Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • L’offerta del 2010 di Rai.tv è cresciuta sia dal punto di vista della qualità dei video erogati che della varietà dei contenuti e servizi offerti agli utenti: sul media portale della Rai sono disponibili in modalità streaming live 16 canali tv, 8 canali radiofonici, 3 web Radio e 16 canali web tematici, in modalità on demand, numerosi programmi in onda sulle tre reti generaliste, sui canali tematici e produzioni extra solo per il web Rai. Infine è stata consolidata l’esperienza del format “video chat”. In particolare sono disponibili in modalità on demand oltre 1000 programmi e in modalità podcast oltre 100 programmi, e vengono pubblicate oltre 450 ore mensili di prodotto on demand, organizzato per programmi e tematiche. Nel 2010 inoltre Rai.tv si è arricchita con il lancio del nuovo ed innovativo servizio di Rai Replay che permette agli utenti di accedere alla programmazione in diritti di Rai 1, Rai 2 e Rai 3 trasmessa nei 7 giorni precedenti (a partire dalla mattina del giorno successivo) attraverso un percorso di navigazione dei canali tv per palinsesto, e di rivedere integralmente in streaming alta qualità tutta la programmazione in diritti. Rai.tv ha registrato una media mensile di 3,2 milioni di browser unici e di 34,4 milioni di pagine viste, in crescita rispettivamente del 73% e dell’81% sul 2009. Ottima la performance di Rai Replay che in soli 7 mesi ha registrato una media mensile di 600mila utenti unici ed un totale di 33,2 milioni di pagine viste. L’intero dominio Rai sul web (Rai.tv e Rai.it) ha registrato una media mensile di 7,4 milioni di browser unici e di 114,5 milioni di pagine viste, in crescita rispettivamente del 27% e del 30% sul 2009. Ogni mese l’offerta prevede dei contenuti nuovi e percorsi speciali per ogni canale, per valorizzare eventi televisivi e di attualità, e percorsi metatelevisivi.  Anche la durata media delle visite cresce in maniera significativa: 8 minuti e 22 secondi (+40% circa sul 2009). Durante l’anno è stato raggiunto un nuovo record assoluto di traffico grazie agli ottimi risultati registrati dal Portale Video Rai.tv, dall’Informazione Rai, in particolare da RaiSport in occasione del Mondiale di Calcio Sudafrica 2010 a giugno e dal programma ‘Vieni via con me’ a novembre. Nel 2010 sono state rilasciate anche le seguenti applicazioni per terminali smartphone e tablet: RadioRai, Isola dei famosi, X Factor, Mondiali di calcio in Sud Africa, Tg3, Tg1, Guida Programmi Rai.

    Guarda il portale Rai.it>>
    Guarda il portale Rai.tv>>
    Scopri Rai Raplay >>
    Guarda la Rai in diretta steaming dal tuo pc>>
    Guarda uno dei video più visti nel 2010, I puntata di Vieni via con me>>

  • 30/12/2010 ore 15:01

    Romero, voce dei senza voce

    Commenti 1

    3 gennaio 2011, ore 23.05, Rai 3. Nel trentesimo anniversario della morte di Monsignor Oscar Arnulfo Romero, “La Grande Storia” ci offre uno straordinario documentario che raccoglie per la prima volta tutte le immagini, le interviste, i discorsi e le omelie provenienti dai più importanti archivi mondiali. Questa toccante testimonianza – di un uomo discusso, ma dal suo popolo considerato un’icona – ha vinto il premio come miglior documentario storico all’International Film Festival in California ed è stato selezionato per la 28° edizione del Festival de Cine de Bogotà (2011) e per il BIF&ST Bari International Fim&TV Festival 2011.

    Il 24 marzo del 1980 Romero viene brutalmente assassinato mentre celebra messa. Per il popolo diviene un santo il giorno stesso del suo assassinio, eppure la sua causa di beatificazione, iniziata nel 1997, non si è ancora conclusa. Quella dell’arcivescovo cattolico di San Salvador è una figura che ha suscitato – e continua a suscitare – grande polemica. Non si iscrisse mai ad alcun partito, eppure fu accusato di essere marxista. Non aderì mai alla Teologia della Liberazione, ma ne è considerato un’icona.

    Una cosa è certa: nel teatro quotidiano di violenza del suo paese, decise di non tacere e di prendere una posizione netta contro l’ingiustizia sociale e ogni forma di abuso militare e politico.

    – Vai al sito di “La Grande Storia” >>

    – Guarda i video delle scorse puntate >>

    – Se hai perso la puntata, rivedila per tutta la settimana successiva su Rai Replay >>

  • 29/12/2010 ore 11:48

    Torna Camila con “Amore criminale”

    Commenti 1

    Sabato 8 gennaio, 23.40, Rai Tre. Camila Raznovich torna in tv con “Amore criminale“, il programma che – indagando tra notizie di cronaca e casi giudiziari su fatti di sangue – racconta di come una storia nata da quello che si credeva un grande amore si possa trasformare in una tragedia. E’ una strage silenziosa, che non conosce barriere di età, provenienza e classi sociali.

     

    Ad uccidere queste donne sono i loro compagni o ex compagni, che non riescono ad accettare la fine del rapporto, la separazione e il rifiuto. Come consuetudine, ogni puntata ricostrusce con la formula della docu-fiction il percorso dei due protagonisti: il primo incontro, la nascita della storia d’amore, la crisi, fino ad arrivare al tragico epilogo. Nel tentativo di provare a capire come può un amore “ammalarsi” fino ad arrivare al delitto. Le storie sono ricostruite tramite le testimonianze dirette di familiari, parenti e amici della vittima, con il supporto di foto, materiali di repertorio e ricostruzioni filmate.

     

    Nella prima puntata parliamo di Marisa. L’8 aprile 2008 il suo corpo viene ritrovato senza vita all’interno della casa coniugale. Ad ucciderla è stato il marito. Il giorno dopo, i due ex coniugi avrebbero dovuto firmare i documenti per la separazione.

     

    Nella seconda puntata, in onda sabato 15 gennaio, ci occupiamo della storia di Federica, una 33enne uccisa a Cancello di Montorio (VE) dal suo compagno. Una sera di novembre del 2005, una segnalazione giunge ai Vigili del Fuoco: un’auto è finita fuori strada e sta bruciando. Dentro c’è il corpo senza vita di Federica, e ad ucciderla, tentando di far passare l’omicidio per un incidente stradale, è stato Michele, il suo compagno.

     

    – Vai al sito di “Amore criminale” >>

    – Guarda i video delle scorse stagioni >>

    – Guarda la puntata in diretta, ogni sabato alle 23.40 >>

    – Se hai perso la puntata, guardala quando vuoi tu con Rai Replay >>

     

  • 17/12/2010 ore 8:00

    Camilleri e Lucarelli insieme in tv

    Commenti 0

    Andrea Camilleri e Carlo Lucarelli, due tra gli scrittori di maggior fama in Italia, due maestri del genere giallo e del racconto, due artisti che hanno deciso di mettere insieme le proprie forze – e la propria inventiva – per dar vita a un Romanzo a quattro mani. Lunedì 20 dicembre, 23.20, Rai Tre va in onda “Acqua in bocca“, un documentario che racconta questo percorso.

     

    Attraverso le interviste e le letture dei brani dei due famosi romanzieri, arricchiti da immagini d’archivio, si mettono a confronto non solo i due scrittori ma due epoche, due stili e due modi di affrontare la vita e la letteratura. Camilleri e Lucarelli fanno un’analisi dei generi noir e giallo improvvisando una sorta di jam session letteraria, nella quale i due investigatori di fantasia Salvo Montalbano e Grazia Negro si lanciano in un’inchiesta ‘non ufficiale’.

     

    – Guarda il programma in diretta, Lunedì 20 dicembre alle 23.20 su Rai Tre >>

    – Vai al sito di Lucarelliracconta e guarda i video delle puntate >>

    – Rivedi gli episodi di Blu Notte >>

    – Il sito della fiction Il Commissario Montalbano >>

    – Millepagine: il portale Rai dedicato ai libri e alla cultura >>

    – Se hai perso il programma, rivedilo la settimana successiva su Rai Replay >>

     

  • 4/12/2010 ore 8:00

    Lucarelli…racconta ancora su Rai Tre

    Commenti 6

    Lunedì 6 dicembre, ore 21.05, Rai Tre. Dopo dieci edizioni di “Blu Notte – Misteri italiani”, Carlo Lucarelli ritorna su Rai Tre con un nuovo programma: “Lucarelliracconta”.

    Lo scrittore e conduttore televisivo riprende con il suo appassionante stile narrativo un percorso di indagine e ricostruzione di alcune delle più controverse vicende della società italiana. Cinque nuovi casi della nostra storia recente: La mala del Brenta, La quarta mafia, La morte sul lavoro, Nelle mani dello Statoe La trattativa, per raccontare fatti che troppo spesso rimangono nascosti o vengono archiviati, dove la storia del crimine inevitabilmente si intreccia alla storia di chi al crimine si contrappone o di chi fatalmente ne rimane vittima.

    Si comincia con "Nelle mani dello stato", lunedì 6 dicembre alle 21.05 >>

     

    Ogni puntata ha un prologo e un epilogo con un’intervista di Carlo Lucarelli a un personaggio che introduce e chiude il tema trattato nella puntata.

    Andrea Camilleri, Ascanio Celestini e Daniele Silvestri sono solo alcuni degli ospiti che si alterneranno al fianco del conduttore. Ecco alcune anticipazioni sulle punate, con alcuni approfondimenti video ad essere relativo:

     

    La trattativa

    L’attentato mancato del giugno 1989 a Giovanni Falcone nei pressi della sua villa all’Addaura, le stragi di Capaci e di via D’Amelio in cui nel 1992 persero la vita i giudici Falcone e Paolo Borsellino, la morte e la scomparsa degli agenti Antonino Agostino e Emanuele Piazza, gli attentati e le stragi mafiose del ’93 a Roma, Firenze e Milano.

     

    Nelle mani dello Stato

    Sono tanti i momenti e i luoghi in cui, a torto o a ragione, colpevole o innocente, un cittadino può ritrovarsi totalmente nelle mani dello Stato, anche in una democrazia. In caserma o in questura perché arrestato o fermato. Come nel caso di Stefano Cucchi, Giuseppe Uva o del giovanissimo Federico Aldrovandi. Tutti e tre morti violentemente mentre si trovavano in una situazione particolare: nelle mani dello Stato.

     

    La morte sul lavoro

    Ė tante cose, il lavoro, ma spesso è qualcosa che non dovrebbe essere. Nel 2009, in Italia, si sono infortunate sul lavoro 790.000 persone: più di 2000 al giorno. Di queste, 1.050 sono morte: quasi tre al giorno, inclusi i festivi.

     

    La mala del Brenta

    Ė una strana storia quella della Mala del Brenta, come è strana la storia del suo capo, Felice Maniero di Campolongo Maggiore, un piccolo paese di una zona povera e di emigrazione. Ė una storia di spietati criminali che, tra la fine degli anni ’70 e la metà degli anni ’90, mette insieme decine di omicidi, centinaia di rapine, quintali di droga, enormi somme di denaro, e poi servitori dello Stato corrotti, tradimenti, pentimenti, processi e anni di galera.

     

    La quarta mafia

    Negli anni Ottanta in Puglia avvengono stragi come quelle dei film sui gangster nella Chicago di Al Capone e omicidi efferati, come quello di Nicola Laviano: lo ammazzano, gli tagliano la testa e mostrano in giro la fotografia della testa mozzata perché serva da esempio. Sembra la Calabria delle faide di ‘Ndrangheta, sembra la Palermo della mattanza di mafia, la Napoli della camorra di Cutolo, e infatti è così, perché quegli uomini di malavita che sparano non sono soltanto pregiudicati, ma mafiosi.

     

    – Il sito di "Lucarelliracconta" >>

    – Tutti i video del programma >>

    – Segui il programma in diretta on line, ogni lunedì alle 21.05 su Rai Tre >>

    – Rivedi per una settimana la puntata in replica su Rai Replay >>

    – Guarda i video di Blu Notte su Rai.tv >>

    – Carlo Lucarelli a Parla con me >>

    – Millepagine, il portale della Rai dedicato ai libri e alla cultura >>