Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • 2/12/2010 ore 15:00

    Ian McEwan, la Scienza e la Letteratura

    Commenti 0

    Non capita tutti i giorni di poter ascoltare uno scrittore del livello di Ian McEwan intervistato appositamente per il pubblico italiano. E’ altrettanto raro che uno scrittore di romanzi, un letterato, parli e si dilunghi con cognizione di causa sulla scienza e sulle sue problematiche.

    E’ dunque del massimo interesse l’intervista a Ian McEwan che “Radio3 Scienza” ha trasmesso l’1 dicembre e che è disponibile nell’archivio di Rai.tv per essere ascoltata e scaricata in versione podcast.

     

    Occasione della lunga conversazione con l’autore inglese è il suo ultimo romanzo, “Solar”, che ha per protagonista uno scienziato –  vincitore in gioventù di un premio Nobel per la Fisica – e che sviluppa la propria narrazione sviluppando i temi dei cambiamenti climatici e delle energie rinnovabili.

    Nel corso dell’intervista McEwan ha chiarito alcuni passaggi narrativi di “Solar” e ha espresso la propria concezione dell’universo scientifico (insieme alla propria fiducia nel suo metodo di ricerca) mettendolo a confronto con l’universo narrativo e letterario. Non ha nascosto, da uomo di lettere, un certo complesso d’inferiorità nei confronti delle discipline scientifiche e ha anche ammesso – pur essendo un appassionato lettore di testi di divulgazione scientifica – di non aver mai letto gli scritti di Galileo Galilei…

     

    – Ascolta l’intervista di “Radio3 Scienza” a Ian McEwan >>

    – Scarica il podcast dell’intervista a Ian McEwan >>

    – Ascolta “Radio3 Scienza” sul web, dal lunedì al venerdì alle 11.00 >>

    – Vai al sito di “Radio3 Scienza” >>

    – Guarda il video: Ian McEwan ospite a “Che tempo che fa” >>

  • 30/11/2010 ore 8:00

    Ian McEwan su Radio3

    Commenti 0

    Mercoledì 1 dicembre, 11.00, Radio3. Com’è il mondo visto con gli occhi di un Premio Nobel? Per farsi un’idea basta sfogliare “Solar” il nuovo romanzo di Ian McEwan, prestigioso ospite mercoledì di Radio3 Scienza, dove racconterà anche perché nei suoi ultimi romanzi ci sono così tanti scienziati.

     

    Michael Beard, il personaggio principale di “Solar”, è appunto uno scienziato, per la precisione un fisico. In gioventù era un prodigio, vinse persino il Premio Nobel. Il suo presente è tuttavia ben diverso: superati da poco i cinquant’anni, non ha ormai più alcuna scintilla. E’ solo un dispotico burocrate della scienza che vive nel vizio, tradendo le molte mogli e rimpinzandosi di cibo. Sembra un uomo finito fino a quando non gli viene affidata la direzione del Centro nazionale per le energie rinnovabili. Qui entra in gioco Tom Aldous, giovane ricercatore del Centro, brillante ed idealista, che vuole salvare il mondo grazie a una sua scoperta che può risolvere definitivamente i problemi energetici del pianeta. L’incontro fra il giovane e l’anziano scienziato porterà a sviluppi inaspettati.

     

    Ian McEwan è considerato il più importante scrittore inglese vivente ed uno dei maggiori autori della letteratura contemporanea. Fra le sue opere ricordiamo “Il giardino di cemento” (1978), “Bambini nel tempo” (1987), “L’amore fatale” (1997), “Espiazione” (2001), “Chesil Beach” (2007).

     

    – Segui Ian McEwan ospite di Radio3 Scienza sul web, l’1 dicembre alle 11.00 >>

    – Riascolta le precedenti puntate di Radio3 Scienza >>

    – Scarica i podcast del programma >>

    – Guarda il video: Ian McEwan ospite a “Che tempo che fa” >>

  • 29/11/2010 ore 9:39

    ‘Vieni via con me’, il gran finale

    Commenti 6

    Guarda tutti i video di ‘Vieni via con me’ >>

     

    Lunedì 29 novembre, tra verità scomode e realtà positive, va in onda su Rai Tre  la quarta ed ultima puntata di “Vieni via con me”, il programma di e con Fabio Fazio e Roberto Saviano, diventato un fenomeno televisivo e culturale con il racconto delle piccole e grandi storie del nostro Paese.

     

    Roberto Saviano proporrà due monologhi di grande attualità sul terremoto a L’Aquila e sul voto di scambio. Poi la lettura degli elenchi proposti da artisti, esponenti della società civile e persone comuni: il premio Nobel per la letteratura Dario Fo interverrà con un elenco rivolto alla classe politica. Si parlerà anche di volontariato e legalità con gli elenchi letti dal procuratore nazionale antimafia Piero Grasso e da don Luigi Ciotti. Si parlerà di scuola e università: mentre le proteste contro la riforma Gelmini sono al centro delle cronache di questi giorni, “Vieni via con me” metterà in scena le ragioni di insegnanti, genitori, studenti e ricercatori e la loro lettura di elenchi illustrerà la situazione della scuola italiana di oggi dai diversi punti di vista.

     

    Milena Gabanelli, autrice e conduttrice di “Report”, leggerà un elenco autobiografico. Antonio Cornacchione si esibirà in un pezzo comico proposto a forma di elenco. Dopo l’elenco dei “desideri impossibili” della scorsa settimana, in questa puntata Fabio Fazio elencherà “le cose che ho imparato facendo questa trasmissione”, che si chiude con il consueto gioco a due insieme a Saviano “vado via perché/resto qui perché”, diventato un tormentone anche sul web.

    “Vieni via con me”, che nelle prime tre puntate ha fatto registrare record assoluti in termini di ascolti, ha letteralmente conquistato anche il web.

     

    – Segui Vieni via con me in diretta sul web, lunedì 29 novembre alle 21.05 >>

    – Vai al sito del programma e scrivi il tuo elenco >>

    – Guarda i video di Vieni via con me >>

    – Scrivi a Roberto e Fabio >>

  • 11/11/2010 ore 11:45

    La Tv degli scrittori

    Commenti 1

    Roberto Saviano, in questi giorni sotto i riflettori con il “suo” programma televisivo Vieni via con me, non è il primo scrittore di fama nazionale e internazionale a dedicarsi alla tv. Nella storia della televisione italiana ci sono molti casi di grandi scrittori e uomini di letteratura che si sono prestati al mezzo televisivo ideando, scrivendo e conducendo trasmissioni. La loro è una tv spesso culturale, con riferimenti al mondo dei libri e del sapere, ma è televisione a tutti gli effetti, con una sua forma e un linguaggio accattivante e non di rado ha riscontrato il favore del pubblico.

    Importanti esempi di tv degli scrittori sono nell’archivio di Rai.tv e ve ne presentiamo una rapida panoramica. A soli tre anni dall’avvio delle trasmissioni televisive in Italia, nel 1957, Mario Soldati realizzò, come autore e conduttore “on the road”, il celebre Viaggio lungo la valle del Po, che raccontò l’Italia in modo autentico e brillante. L’operazione ebbe successo e nel 1960 Soldati, stavolta insieme a Cesare Zavattini, diede vita a un progetto analogo con Chi legge? Viaggio lungo le rive del Tirreno.

    Il premio Nobel per la Letteratura Dario Fo ha lavorato per la televisione fin dall’inizio degli anni 60. Accettò di condurre con la moglie Franca Rame l’edizione di Canzonissima del 1962 , ma la collaborazione con la Rai si interruppe per divergenze con la dirigenza. Nel 1977 andò in onda Il Teatro di Dario Fo, riproposizione televisiva di spettacoli messi in scena da Fo nel decennio precedente. Degli anni 2000 sono la serie de Il Teatro in Italia – realizzata in più cicli insieme a Giorgio Albertazzi – e i racconti di vita e opere dei grandi pittori.

    Anche Pier Paolo Pasolini è stato protagonista di una produzione della Rai. Si tratta di Pasolini e… la forma della città, un cortometraggio diretto da Paolo Brunatto, in cui Pasolini denuncia e mostra la sopravvivenza minacciata di Orte, cittadina vicina a Viterbo. Il corto è molto più di un’intervista e reca la cifra autoriale di Pasolini. Della stessa serie – s’intitolava Io e… – vi proponiamo anche Parise e… Piazza San Marco, con Goffredo Parise a Venezia e Zanzotto e… Il Quartier del Piave.

    Altro grande scrittore che ha lasciato il segno come conduttore sul piccolo schermo è Alberto Arbasino, arbitro e moderatore di Match (1977), programma in cui due personaggi operanti nello stesso settore dibattevano e polemizzavano come in un incontro sportivo.

    Negli decennio seguente esordì su Rai Tre Corrado Augias, memorabile presentatore di Telefono giallo (1987), trasmissione investigativa su casi irrisolti di cronaca nera. Augias ha continuato a fare tv negli anni successivi con programmi, da lui ideati, d’impronta più culturale, fra i quali citiamo Babele (1990) e Le Storie – Diario italiano, che va tuttora in onda con successo.

    Nel 1993, Alessandro Baricco condusse con bravura L’amore è un dardo, trasmissione di divulgazione dedicata all’opera lirica che ebbe un certo successo, replicato l’anno successivo da Pickwick, del leggere e dello scrivere. Nello stesso 1994 Carlo Fruttero e Franco Lucentini sono autori e conduttori di L’arte di non leggere, rubrica di consigli librari, racconti e amabili divagazioni.

    Infine a cavallo fra anni 90 e 2000 s’impone il giallista Carlo Lucarelli coi suoi programmi – il più famoso è Blu notte – di ricostruzione di storie di cronaca nera e di mistero.

    – Guarda lo Speciale La tv degli scrittori su Rai.tv >>

    Millepagine, il portale della Rai dedicato ai libri e alla cultura >>

    Millepagine On Demand >>

  • 13/10/2010 ore 14:42

    Scrittori da Nobel

    Commenti 0

    Mentre ancora non si è spenta l’eco dell’assegnazione del Nobel per la Letteratura allo scrittore peruviano Mario Vargas Llosa, Millepagine dedica uno speciale al prestigioso riconoscimento di cui viene insignito ogni anno uno scrittore diverso.

     

    L’Accademia Svedese ha premiato negli anni autori celebri e poco conosciuti, romanzieri e poeti, uomini e donne senza farsi condizionare molto dalle pressioni esterne, dalle correnti di pensiero dominanti o dalle tendenze estetiche del momento. Per questo il premio – istituito per volontà di Alfred Nobel oltre cento anni orsono – conserva tuttora una grande autorevolezza e una portata mondiale.

     

    Attingendo all’archivio audiovisivo della Rai e ai programmi televisivi più recenti, lo speciale di Millepagine propone una galleria di grandi scrittori italiani e stranieri a cui è stato conferito il premio. Diamo la precedenza alle glorie nazionali: l’ultimo italiano a vincere il Nobel letterario (nel 1997) è stato Dario Fo, il grande attore e commediografo lombardo. In precedenza era toccato al poeta ligure Eugenio Montale nel 1975 e al poeta siciliano Salvatore Quasimodo, che se lo aggiudicò nel 1959. Ancora prima l’avevano ricevuto Luigi Pirandello (1934), Grazie Deledda (1926) e Giosuè Carducci (1906).

     

    I video dello speciale ci fanno conoscere poi altri grande autori che hanno vinto il Nobel negli ultimi decenni: l’autrice sudafricana Nadine Gordimer (1991), lo scrittore turco Orhan Pamuk (2006), il portoghese José Saramago (1998) e infine Doris Lessing (2007), la scrittrice inglese nata in Persia.

     

    Guarda tutti i video dello speciale >>

    Millepagine, il portale della Rai dedicato ai libri e alla cultura >>