Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • Hotel 6 stelle - Seconda serie

    Hotel 6 stelle – Seconda serie

    Riparte su Rai3, con sei nuove puntate in 2^ serata da venerdì 14 novembre, “Hotel 6 stelle”, la docu-fiction prodotta da Rai3 e Magnolia in collaborazione con l’Associazione Italiana Persone Down (AIPD) e con il patrocinio del Segretariato Sociale Rai, che racconta il mondo del lavoro nell’esperienza di 6 ragazzi molto speciali.

    – Guarda il promo >>

    Il programma, realizzato da Claudio Canepari, torna per raccontare nuove storie di persone con abilità differenti che sono in grado – quando se ne offre loro l’opportunità – di trovare uno spazio nella società e nel mondo del lavoro.
    Una trasmissione che ha avuto il merito di ribaltare gli stereotipi sulle persone con sindrome down.

    I nuovi protagonisti delle sei puntate di questa seconda edizione sono Alice, Daniela, Giordana, Andrea, Gabriele e Giovanni. I sei ragazzi si troveranno questa volta alle prese con un tirocinio formativo in un resort a cinque stelle di Villasimius, una delle più suggestive località turistiche della Sardegna. Un’esperienza importante di lavoro e di vita: per la prima volta resteranno un mese intero lontano da casa e dai loro genitori in un meravigliosa località di mare, in una situazione che permetterà di mostrare in modo coinvolgente non solo la loro sfida sul lavoro, ma anche le loro capacità di autonomia, di crescita personale e di relazione. I ragazzi saranno affiancati dal personale della lussuosa struttura che li ospita, in un vero e proprio percorso formativo.

    – Guarda la fotogallery >>

    Dopo la trasmissione della prima edizione di Hotel 6 stelle, andata in onda lo scorso inverno, l’Associazione Italiana Persone Down è stata contattata da oltre 50 aziende e associazioni disposte ad offrire tirocini formativi, assunzioni e lavori stagionali. Sono 20 le persone con sindrome Down e altre disabilità intellettive che hanno già iniziato un percorso lavorativo, mentre molti altri tirocini sono in imminente partenza e in fase di valutazione. Tra i protagonisti della prima serie di Hotel 6 stelle, Martina ha iniziato un inserimento lavorativo finalizzato all’assunzione come cameriera ai breakfast e al servizio ai tavoli in un albergo romano, Benedetta lavora con un tirocinio formativo di sei mesi presso un tour operator di Acilia ed Emanuele ha iniziato, con una borsa di studio, un corso di chef per professionisti presso una scuola romana e a breve inizierà il primo tirocinio in un albergo.

    – Rivedi le puntate della prima edizione >>

    Durante la messa in onda delle due ultime puntate, il 12 e il 19 dicembre, è prevista una raccolta fondi, tramite sms solidale, a favore dei progetti per la formazione e l’inserimento lavorativo delle persone con sindrome di Down.

    Nella prima puntata, in onda domani alle 23:10, comincia l’avventura dei sei ragazzi: per un mese intero vivranno e lavoreranno a Villasimius in Sardegna, in un resort da sogno, circondato da uno scenario naturale di grande bellezza. Finalmente i ragazzi, affiancati da un tutor, inizieranno a lavorare: Andrea come facchino, ruolo che richiede cortesia e affidabilità; Alice come addetta alla Spa, una mansione a lei sconosciuta; Giordana, che ha tanta voglia di imparare, con l’incarico di cameriera di sala; Gabriele, che ha già fatto esperienza nel bar gestito dal fratello, come barman; Daniela, come cameriera ai piani, si confronterà presto con le prime difficoltà; Giovanni, che adora il mare, sarà addetto alla spiaggia realizzando così il suo desiderio. Ma il percorso sarà lungo e le difficoltà non mancheranno…

    Infine, dall’account ufficiale di Rai3 (@Rai3 su Twitter e Facebook.com/rai3tv), con l’hashtag #hotel6stelle, sarà possibile seguire anticipazioni, news, foto e video

    – Guarda “Hotel 6 stelle” in diretta streaming venerdì alle 23:10 >>

    – Rivedi le puntate on demand dopo la messa in onda >>

  • 3/8/2012 ore 0:00

    Progetto Kinta: un futuro per Kimbondo

    Commenti 0

    5-12 agosto. Con il patrocinio del Segretariato Sociale Rai, prende il via una campagna di raccolta fondi in sostegno della comunità di Kimbondo, nella Repubblica Democratica del Congo: con il Progetto Kinta proseguono, infatti, le attività di “Hub for Kimbondo”.

     

    DONA 2 O 5 EURO CHIAMANDO IL 45501

    – Guarda lo spot di lancio della campagna >>

     

    “Hub for Kimbondo” è un’associazione tra le associazioni a cui aderiscono A.g.a.p.e. Onlus, AMIS onlus, Annulliamo la distanza, A.s.p.r.u. Risvegli Onlus, Campioni del Cuore Onlus, Caritas Diocesana – Diocesi di Siena, Fondazione Emilio Bernardelli, Fondazione Ponzellini, Fondazione Rita Levi-Montalcini, Jasedo Onlus, LA terrazza per l’Infanzia Onlus, Un mondo di amici Onlus, coordinate dalla Fondazione InSé Onlus guidata da Iole Cisnetto.

    Obiettivo di questa iniziativa è quello di sostenere la comunità nata intorno all’Ospedale Pediatrico di Kimbondo, fondato alla fine degli anni ’80 dai medici padre Hugo Rios e Laura Perna, per fornire assistenza ospedaliera ai bambini di strada e abbandonati a causa della credenza degli “Ndoki” (bambini stregoni), e diventato oggi punto di riferimento sanitario gratuito per i più disagiati di tutto il distretto di Kinshasa. Oggi l’Ospedale ospita più di 700 bambini e, con l’ausilio di quattro medici congolesi, cura anche le malattie che non necessitano di interventi chirurgici.

    Da allora di strada ne è stata fatta tanta: intorno al primo nucleo di solidarietà rappresentato dall’ospedale, sono state create ulteriori strutture per permettere a questa piccola comunità di proseguire il proprio percorso di crescita e di immaginare il proprio futuro. Innanzitutto la scuola, con corsi destinati ai bambini, ma anche con programmi professionali per avviare i giovani della comunità all’indipendenza economica. “Casa Betty“, per l’accoglienza al femminile e in particolare rivolta alle madri abbandonate. E ancora “Casa Patrick”, per il sostegno dei giovani “speciali”, che da soli non potrebbero sopravvivere.

     

    Il progetto di trova di fronte ad una nuova importante tappa, lo sviluppo di attività agricole in grado di rappresentare sia il sostentamento della pediatria, sia una occasione di emancipazione completa della comunità.

    Kinta è il nome di questo progetto che arricchirà la comunità già in parte autonoma sul profilo sanitario e scolastico anche del necessario sostentamento alimentare, confermando in questo modo lo spirito che l’ha contraddistinta dall’inizio, ovvero non solidarietà a pioggia.

    Kinta è il nome di una fattoria con annesso terreno agricolo (circa 500 ettari), sorta grazie ad un precedente progetto di solidarietà e oggi adottato da “Hub for Kimbondo”. L’obiettivo del progetto è la valorizzazione massima delle opportunità di questa attività agricola scegliendo le colture più adatte alla conformazione idrogeologica del terreno con l’aiuto di un agronomo.

     

    OBIETTIVI DELLA RACCOLTA FONDI

    • Attivazione punti acqua
    • Disboscamento
    • Manutenzione (fresatura/aratura) delle colture già attive, manioca innanzitutto ma anche alberi da frutto
    • Completamento di una “zona” di lavorazione della manioca
    • Messa a terra di altri alberi da frutto
    • Costruzione/implementazione dell’edificio fattoria
    • Assunzione di nuova manodopera

    Oltre al piano agricolo, altro obiettivi specifico dell’attuale raccolta fondi è quello di migliorare le attività di allevamento, in particolare suino, già presenti a Machuku, localizzandovi in modo specifico queste attività, piuttosto che quelle agricole prima presenti ma inadatte alla conformazione del territorio.