Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • hungyandfoolishUno straordinario viaggio nella storia dell’umanità e nella sua incessante e folle ricerca del cibo. Un viaggio intorno al mondo alla ricerca dei luoghi e delle comunità dove il tempo si è fermato e questa storia è ancora viva. Una storia fatta di tradizione e innovazione, potere e disperazione, speranza e creatività. Una grande chiave di lettura per capire il mondo del cibo. Per scoprire le radici profonde del tema di Expo Milano 2015.

    “Hungry and Foolish” racconta la storia di come ci siamo procurati da mangiare, ma soprattutto la storia di come questo sia sempre stato lo stimolo di ogni grande tappa dell’umanità. E di come ogni innovazione nella produzione di cibo abbia sempre cambiato anche (con alti e bassi) qualità della vita, cultura, rapporti di potere all’interno delle società e fra regioni del mondo, salute, abitudini, costumi. Non è insomma una storia dell’agricoltura, ma una storia dell’inventività umana piena di sorprese, che può toccare tutti, e che dà tutto un altro significato al celebre aforisma secondo il quale “noi siamo quello che mangiamo”.

    Replica in seconda serata su Rai Premium

    >> Tutte le tappe

  • 14/9/2015 ore 1:09

    Expo Milano 2015 a 360 gradi!

    Commenti 0

    360_exporaiRai Expo presenta il progetto 360: tanti video interattivi che permettono di osservare l’Esposizione Universale di Milano con uno sguardo panoramico, a 360 gradi. Bastano un computer, un tablet o uno smartphone per divertirsi a esplorare virtualmente i padiglioni dell’esposizione milanese, grazie a un’innovativa tecnica di ripresa proposta da Rai Expo sul portale www.expo.rai.it.
    I video hanno catturato le immagini dell’Esposizione Universale in tutte le direzioni contemporaneamente, in modo da poter scegliere il proprio punto di vista e iniziare a navigare personalizzando la visita e interagendo con il video.

    Il viaggio “dentro” l’Expo parte dal Decumano per arrivare all’Albero della Vita, si passeggia sul Cardo, dove si trovano i Padiglioni dedicati alle Regioni italiane, si entra a Palazzo Italia, attraversando il cortile con le sue opere d’arte, e si ammirano i paesaggi spettacolari ricostruiti all’interno, fino alla terrazza dalla quale si gode un’emozionante vista su tutto il sito espositivo.
    Per godere di questa esperienza, la cosa da fare è sempre la stessa: da computer cliccate e tenete premuto sull’immagine, poi muovete il mouse in qualsiasi direzione vogliate e viaggiare all’interno di questi video interattivi all’insegna dell’esplorazione. Navigando con il telefono o il tablet invece muovete il dispositivo nelle varie direzioni.

    Uno sguardo unico, diverso, coinvolgente sulla grande Esposizione Universale di Milano dedicata al cibo e all’alimentazione.

    >> Vai al sito di Rai Expo
    >> Il progetto 360

     

  • cirque_blogAllenamenti, riscaldamento, errori, prove costume, trucco, momenti di gioco e di relax. Tutto questo accade dietro le quinte del grande spettacolo “Alla Vita!” dedicato al tema “Nutrire il pianeta – Energia per la vita”, che il Cirque du Soleil, la straordinaria macchina di sogni che ha rivoluzionato il circo contemporaneo, porta in scena all’Open Air Theatre di Expo Milano 2015.

    Lo racconta l’emozionante ed esclusivo viaggio nel backstage dello show – per la prima volta le telecamere hanno potuto seguire così a lungo la preparazione di uno spettacolo del Cirque de Soleil – che Rai Expo propone con lo speciale

    “Alla Vita! Dietro le quinte del Cirque du Soleil” di Andreana Saint Amour e Diego Magini, in onda il 21 maggio alle 24:05 su Rai2.


    Guarda il promo >>

     

    cirque2_blogStorie di vita e abilità circensi si intrecciano per mettere a fuoco il progetto che ha impegnato gli autori, i tecnici e gli scenografi per ben due anni e che, oltre agli artisti del Cirque, coinvolge anche giovani italiani. Talenti che hanno partecipato ad audizioni diventate un momento di forte scambio creativo. Per alcuni di loro è un sogno che diventa realtà: “Il provino è durato otto ore, è stato un bel lavoro” dice Alessandro Vallin, clown. “Abbiamo portato dei pezzi nostri e poi c’è stato un lavoro di gruppo: abbiamo ballato e improvvisato molto. Già aver fatto solo quello è stata una grande esperienza”.  Nel documentario alle immagini si alternano le voci di clown, equilibristi, acrobati, attori e danzatori, ma anche degli addetti ai lavori “veterani” del Cirque du Soleil, che hanno avuto il difficile compito di mettere insieme artisti con storie di vita e di lavoro molto diverse. Tutto all’insegna del buon umore. “È probabilmente la produzione più grande che abbiamo mai realizzato per il più grande teatro all’aperto in cui abbiamo lavorato”, racconta Yasmine Khalil, produttore del Cirque du Soleil. “Non smetteremo mai di provare. Quando ti esibisci per la prima volta davanti al pubblico ti nutri delle sue reazioni. E questo sicuramente contribuisce all’evoluzione del processo creativo“.
    cirque3_blogNel racconto del grande evento, che sarà rappresentato dal 15 maggio al 30 agosto all’Open Air Theatre di Expo Milano 2015, anche la storia del Cirque du Soleil, fondato a Montreal nel 1984 da Guy Laliberté con appena venti artisti di strada, oggi società leader nel settore dell’entertainment con cinquemila dipendenti, di cui milletrecento artisti di cinquanta nazionalità diverse.

     

    SEGUI IN WEB STREAMING VENERDì 21 MAGGIO ALLE 24:05 >>

     

  • post_cantiere-ecpo Sabato 7 febbraio alle 10.15 su Rai3 andrà in onda “Storia di un cantiere: la grande corsa verso Expo Milano 2015″ un documentario che racconta la storia dell’Esposizione universale.

    Guarda il promo >

    Diretta Rai3 >

    Mancano 83 giorni all’inaugurazione di Expo Milano 2015 e il cantiere lavora incessantemente con tripli turni per arrivare in tempo all‘appuntamento del 1 maggio 2015. Finalmente si vedono la forma e il profilo del sito che ospiterà una grande mostra dedicata a un grande tema: Nutrire il pianeta – Energia per la vita.

    I protagonisti di questa storia sono uomini e donne che sentono la responsabilità della promessa fatta dall’Italia a 145 paesi stranieri: operai, geometri, falegnami, vivaisti, carpentieri, ingegneri, architetti. Per alcuni è la fine di una lungo percorso di lavoro, per altri è la prima grande occasione.

    Da novembre 2013 a oggi, Rai Expo ha seguito il cantiere e lo ha visto crescere giorno dopo giorno, dalla nascita dei primi padiglioni in una falegnameria di Bressanone, agli alberi coltivati nei vivai di Chiusi, passando per i primi prototipi degli allestimenti montati in un capannone di Torino. E’ stato documentato l’ingresso del primo paese straniero entrato in cantiere, l’approdo del legno giapponese a Genova, la produzione del Padiglione Giappone a Borgosesia, l’allestimento della foresta tecnologica di bambù progettata da Ralph Appelbaum per il padiglione disegnato da Libeskind, la crescita dei padiglioni Germania, Cina, Kuwait, USA.

    A febbraio i lavori procedono velocemente. Gli operai montano il tetto e la pelle di Palazzo Italia. Venti padiglioni si preparano per dare il via agli allestimenti interni. Kuwait, Messico e Germania sono in dirittura d’arrivo e al Bahrein mancano solo le palme. Mentre si ritoccano le vasche delle risaie e si sceglie il colore per la piazza del mercato Bio Mediterraneo, i cluster vengono consegnati ai paesi in via di sviluppo. Da marzo tutti dovranno concentrarsi sugli allestimenti e l’Esposizione Universale comincerà a riempirsi di contenuti.

    Prodotto da Rai Expo; regia di Diego Magini, autore Andreana Saint Amour.

     

  • ExperiaRaccontare il territorio italiano, le sue eccellenze, le criticità, le trasformazioni passate, presenti e future a cinquant’anni dal viaggio di Mario Soldati. Questo lo scopo di “Experia. Viaggio in Italia nell’anno dell’Expo”, un nuovo percorso attraverso il nostro Paese intrapreso da Rai Expo, Padiglione Italia e Politecnico di Milano che è stato presentato alla stampa lo scorso 19 novembre alla Biennale di Venezia.

    Guarda il promo >>

    Experia è un progetto di comunicazione cross-mediale e multipiattaforma, che prevede la realizzazione di una serie televisiva, di una piattaforma web aperta agli utenti e di una serie di eventi durante l’Esposizione universale. Inoltre è un’importante occasione di chiamata per i giovani architetti del Paese, che potranno candidare la propria idea di trasformazione urbana e rurale: le migliori 60 idee saranno valorizzate all’interno del Padiglione Italia nel corso di Expo.

    La serie tv, prodotta da Rai Expo con la consulenza scientifica del Politecnico di Milano, è composta da 12 documentari di 28 minuti l’uno. Spostandosi a piedi, in barca, in bici o in treno, Guido Morandini, filmaker, narratore e self-tracker, compie un viaggio circolare lungo la penisola munito di un sistema di navigazione satellitare che disegna di volta in volta itinerari inediti. Ogni puntata, così, è l’occasione per abbinare grandi opere e produzioni agroalimentari, ma è anche un modo per attraversare – nell’anno dell’Esposizione Universale di Milano – tutte le regioni.

    La piattaforma Experia, ospitata sul sito expo.rai.it, sarà on line entro la fine del 2014 e includerà contenuti “extra” ricavati dai materiali televisivi, post e servizi della redazione web di Rai Expo, contributi generati dagli utenti anche attraverso i profili social e iniziative specifiche organizzate da Padiglione Italia e Politecnico di Milano.

    Parte integrante della piattaforma sarà inoltre il concorso “Racconta il tuo territorio, diventa protagonista del Padiglione Italia”. Dal 1 gennaio 2015, gli studenti delle Facoltà di Ingegneria, Architettura, Sociologia e non solo potranno caricare sulla piattaforma i propri progetti di trasformazione del paesaggio urbano e rurale. Termine ultimo del bando sarà il 30 aprile. A giugno, i 60 vincitori saranno co-protagonisti degli eventi organizzati all’interno del Padiglione Italia di Expo 2015 in occasione delle serate di anteprima della serie tv Experia.

    Dopo il 31 ottobre 2015, a conclusione del grande evento, la Piattaforma Experia rappresenterà una delle eredità immateriali dell’Esposizione Universale.

    Il progetto è stato presentato nel corso di una conferenza stampa coordinata da Carlo Durante (Rai Expo) con interventi di Gianluca Fagone (Rai Expo), Guido Morandini (filmaker e ideatore del progetto), Andrea Rolando (Politecnico di Milano), Paolo Verri (Direttore del palinsesto eventi del Padiglione Italia di Expo 2015) e Cino Zucchi (Curatore del Padiglione Italia – Biennale Architettura 2014)

    – Leggi i dettagli del progetto e rivedi la conferenza di presentazione sul sito di Rai Expo >>