Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • 8/7/2011 ore 11:39

    Rai3: ‘Mussolini, Soldi, Sesso e Segreti’

    Commenti 1

    Il nuovo ciclo de ‘La Grande Storia’ si apre, venerdì 8 luglio alle 21.05 su Rai3, con “Mussolini, Soldi, Sesso e Segreti“, un originale ed esclusivo ritratto del Ventennio. Il film-documento, con l’aiuto di documenti dell’Archivio di Stato, racconta truffe e speculazioni, profitti illeciti, malversazioni, scandali, carriere strepitose del Regime. Un continuo malaffare che Mussolini copre e tollera, per compensare chi ha creduto in lui e lo ha aiutato nel momento dell’ascesa e per tenerlo in pugno con l’arma del ricatto. Non solo soldi, ma anche sesso come strumento di controllo e di potere: dal talamo nuziale all’alcova del bordello, ovunque l’orecchio dell’Ovra è in ascolto. Dossier, lettere, minacce, accuse vere e false di oscenità, inganni, arresti, frodi, ricatti e l’accusa di omosessualità come arma politica. Proprio con questa accusa vengono brutalmente emarginati i due onesti moralizzatori e segretari del Partito Nazionale Fascista Augusto Turati e Giovanni Giuriati. Un dossier con l’accusa di pederastia sarebbe stato preparato anche contro il principe Umberto, per impedire la successione al padre sul trono d’Italia. Il film-documento prosegue con la vita privata di Mussolini: due mogli e le altre, sessanta relazioni “certificate” e molte altre clandestine. ‘La Grande Storia’ mostra per la prima volta in tv i volti sconosciuti di due di queste donne: la famosissima pianista Magda Brard e la giornalista di “Le Matin”, Magda Fontanges, due documenti filmati scoperti dall’autore negli archivi francesi Gaumont/Pathé. Il racconto continua con i figli del Duce, veri o presunti, legittimi o illegittimi, riconosciuti o abbandonati. I figli lasciati morire. Soldi e Sesso, ma anche Segreti, di rapporti con le logge massoniche. E dal legame con la massoneria agli occulti finanziamenti della Francia. Dalla frode a danno di D’Annunzio agli accordi con gli industriali, dalle leggi ad personam, ai conflitti d’interesse, alla promessa di nuove guerre, per nuove armi e nuovi lucrosi affari. Fino al colpo di scena finale, l’ultimo segreto, solo da poco svelato: nel 1942 Mussolini fa accreditare su un conto dello Ior, la banca del Vaticano, ben tre milioni di dollari, circa 61 milioni di euro, con l’ordine di trasferirli negli Stati Uniti. Ma nel 1942 l’America è già una nazione nemica. A cosa dovevano servire quei soldi? È l’ammissione che il duce vedeva la sconfitta vicina? È quasi un’assicurazione sulla vita dopo la disfatta? O c’erano altri scopi a noi sconosciuti? La Storia dovrà ancora indagare in cerca di risposte.

    – Guarda in streaming ‘Mussolini, Soldi, Sesso e Segreti’, Rai3, 8 luglio, 21.05>>

    – Entra nel sito de ‘La Grande Storia’ >>

    – Guarda tutti i video del programma su Rai.tv >>

  • Venerdì 8 luglio, 21.05, Rai3. Torna per il quattordicesimo anno consecutivo il racconto in prima serata della Storia e dei suoi protagonisti. Torna “La Grande Storia”, il programma che si pone come obiettivo quello di ‘scartabellare’ negli archivi dei secoli scorsi per indagarne risvolti mai realmente presi in considerazione. Si comincia con Mussolini, Soldi, Sesso e Segreti, un inedito, esclusivo, mai visto, ritratto del Ventennio.

     

    Per anni si è aggirato tra gli italiani un luogo comune: il Fascismo era, sì, una dittatura, che aveva strappato con violenza la libertà agli italiani, aveva eliminato ogni opposizione e dissenso, ogni libertà di stampa e partito politico, ma, almeno – è questo il luogo comune – i fascisti non rubavano, non erano corrotti, non corrompevano, non favorivano, non piegavano lo Stato ai propri interessi. Così non era.

     

    Storie di Soldi, Sesso, ma anche Segreti.

    Segreti di “squadra e di compasso”, di rapporti con le logge, di alleanza con i gran maestri. E poi dall’astuto legame con la massoneria agli occulti finanziamenti della Francia. Dalla frode a danno di D’Annunzio agli accordi con gli industriali, dalle leggi ad personam, ai conflitti d’interesse, alla promessa di nuove guerre, per nuove armi e nuovi lucrosi affari.

     

    Tra gli altri documentari in programma in questo nuovo ciclo estivo:

    All’ombra del Fuhrer

    Cartoline dal Ventennio

    La leggenda nera del nazismo

    ROma-BERlino-TOkio: Terrore dal cielo

    Alla corte di Stalin, Liberate il Duce! – La vera storia dell’operazione Quercia

    Il corpo di Hitler.

     

    – Guarda la diretta on line, venerdì 8 luglio alle 21.05 >>

    – Entra nel sito de La Grande Storia >>

    – Guarda tutti i video del programma su Rai.tv >>

    – Il Magazine del sabato mattina >>

     

  • 9/6/2011 ore 11:14

    Santoro, addio alla Rai atto II

    Commenti 31

    Ultima puntata di Santoro in Rai: si parla anche del referendum sul nucleare stasera, giovedì 9 giugno, ad Annozero” – in onda alle 21.10 su Rai2.

    L’avventura di Michele Santoro come conduttore di talk di approfondimento politico in Rai iniziò con “Samarcanda”, programma che nella sua prima versione fu trasmesso nel 1987. Ironia della sorte fu quello l’anno del primo referendum sul nucleare in Italia; il cerchio si apre e si chiude sulla questione energetica per un giornalista che senza dubbio ha iniettato carburante nuovo e forza propulsiva nel linguaggio e nei contenuti della televisione italiana.

    Dal 1987 sono passati 24 anni, in pratica una generazione, un quarto di secolo. Non fu un anno qualsiasi nella storia della nostra tv. La direzione di Rai Tre fu affidata ad un intellettuale, Angelo Guglielmi, che trasformò la rete da canale meramente culturale ad un laboratorio aperto sulla realtà e sulle nuove forme della comunicazione. Uno dei primi programmi ad andare in onda fu per l’appunto “Samarcanda” di Michele Santoro, insieme a “Linea rovente”, “Telefono giallo”, “Chi l’ha visto?”, “Blob”, “La tv delle ragazze”, solo per citarne alcuni.

    Quel 1987 fu anche l’anno in cui due star di prima grandezza della Rai, Pippo Baudo e Raffaella Carrà, passarono alla Fininvest e una stella nascente della Fininvest, Gerry Scotti, fu eletto Parlamentare della Repubblica.

    L’anno del battesimo di “Samarcanda” è ben contraddistinto da passaggi fra tv pubblica e privata, e fra televisione e politica, e Michele Santoro non sarà da meno: nel 1996, quando lascia una prima volta la Rai per Mediaset (tre anni di “Moby Dick” su Italia1) e nel 2004, quando è eletto parlamentare europeo.

    Nella prima tranche della sua esperienza in Rai, Santoro costruisce il suo successo con tre programmi: la già citata “Samarcanda”, “Il rosso e il nero”, “Temporeale”. Gli inizi sono più “sperimentali”, scenografia di Barberio Corsetti, narrazione un po’ frammentata. Poi, via via, con il crescere degli ascolti, il linguaggio si fa più coinvolgente, di forte presa emotiva. Iniziano i collegamenti in diretta con la gente nelle piazze,  i “gemellaggi” con Maurizio Costanzo, le battaglie contro la mafia.

    Dopo l’esperienza a Mediaset, il ritorno in Rai con programmi come “Circus”, “Sciuscià”, “Il raggio verde”. Infine “Annozero”.  Eccoci ai giorni nostri con il secondo addio alla Rai, tre lustri dopo il primo e, un quarto di secolo dopo, ancora un referendum sul nucleare.

     

    – Segui “Annozero” in diretta giovedì 9 giugno alle 21.10 >>

    – Rivedi le puntate dell’ultima stagione di “Annozero” >>

    – Rivedi le puntate di “Annozero” stagione 2009-2010 >>

    – Rivedi le puntate di “Annozero” stagione 2008-2009 >>

    – Rivedi le puntate di “Annozero” stagione 2007-2008 >>

    – Rivedi le puntate di “Annozero” stagione 2006-2007 >>

  • 29/3/2011 ore 12:30

    La corruzione politica a “Potere”

    Commenti 0

    Esordio stagionale in seconda serata per Lucia Annunziata con “Potere“, in onda il lunedì notte su Rai3 con sei speciali su temi politici e sociali.

    Nella prima puntata si è discusso di potere economico, con uno scoop finale. Si è parlato di come il denaro possa consentire nel nostro paese di costruire un vero e proprio Impero. Inutile dire che il principale oggetto di discussione della trasmissione è stato l’ascesa politica di Silvio Berlusconi, riproposta in questi giorni nelle sale cinematografiche dal film “Silvio Forever“.

     

    La puntata inizia con un appello della Annunziata. “Il potere per sua natura è imprevedibile. La Commissione di Vigilanza Rai ha deciso di ridiscutere sulla chiusura dei talk show in periodo di campagna elettorale”. Già Michele Santoro si era appellato al diritto d’informazione perché questa decisione rientrasse. Lucia Annunziata ha fatto propria questa richiesta.

     

    Successivamente la conduttrice dà ufficialmente il via al programma e, dopo una sigla che ripropone l’esibizione di Roberto Benigni a Vieni via con me sul tema del potere politico legato al ‘possesso’, presenta gli ospiti in studio: Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo.

     

    Tra gli interventi filmati, lo scoop della confessione di Gino Bucchino, parlamentare del PD che rivela – per la prima volta in modo ufficiale in tv – il tentativo di corruzione da parte della maggioranza nei suoi confronti. Avrebbe ricevuto in febbraio un telefonata che gli proponeva di cambiare schieramento per un tornaconto personale.

     

    – Guarda la puntata di lunedì 28 marzo 2011 >>

    – Entra nel sito di “Potere” >>

    – Guarda i video del programma >>

    – Guarda la diretta web, il lunedì alle 23.00 su Rai3 >>

    – Rivedi la puntata per tutta la settimana successiva su Rai Replay >>

     

  • 25/2/2011 ore 14:30

    Denaro, sterco del demonio?

    Commenti 1

    Dal 26 febbraio su Radio3. Sono “i soldi” il tema su cui batteranno i racconti di “Chiodo fisso” nel prossimo mese di marzo. Già domani, sabato 26 febbraio, i soldi saranno al centro della puntata de “La Grande Radio” (in onda alle 18.00) intitolata “Variazioni sul tema del danaro”: riproposizione di brani da varie trasmissioni su opere di Bertolt Brecht, Dante, Shakespeare, Collodi, e un’intervista allo storico Jacques Le Goff.

     

    A partire poi dal 28 febbraio “Chiodo fisso” – in onda dal lunedì al venerdì alle 10.50 – propone un frastagliatissimo percorso che partirà da una visita guidata nei laboratori della Zecca di Stato a Roma per proseguire con esplorazioni e narrazioni tra letteratura (“L’argent” di Zola), fumetti (Paperon de’ Paperoni raccontato da Luca Raffaelli), psichiatria (l’ossessione e il desiderio di denaro con Vittorino Andreoli), scelte di vita singolari come quella di Heidemarie Schwermer, la tedesca che decise di vivere senza soldi, rievocazioni storiche – ad esempio lo scandalo della banca romana – , crisi vecchie (Wall Street nel 1929) e nuove (quella attuale…) fino alla insolita storia, in onda l’8 marzo, di una giovane trader che racconterà cosa vuol dire per una donna essere operatore mobiliare in un ambiente tipicamente maschile, almeno in Italia. E ancora: un’antica pratica di questua esistente tuttora a Bologna gestita dai successori di Padre Marella e spaccati di vita quotidiana di chi deve far quadrare i conti.

     

    – Ascolta “Variazioni sul tema del danaro” sul web, sabato 26 febbraio alle 18.00 >>

    – Ascolta “Soldi” – “Chiodo fisso” sul web, dal 28 febbraio e per tutto il mese di marzo (dal lunedì al venerdì) alle 10.50 >>

    – Riascolta le precedenti puntate di “Chiodo fisso>>

    – Scarica i podcast di “Chiodo fisso” >>

    – Scarica i podcast de “La Grande Radio” >>