Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • 4/7/2012 ore 16:04

    Torna la nuova edizione di Superquark

    Commenti 0

    SuperquarkDa giovedì 5 luglio, in prima serata su Rai1, torna la nuova edizione di ‘Superquark’, il più popolare magazine televisivo di scienza, natura e tecnologia, ideato e condotto da Piero Angela. ‘Per la nostra rete – ha detto il vice direttore di Rai1 Ludovico Di Meo i programmi di Piero Angela sono garanzia di successo, qualità e cultura ma certamente anche di ascolti. Nella passata stagione sono state vinte 11 puntate su 12, con uno share superiore al 20%’.

    Per noi – gli fa eco Piero Angelaè una grossa soddisfazione: in nessun altro paese europeo un programma di scienza va in prima serata su una rete ammiraglia e vince nella gara degli ascolti’.

    La trasmissione, nata nel settembre 1995, è l’evoluzione dell’apprezzata trasmissione Quark, sempre ideata e condotta dallo stesso Piero Angela. Pur con numerose innovazioni, il programma, ha mantenuto negli anni la stessa struttura.

    La prima puntata di Superquark, in onda giovedì 5 alle 21.20 su RaiUno, si apre con un magnifico documentario della serie BBC Frozen Planet, Il pianeta di ghiaccio, che ci porterà ai confini della Terra, nell’Artico e nel continente Antartico, le due distese più vaste e sconosciute del nostro pianeta.

    Dopo il documentario, il servizio di apertura esaminerà in modo scientifico il fenomeno dei terremoti, con modelli in studio che spiegheranno cosa succede in profondità. E mostrerà una tecnica di ricostruzione completamente nuova. Ma spiegherà anche come la scala Richter non dia assolutamente l’idea della diversa gravità dei sismi. In studio la sismologa storica Emanuela Guidoboni.

    Poi, 2 straordinari documentari della serie di Nicolas Hulot Ushuaia: Mondi di cristallo e Islanda la terra dei vulcani, nonché alcuni insoliti documentari sul mondo animale. Molti i servizi da tutto il mondo degli autori e registi di SuperQuark: dall’ acqua nel deserto di Las Vegas alle serre dei fiori di Rotterdam, dal nuovo colosso dell’economia mondiale, il Brasile, alla scuola simbolo di eccellenza nel mondo: Oxford.

    Inoltre tre nuove rubriche: “Le leve della crescita”, ovvero quali sono davvero i motori dello sviluppo di un Paese; “100 anni fa” per ricordare il punto da cui siamo partiti; “Scienza & Società in cifre”, per schematizzare in dati statistici la riflessione sui rapporti fra i cittadini e la scienza.

    Immancabile l’appuntamento con le rubriche di approfondimento: il Prof. Barbero per il “Dietro le quinte della Storia” racconterà i retroscena o addirittura l’infondatezza di alcuni luoghi comuni storici, come il “giudizio di dio” o lo “ius primae noctis”.

    Il Prof. Mainardi illustrerà, con filmati, casi curiosi del comportamento animale; mentre, in studio con Piero Angela, non mancherà il fisico Paco Lanciano con i suoi esperimenti.

    Per la rubrica di “Scienza in Cucina” la dr.ssa Bernardi continuerà nella sua utile e divertente panoramica sui falsi miti dell’alimentazione.

    Vai al sito >>

    Multimedia >>

    Le edizioni passate >>

  • 22/4/2012 ore 8:00

    Earth Day 2012

    Commenti 0

    Il 22 aprile di ogni anno si celebra la Giornata della Terra.
    Nata nel 1970, e a tutt’oggi riconosciuta da 192 nazioni, è ormai diventata un appuntamento più con le statistiche negative che con la celebrazione di un pianeta straordinario. Ogni anno, infatti, gli esperti catalogano nuovi nomi di specie di animali estinte, misure di territori desertificati o cementificati, quantità di popolazioni costrette a fuggire dalle proprie terre perché minacciate da devastazioni di ogni tipo, nuovi metri cubi di acqua inquinati.
    D’altra parte, però, i cambiamenti climatici che abbiamo condizionato con decenni di comportamenti errati, sono diventati anche un problema economico globale, che sta costringendo forzatamente tutti noi a cambiare stile di vita, a prendere atto, insomma, che bisogna fare qualcosa, e al più presto.
    Con questo speciale, vogliamo fornire alcuni spunti essenziali per lavorare insieme nel costruire un pianeta migliore, più ecologico e più umano al tempo stesso.

    Vai allo SPECIALE di Rai Scienze

    – Vai alla pagina Facebook e Twitter di Rai Scienze

  • Da Sabato 21 gennaio, alle 21.30 su Rai3, va in onda “Nanuk – prove d’avventura”, un programma originale di divulgazione scientifica e avventura condotto da Caterina Guzzanti e Davide Demichelis.

    – Guarda il promo >>

     

    Il programma racconta la bellezza del nostro pianeta grazie alle immagini spettacolari del National Geographic e alle peripezie di due conduttori d’eccezione, Caterina Guzzanti e Davide Demichelis, calati in una location spettacolare: Queenstown in Nuova Zelanda. Tra una discesa spericolata e un balzo fuori dal comune, si inoltreranno nella natura rigogliosa di quei luoghi sperimentandosi in sport estremi, sotto la guida di istruttori esperti.

     

    Nella prima puntata Caterina e Davide affrontano la prima prova: “il Canyoning”. Saltano da un lato all’atro di un Canyon appesi a cavi d’acciaio e percorrono le rapide di un torrente. Un viaggio inconsueto che ci permette di entrare in contatto con la foresta e il suo habitat.

     

    Le avventure intorno al mondo dei ricercatori e dei fotografi di National Geographic sono un altro tema della puntata, immagini straordinarie e approfondimenti scientifici. Insieme a questi specialisti viviamo le avventure più estreme per conoscere il nostro pianeta come non è stato mai visto.

     

    Nell’ultima parte andiamo alla scoperta di quei fenomeni naturali che ci permettono di ribaltare o confermare luoghi comuni, conoscere aspetti inediti e stravaganti della natura, svelare nuove verità o divulgare nuove idee, far luce su tutto ciò che ci sorprende e ci intriga del nostro pianeta.

     

    – Entra nel sito di “Nanuk – prove d’avventura” >>

    – Guarda la diretta web, ogni sabato alle 21.30 >>

     

  • 27/12/2010 ore 9:26

    Paesaggio, Bellezza e Filosofia

    Commenti 1

    E’ tempo di Natale, col suo immaginario paesaggistico fatto di neve immacolata, abeti, agrifogli e pungitopi, renne e slitte, scorci montani e presepi arroccati. E’ un repertorio senz’altro un po’ edulcorato e promozionale, eppure rimanda ad un modo di vivere il paesaggio e di apprezzarne la bellezza che è proprio della sensibilità moderna e contemporanea. Non fu esattamente così per gli uomini dell’antichità e del medioevo.

     

    Di queste e di altre questioni connesse al rapporto col paesaggio si è parlato a “Fahrenheit”, il 23 dicembre scorso, con Paolo D’Angelo. Filosofo, studioso di estetica, D’Angelo ha dedicato più di un libro alla riflessione filosofica sul paesaggio.

    Nel corso dell’intervista – ascoltabile e scaricabile in podcast su Rai.tv – è emersa con chiarezza la connessione fra natura, bellezza, ecologia, urbanistica, economia e scienza. Un intreccio fra ambiti diversi, con esigenze diverse e spesso in contrasto fra loro. Un esempio è il rapporto ambivalente, e talvolta conflittuale, che c’è fra l’Ambiente (salvaguardato dall’ecologia) e il Paesaggio (tutelato dal pensiero estetico).

     

    Paolo D’Angelo afferma che il paesaggio è un oggetto precipuo della riflessione filosofica, perché non può essere adeguatamente compreso e salvaguardato se ci si rifiuta di prendere in considerazione la sua dimensione estetica, una dimensione fondamentale se consideriamo che il modo in cui ci rappresentiamo il paesaggio risulta decisivo per il modo in cui lo abitiamo.

     

    – Riascolta Paolo D’Angelo a “Fahrenheit” >>

    – Scarica il podcast della puntata >>

    – Segui “Fahrenheit” sul web, dal lunedì al venerdì alle 15.00 >>

    – Millepagine, il portale della Rai dedicato ai libri e alla cultura >>

  • 13/12/2010 ore 13:30

    Ricordo di Eugenio Montale

    Commenti 0

    Memoradio, la web radio accessibile direttamente dalla homepage di Radio3, ricorda Eugenio Montale, Premio Nobel per la letteratura nel dicembre del 1975. “Uomo schivo e disilluso” diviene, nonostante ciò, uno dei più grandi rappresentanti della poesia contemporanea.

     

    Nato a Genova nel 1896 e morto a Milano nel 1981, Eugenio Montale è fra i poeti italiani del novecento quello che ha raggiunto nel modo forse più pieno la statura del “classico” della letteratura. Sempre fuori dalle logiche settarie e partitiche, ha sviluppato una sintesi originale fra la tradizione poetica e i linguaggi e la realtà del tempo presente. Aperta alla più vitale e complessa cultura internazionale, la sua opera poetica non ha mai abdicato agli imperativi di un esercizio critico della razionalità, dall’interno di un irredimibile disincanto: dal pessimismo esistenziale e naturale di “Ossi di seppia” (primo libro, del 1925) al pessimismo storico e sociale delle ultime poesie. Fra le sue raccolte ricordiamo “Le occasioni” (1939), “La bufera e altro” (1956), “Satura” (1971).

     

    Memoradio propone diversi programmi in cui il poeta ha raccontato se stesso, rivelando il suo animo semplice e spontaneo, ed ha letto le sue poesie: “Un’ora con Eugenio Montale” e “L’autobiografia di Eugenio Montale” con Walter Mauro, “La mia vita la mia poesia” con Giansiro Ferrata, “Juke Box della poesia” con Achille Millo, “Spazio Tre opinione” con Giovanni Gaglio, “La voce dei poeti” con Leone Piccioni e altri ancora.

    Tutti i documenti sono scaricabili in versione podcast

     

    – Ascolta Memoradio in streaming sull’homepage di Radio3 >>

    – Scarica i podcast delle trasmissioni su Eugenio Montale >>

    – Guarda i video: Speciale Eugenio Montale su Rai.tv >>

    – Millepagine, il portale della Rai dedicato ai libri e alla cultura >>

    – Ascolta le puntate di “Alle 8 della sera” dedicate ad Eugenio Montale >>