento di Silvia De Santis da Imola. Silvia studia canto lirico e insegna da anni musica leggera. Per la sua Blind Audition sceglie The Man I Love del famoso compositore George Gershwin e per Piero Pelù è amore al primo ascolto. Secondo il rocker fiorentino Silvia, oltre ad essere bella, brava e “matta”, ha mostrato grande sicurezza nel cantato

    – Guarda la presentazione di Silvia De Santis>>

    – Guarda l’esibizione The Man I Love>>

    A seguire è il momento di Chiara Beltrame per cui la musica è la migliore forma di espressione. Chiara è stata in India e ha fatto musica insieme a dei bambini. Sul palco di The Voice canta “DNA” di Anna F. In extremis a girarsi sono Noemi e i Facchinetti mentre J-Ax le fa i complimenti per i calzini ed, in effetti, Chiara sembra avere uno stile molto particolare. La scelta, infine, cade su padre e figlio Facchinetti

    – Guarda la presentazione di Chiara Beltrame>>

    – Guarda l’esibizione DNA>>

    Settima voce a calcare il palco stasera è Nadia Borzak, una “nipote d’arte”. Sua nonna, infatti, era la famosa cantante romana Gabiella Ferri da cui dichiara di aver ereditato la passione per la musica. Nadia, però, nonostante i suoi 19 anni, ha molte sofferenze alle spalle legate anche alla tragica scomparsa proprio di sua nonna. Nella sua audizione la giovane cantante interpreta Remedios pezzo portato al successo in Italia proprio da Gabriella Ferri ma, purtroppo, non riesce a convincere nessuno dei quattro coach che, comunque, ne hanno riconosciuto l’originalità

    – Guarda la presentazione di Nadia Borzak>>

    – Guarda l’esibizione Remedios>>

    Francesco si complimenta con Noemi

    Francesco si complimenta con Noemi

    E’ il momento di Maurizio Musumeci, rapper palermitano che crede nel valore del messaggio della musica per il sociale. Sul palco di The Voice porta una versione particolare de L’avvelenata di Francesco Guccini con l’aggiunta di una parte rap scritta da lui. A girarsi sono J-Ax e i Facchinetti, anche se Roby non sembra convintissimo. Lo “Zio” sembra molto apprezzare il mash-up del palermitano ed infatti la scelta di Maurizio cade proprio su di lui

    – Guarda la presentazione di Francesco Guccini>>

    – Guarda l’esibizione L’avvelenata>>

    Tocca ora a Gregorio Rega, ventisettenne di Roccarainola, in provincia di Napoli, che cerca, con The Voice, di dare un segnale ai ragazzi della sua zona per continuare a seguire i sogni. Per la sua audizione sceglie Love Foolosophy dei Jamiroquai. A girarsi sono J-Ax e Noemi, Ax nota subito la somiglianza vocale con Jay Kay, frontman dei Jamiroquai, e non risparmia qualche critica al suo look. Ma la scelta di Gregorio è per la rossa Noemi di cui è fan

    – Guarda la presentazione di Gregorio Rega>>

    – Guarda l’esibizione Love Foolosophy>>

    Sale sul palco ora Davide Fusaro. Davide si esibisce in giro per locali con la sua chitarra e, come obiettivo, grazie a The Voice vuole portare la sua musica in giro per il mondo. Il cantante si esibisce in una personale versione di Every Little Thing She Does is Magic di Sting e a girarsi sono J-Ax e Piero Pelù. Dopo uno scrosciante applauso del pubblico, lo “zio” gli chiede di ripetere uno degli acuti fatti durante l’esibizione mentre Roby Facchinetti gli suggerisce di scegliere Piero Pelù. Ed infatti la scelta ricade su quest’ultimo

    – Guarda la presentazione di Davide Fusaro>>

    – Guarda l’esibizione Every Little Thing She Does is Magic>>

    Undicesimo cantante della serata è Arianna Alvisi. Arianna esce da un periodo delicato in cui ha sofferto molto per amore e grazie a The Voice vuole riscattarsi e cominciare una nuova vita. Sul palco canta Una ragione di più celeberrimo successo di Ornella Vanoni e convince tutti e quattro i giudici che non restano indifferenti alla sua voce e al suo look. La decisione di Arianna, però, non cede alle lusimghe ma segue il suo cuore e va verso J-Ax che ha segnato dei ricordi molto positivi della sua vita

    – Guarda la presentazione di Arianna Alvisi>>

    – Guarda l’esibizione Una ragione di più>>

    Lo sguardo del "Toro Loco"

    Lo sguardo del “Toro Loco”

    Tocca ora a Sara Schlingensiepen che viene da una famiglia di musicisti e, nonostante abbia solo 16 anni, ha già scritto delle canzoni sue. Per la sua audizione sceglie Titanium successo marchiato David Guetta e Sia e si accompagna da sola al piano ma l’emozione la tradisce e per questo nessuno dei quattro coach decide di scommettere su di lei

    – Guarda la presentazione di Sara Schlingensiepen>>

    – Guarda l’esibizione Titanium>>

    Dopo una breve pausa arriva il momento di Andrea Orchi che ha 28 anni ed è di Roma. Andrea è un ragazzo molto sensibile che vive la percezione delle cose e delle emozioni in maniera molto particolare e ha scelto di venire a The Voice perché è l’unico talent dove i coach sono girati e non badano all’aspetto fisico. Sul palco si esibisce in una versione molto emozionante di Skinny Love di Bon Iver accompagnandosi al piano, strumento che suona dall’età di 11 anni. La sua interpretazione desta l’attenzione di Noemi e dei Facchinetti. Per Francesco si tratta del “Nerd della musica italiana” ed è attratto dal contrasto tra il suo aspetto fisico non proprio bellissimo e la sensualità della sua voce. Al momento della scelta Andrea però non cede alle tentazioni di padre e figlio e decide di entrare nel team di Noemi

    – Guarda la presentazione di Andrea Orchi>>

    – Guarda l’esibizione Skinny Love>>

    Tocca ora a Giovanni Scardamaglio, ventitreenne di Ercolano che di mattina è commerciante ma di sera si esibisce per locali cantando. Per lui cantare è un modo per sentirsi più forte e sfidare anche il suo aspetto fisico un po’ “rotondo”. Sul palco di The Voice Giovanni si esibisce in Pronto a correre di Marco Mengoni. La sua voce convince papà e figlio Facchinetti che si girano e accolgono con piacere Gianni nel loro team

    – Guarda la presentazione di Giovanni Scardamaglio>>

    – Guarda l’esibizione Pronto a correre>>

    E’ il momento della seconda “Blind Blind” della serata. A essere nascosta dal telone è Elisabetta D’Aiuto che interpreta il classico di David Bowie Space Oddity ma nessuno dei quattro coach è pienamente convinto dell’esibizione pur apprezzandone la qualità

    – Guarda l’esibizione Space Oddity>>

    La foga porta Roby a rompere il pulsante

    La foga porta Roby a rompere il pulsante

    Sedicesimo cantante della serata è Marco Andreotti. Marco è toscano ed è apppassionato di rock e… dei suoi capelli. Sul palco di The Voice si esibisce in Mama Maè dei Negrita e il mix Toscana+Rock attira subito Piero Pelù

    – Guarda la presentazione di Marco Andreotti>>

    – Guarda l’esibizione Mama Maè>>

    Ultima audizione della serata è quella di Alessia Labate diciassettenne di grande carattere che si presenta con la sua chitarra e Lego House di Ed Sheeran. A girarsi sono Noemi, i Facchinetti e Pelù che cercano di portare acqua al proprio mulino riempendo di complimenti la ragazza, Alessia ascolta tutti ma le parole che la colpiscono di più sono quelle di Roby e Francesco per cui decide di entrare nel team dei Facchinetti

    – Guarda l’esibizione Lego House>>

    Si conclude così la quarta serata delle Blind Auditions di questa edizione di The Voice. Appuntamento si Rai2 a mercoledì prossimo alle 21:10 per sapere come si comporranno i quattro team che si sfideranno nella fase successiva, ovvero quella delle Battles

     

     

Calendario

giugno: 2015
L M M G V S D
« mag    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930