Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • 19/5/2016 ore 16:08

    La Rai per la XXIV Giornata della Legalità

    Commenti 0

    Giornata della Legalità - Falcone e BorsellinoLunedì 23 maggio, a 24 anni di distanza dall’attentato di Capaci in cui nel 1992 trovarono  la morte il magistrato antimafia Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e i tre agenti della scorta Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani, un tragico evento che cambiò per sempre la storia del nostro paese, si celebrerà in tutta Italia la “Giornata della Legalità”.
    57 giorni dopo, il 19 luglio, la stessa sorte annunciata toccò in Via D’Amelio al giudice Paolo Borsellino e ai cinque agenti di scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

    La Rai dedica come ogni anno una speciale programmazione alla ricorrenza, che partirà nel weekend e culminerà nella giornata di lunedì: fiction, inchieste, documentari, approfondimenti per rafforzare la nostra memoria e ribadire il rifiuto verso tutte le forme di criminalità organizzata, un tema purtroppo quanto mai attuale.

    “Gli uomini passano, le idee restano, restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini” (Giovanni Falcone)

    – Guarda la speciale videogallery di Rai.tv dedicata all’anniversario >>

    – Rivedi una selezione di fiction Rai dedicate al tema delle mafie >>


    Di seguito i principali appuntamenti in palinsesto
    :

    Tutte le Testate della Rai garantiranno ampia copertura informativa alla ricorrenza.
    In particolare, RaiNews24 aprirà numerose finestre in collegamento da Palermo e la TGR collaborerà alla realizzazione dello speciale Tg1-Rai1 “Palermo chiama Italia”, in onda lunedì 23 dalle 09:40 su Rai1, con contributi e collegamenti in diretta da diverse piazze italiane. Nei notiziari di tutta la TGR, ma in particolare nei TG e nei GR della Sicilia, sarà dato grande risalto all’Anniversario ed alle iniziative correlate, con servizi dedicati alle numerose iniziative previste a livello locale.

    Rai1
    Sabato 21 maggio
    Diario Civile – Boris Giuliano, un commissario a Palermo (ore 23:45)
    Documentario di Alessandro Chiappetta, regia di Agostino Pozzi
    Il ricordo del capo della squadra mobile di Palermo, ucciso il 21 luglio 1979 da Leoluca Bagarella. Giuliano fu tra i primi a capire le trasformazioni criminali di Palermo negli anni 70 e a cogliere i rapporti tra Cosa Nostra e la politica, il primo a indagare su Totò Riina, negli anni in cui prendeva il potere e preparava la mattanza che avrebbe insanguinato Palermo dal 1978 al 1983.

    Lunedì 23 maggio
    Uno Mattina, in onda dalle 6:30 fino alla diretta delle ore 09:40, si collegherà con Franco Di Mare dall’Aula Bunker di Palermo con vari ospiti, tra cui il Presidente del Senato Pietro Grasso.
    All’interno della trasmissione verrà promosso il film “Era d’estate” di Fiorella Infascelli con Beppe Fiorello, Massimo Popolizio e Valeria Solarino, prodotto da Rai Cinema. L’Asinara, 1985. In una notte come tante sbarcano sull’isola Giovanni Falcone e Paolo Borsellino con le proprie famiglie..

    Palermo chiama Italia (09:40-12:00)
    Diretta a cura del Tg1, in collaborazione con Uno Mattina, dall’Aula Bunker di Palermo. Saranno presenti la professoressa Maria Falcone, Presidente della Fondazione Giovanni e Francesca Falcone, Andrea Orlando, Ministro della Giustizia, Franco Roberti, Procuratore Nazionale Antimafia, Rosy Bindi, Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia, Angelino Alfano, Ministro degli Interni, Pier Camillo Davigo, Presidente Associazione Nazionale Magistrati, e Stefania Giannini, Ministro dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca
    La TGR collaborerà alla realizzazione dello speciale con contributi e collegamenti in diretta da diverse piazze italiane.

    La Vita in Diretta (16:40–18:40) si collegherà con Palermo per le altre iniziative della Giornata con una diretta dall’albero della legalità, un’intervista al Presidente del Senato Pietro Grasso e ai familiari delle vittime.

    In prima serata, alle ore 21:20, sarà trasmessa la fiction “Boris Giuliano” (miniserie  in 2 puntate, previste il 23 e 24 maggio), dedicata al racconto della figura del capo della Squadra Mobile di Palermo, promotore di un’intensa e innovativa attività investigativa su Cosa Nostra che ne ha ordinato e completato l’esecuzione. La regia è di Ricky Tognazzi; nel cast, Adriano Giannini nel ruolo di protagonista, e tra gli altri, Nicole Grimaudo, Ettore Bassi, Tony Sperandeo. – Tutti i dettagli sulla fiction >>

    Petrolio (23:20): la puntata sarà dedicata alla Giornata e al tema della legalità
    Sottovoce (01:15): l’Anniversario sarà celebrato con un intervista a Franco Roberti, procuratore Antimafia.

    Rai2

    Lunedì 23 maggio
    “I Fatti Vostri” (11:00) ricorderà l’Anniversario durante lo spazio “Edicola”

    Martedi 24 maggio
    2Next (00:15) dedicherà un segmento del programma alla commemorazione del tragico evento

    Rai3

    Giovedi 19 maggio
    ‘’Geo’’ (18:10): in occasione della ricorrenza sarà trasmesso un documentario dal titolo ‘’Nei luoghi di Montalbano’’.

    Sabato 21 maggio
    Blob (20:00) darà risalto alla Giornata con un montaggio che ripercorre il dibattito televisivo intorno ai rapporti tra mafia e politica, culminato nella storica trasmissione “a quattro mani” di Santoro e Costanzo, una collaborazione tra Rai3 e Canale5, trasmessa poco prima della strage.

    Domenica 22 maggio
    Blob (20:00) ricorderà la strage, con una selezione e un montaggio di immagini (in parte inedite) che documentano gli istanti immediatamente successivi all’attentato, i primi soccorsi e le prime reazioni (le immagini provengono dalla Sede Regionale siciliana).

    Lunedì 23 maggio
    Agorà (08:00) dedicherà uno spazio di approfondimento alla Giornata e promuoverà il film “Era d’estate” di Fiorella Infascelli con Beppe Fiorello, Massimo Popolizio e Valeria Solarino, prodotto da Rai Cinema.
    Anche Mi manda Raitre (10:00) ricorderà l’Anniversario.

    Gli Archivi del ‘900: ‘’Falcone e Riina: caccia mortale’’ (ore 15:10)
    Il giudice coraggioso e il criminale mafioso. La storia di uno dei latitanti più ricercati d’Italia e di un magistrato che gli darà la caccia nonostante tutto.

    Blob (20:00): ulteriori immagini e testimonianze legate alla strage di Capaci

    Rai Movie

    Lunedì 23 maggio
    Il Giudice Ragazzino (ore 14:00)
    Un film di Alessandro di Robilant con Giulio Scarpati, Sabrina Ferilli, Leopoldo Trieste.
    Tratto da un romanzo di Nando Dalla Chiesa, narra le drammatiche vicende del giudice Rosario Livatino, impegnato nella lotta alla mafia nella zona di Agrigento, tra connivenze politiche e omertà.

    Rai Premium

    Lunedì 23 maggio
    Tv Movie: Giovanni Falcone, l’uomo che sfidò Cosa Nostra (ore 19:00)
    Regia di Andrea e Antonio Frazzi con Massimo Dapporto, Elena Sofia Ricci, Emilio Solfrizzi. Storia umana e civile di Giovanni Falcone. Questa fiction ricostruisce a partire dagli anni ’80 la vicenda del magistrato simbolo della lotta alla mafia. Sullo sfondo la criminalità organizzata, la sanguinosa lotta tra clan.

    Rai 5

    Lunedì 23 maggio
    Il giorno della civetta (ore 21:15)
    Spettacolo teatrale tratto dal celebre romanzo di Leonardo Sciascia, che racconta la storia dell’inchiesta condotta, a partire da un omicidio avvenuto in piccolo paese siciliano, da un capitano dei carabinieri appena arrivato sull’isola dalla lontana Parma, all’inizio degli anni ’60. – Tutti i dettagli >>

    Rai Storia

    Lunedi 23 maggio Rai Storia propone una giornata di approfondimento e ricordo, nella quale commemorare gli uomini che hanno dato la vita per la lotta alla criminalità organizzata e comprendere meglio questo fenomeno.
    La lista completa degli appuntamenti da seguire in Tv >>

    In prima serata andrà in onda “Diario Civile – CAPONNETTO” (21:30) di Simona Fasulo, regia di Leonardo Sicurello, con un’introduzione del Procuratore nazionale antimafia, Franco Roberti. Un racconto inedito della figura di Antonino Caponnetto, l’uomo che, a capo dell’Ufficio Istruzione del Tribunale di Palermo, seppe raccogliere il testimone da Rocco Chinnici, assassinato nel 1983, e coordinare il pool del quale fecero parte anche Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

    Rai Storia ha inoltre realizzato uno speciale per il web raccogliendo alcuni video e articoli riguardanti l’argomento.
    – Vai allo speciale >>

    Rai Scuola

    Lunedi 23 maggio
    Le idee restano (20:45)
    Le ultime testimonianze di Falcone e Borsellino nelle indagini contro le infiltrazioni mafiose si intrecciano con il ricordo dei giorni dei due terribili attentati. I due giudici ci lasciano una fortissima eredità spirituale che consiste nella consapevolezza che, per combattere la mafia, serve l’impegno di tutti; un impegno civile che è un patrimonio comune, che va insegnato nelle scuole e che va vissuto dai giovani. Perché è sulle loro gambe che ancora camminano le idee di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

    Martedi 7 giugno
    Speciale Rai Scuola – “Le loro idee camminano sulle nostre gambe…” (19:00)
    In occasione dell’annuale appuntamento a Palermo, il 23 maggio, in ricordo della strage di Capaci e a commemorazione dei giudici Falcone e Borsellino, Rai Scuola seguirà la giornata raccontando l’esperienza degli studenti del Cine tv Rossellini, che documenteranno l’evento con video realizzati a Palermo e diffusi su un blog creato ad hoc per l’occasione.

    – Lo Spot Istituzionale Rai per celebrare la Giornata >>

  • 6/5/2016 ore 8:00

    Felicia Impastato, il 10 maggio su Rai1

    Commenti 0

    Felicia-Impastato_01E’ in arrivo su Rai1 il film tv di Giancarlo Albano dedicato a Felicia Impastato, la madre-coraggio di Cinisi che decise di ribellarsi ai dettami della cultura dell’omertà in seguito alla tragica perdita del figlio, Peppino Impastato, il giornalista ucciso dalla mafia nella notte tra l’8 e il 9 maggio del 1978. In prima serata martedì 10 maggio su Rai1.

    – Guarda l’intervista esclusiva alla protagonista Lunetta Savino >>

    – Guarda il promo e la fotogallery >>

    Ad interpretare mamma Felicia, sarà Lunetta Savino. Accanto a lei Carmelo Galati nei panni di Giovanni Impastato e Linda Caridi che interpreta Felicetta Vitale. La sceneggiatura è firmata da Monica Zapelli e Diego Da Silva con la consulenza di Giovanni Impastato.
    Una coproduzione Rai Fiction e “11 Marzo” di Matteo Levi.

    Lunetta Savino, Carmelo Galati e Linda Caridi - Foto di scena

    Lunetta Savino, Carmelo Galati e Linda Caridi – Foto di scena

    Il 9 maggio 1978 Peppino Impastato viene assassinato dalla mafia: è da allora che la madre Felicia decide di gridare al mondo i nomi e i cognomi di chi lo ha ucciso. E negli anni troverà qualcuno disposto ad ascoltarla: si chiama Rocco Chinnici. Il magistrato che riuscirà a ribaltare le conclusioni frettolose dei suoi colleghi sulla morte di Peppino. Ma il 29 luglio del 1983 lo fanno saltare in aria. Felicia ne piange la morte, ma non si arrenderà mai. 25 ottobre del 2000: la Sicilia, grazie al sacrificio di tanti, è cambiata: ventidue anni dopo la morte di Peppino, Felicia Bartolotta, primo teste nel processo a Tano Badalamenti, può dire in faccia al boss “tu hai ucciso mio figlio”.

    Liberamente ispirato ai fatti di cronaca, il film seguirà vita e battaglie di Felicia Impastato,al secolo Bartolotta, a partire dall’omicidio del figlio e fino al processo faticosamente ottenuto contro mandanti e sicari, lungo un arco di ventidue anni.
    E’ la storia di una madre che decide di fare quello che nessuna donna in Sicilia, fino a quel momento, ha fatto mai. Parlare, denunciare, gridare al mondo i nomi e i cognomi di chi ha ucciso suo figlio. Rincorrere lo Stato, che vorrebbe archiviare il delitto prima come atto terroristico, poi come suicidio per compiacere gli interessi dei mafiosi, e costringerlo a darle giustizia.

    Vai al sito di Rai Fiction>>

  • Giornata della Memoria e dell'Impegno per ricordare le vittime innocenti di tutte le mafieIl 21 marzo, giorno d’inizio di primavera e simbolo di rinascita, si celebra la XXI Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, promossa da Libera e da altre associazioni. – Guarda lo spot istituzionale Rai >>
    La cerimonia principale, “Ponti di memoria, Luoghi di impegno”, si svolgerà quest’anno a Messina, ma come sempre, in questa data simbolica, la rete di Libera, gli enti locali, le realtà del terzo settore, le scuole e tanti cittadini, assieme ai familiari delle vittime, si ritroveranno in tanti luoghi per ricordare, leggendoli uno ad uno, i nomi di tutti gli innocenti morti per mano delle mafie.

    Rai.tv partecipa alla commemorazione con due playlist speciali dedicate all’argomento.
    La prima è costituita da una raccolta di documenti video tratti dagli archivi Rai: interviste, documentari, inchieste e brevi montati per raccontare il fenomeno delle mafie in ogni sfaccettatura. Tra i contenuti che potrete rivedere on demand all’interno dello speciale: “Ho vinto io”, la storia di Rosaria Schifani vedova di Vito, agente della scorta del giudice Falcone, che ritorna a distanza di venti anni sui luoghi della tragedia; il ciclo di documentari “Cose Nostre”, andati in onda recentemente su Rai1, sul rapporto sempre più difficile nel nostro Paese tra buon giornalismo e mafie; l’inchiesta del 2014 di “Presadiretta” sui tesori della mafia; i racconti di Carlo Lucarelli; una serie di ritratti degli eroi dell’antimafia, da Peppino Impastato a Pio La Torre (raccontati da “La Storia siamo noi”) fino ai due volti-simbolo della lotta alla mafia in Italia, i giudici Falcone e Borsellino, nelle clip di “Bianco e Nero”. – “In ricordo delle vittime delle mafie”. Vai allo speciale >>

    La seconda playlist raccoglie invece il meglio della produzione di Rai Fiction dedicata al racconto di alcuni eroi civili italiani, figure diverse tra loro ma accomunate dal coraggio di ribellarsi ad ogni mafia e combattere per un Paese più giusto, segnandone per sempre la storia. Tra le fiction, alcuni dei più recenti successi andati in onda su Rai1: “Il sindaco pescatore” con Sergio Castellitto nei panni del sindaco di Pollica Angelo Vassallo; “Lea” di Marco Tullio Giordana ispirato alla vera storia di Lea Garofalo, la donna che seppe opporsi ad un destino segnato dalla ‘ndrangheta; “Io non mi arrendo” con Giuseppe Fiorello nel ruolo del poliziotto Roberto Mancini, che per primo portò alla luce il dramma della ‘terra dei fuochi’ pagando con la propria vita; “Per amore del mio popolo”, in cui Alessandro Preziosi interpreta Don Giuseppe Diana, il parroco di Casal di Principe che ha sfidato la camorra. – Vai allo speciale Fiction >>

    Una programmazione speciale dedicata alla ricorrenza attraverserà inoltre anche quest’anno tutte le reti e le testate della Rai. Di seguito gli appuntamenti principali in palinsesto lunedì 21 marzo:

     
    Rai News24 (in collaborazione con la Tgr) trasmetterà, in diretta da Messina a partire dalle 11:00, la manifestazione dell’Associazione Libera per la XXI Giornata Nazionale della Memoria e dell’Impegno e si collegherà inoltre con Torino, Perugia e Napoli, dove sono previste altre iniziative.

    Servizi sulla ricorrenza verranno trasmessi all’interno delle edizioni del Tg1, Tg2, Tg3 e TGR. Le redazioni regionali, come di consueto, garantiranno un’ampia copertura in base alle iniziative che si svolgeranno sul territorio. Inoltre, domenica 20 marzo, la rubrica del TGR “RegionEuropa” (11:30), trasmetterà un’intervista al Prof. Nando Dalla Chiesa, Presidente Onorario dell’Associazione Libera e docente di sociologia della criminalità organizzata presso l’Università Statale di Milano.

    Rai1
    Unomattina (ore 06:45-10:00) e La Vita in Diretta (14:05 e 16:40) dedicheranno un’ampia pagina alla giornata con approfondimenti e ospiti. In particolare, è previsto, all’interno de “La Vita in Diretta”, un collegamento con Don Ciotti da Messina.

    Rai2
    I Fatti Vostri (11:00) dedicherà un segmento della trasmissione al ricordo delle vittime innocenti delle mafie.

    Rai3
    Spazi dedicati alla giornata e collegamenti in diretta da Messina sono previsti all’interno di Agorà (08:45) e di Mi manda Raitre (10:00), dove si parlerà di uno dei temi previsti nel programma dei lavori: “Il ruolo dei cittadini nella promozione dell’integrità: esperienze di monitoraggio civico”. A Pane quotidiano (12:45) Concita De Gregorio ricorderà la Giornata aprendo la puntata con una copertina dedicata. In chiusura verranno inoltre segnalate le iniziative in corso sul territorio. Alle 15:10 andrà in onda La grande Storia: “Piersanti Mattarella – La buona battaglia’’, di Giovanni Grasso. Il documentario ricostruisce la storia dell’allora presidente della Regione Sicilia Piersanti Mattarella, fratello dell’attuale Presidente della Repubblica Italiana, ucciso dalla mafia a Palermo il 6 gennaio del 1980. – Leggi i dettagli >>

    Rai Premium
    Alle 15:35 andrà in onda la fiction “Paolo Borsellino – I 57 giorni”, regia di Alberto Negrin, con Luca Zingaretti, Lorenza Indovina, Enrico Ianniello. La storia dei 57 giorni che separano la morte di Falcone da quella di Borsellino. Giorni in cui il giudice intuisce il suo destino e traccia il bilancio della sua esistenza, dei suoi affetti e del suo impegno come magistrato nella lotta contro lo strapotere di Cosa Nostra.

    Rai Movie
    Tre gli appuntamenti dedicati alla Giornata. Alle 13:45 andrà in onda il film Fortapasc”, di Marco Risi, con Libero De Rienzo, Valentina Lodovini e Michele Riondino. La storia vera del giornalista del Mattino Giancarlo Siani, colpevole di aver acceso l’attenzione generale sulla camorra e ucciso sotto casa il 23 settembre 1985.
    Alle 21:15 il Tv Movie Lea”, la storia di Lea Garofalo, per la regia di Marco Tullio Giordana, con Vanessa Scalera e Linda Caridi. Un film ispirato alla vera storia di Lea Garofalo, la donna che seppe opporsi allo strapotere della mafia e per questo uccisa e il suo corpo fatto sparire, e di sua figlia Denise, minorenne all’epoca dei fatti, che testimoniò contro il padre, mandante dell’omicidio, e che vive ora sotto scorta. Il film si base su materiale d’inchiesta e sulle sentenze dei processi che hanno condannato all’ergastolo il marito di Lea Carlo Cosco e i suoi complici.
    Alle 23:00 il Tv Movie L’attentatuni – il grande attentato”, diretto da Claudio Benevento, con Claudio Amendola, Veronica Pivetti, Massimo Popolizio, Tony Sperandeo. Per eliminare il giudice Falcone, il clan dei corleonesi organizza uno spaventoso attentato. Distrutti dal dolore, indagano i due amici più fidati del magistrato.

    Rai Cultura

    Rai Storia
    Il 21 marzo il palinsesto di Rai Storia sarà interamente dedicato alla Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Scopri la programmazione completa >> 

    Rai Scuola trasmetterà alle 20:00 Gap “Ninni Cassarà, un bravo poliziotto”. Il documentario, realizzato in collaborazione con la Polizia di Stato, racconta la figura del commissario Ninni Cassarà, il capo della sezione investigativa della Squadra mobile di Palermo ucciso 6 agosto del 1985 a colpi di kalashnikov insieme all’agente della scorta Roberto Antiochia.

    Rai Cultura dedicherà inoltre alla ricorrenza diverse iniziative sul web e sui social network.
    In particolare, sul sito di Rai Storia troverete uno speciale con oltre 30 video. Ricordi, interviste, racconti e approfondimenti. – Link >>
    Inoltre, Rai Letteratura ricorderà le vittime e gli eroi contro la mafia con interviste che celebrano la storia del pool antimafia nella graphic novel “Un fatto umano” e con le testimonianze di Salvatore Borsellino, Maria Falcone e Luigi Lo Cascio. – Link >>

    Radio Rai
    Anche le reti radiofoniche Rai dedicheranno ampi spazi alla Giornata della Memoria e dell’Impegno per ricordare le vittime innocenti di tutte le mafie.
    Tra gli appuntamenti di Radio1, uno speciale in diretta da Messina a partire dalle 10:00 condotto da Ilaria Sotis,  e “La paura e il coraggio, storie di eroi dell’antimafia”, programma musicale a cura di Andrea Cacciagrano e Lorenzo Lucidi (dalle 11.30 alle 12.30 e dalle 23 alle 24), una formula narrativa originale, fatta di voci, testimonianze e ricordi dagli anni Settanta ai giorni nostri, sul filo della grande musica italiana e internazionale con documenti di archivio di protagonisti della lotta alla mafia. Su Radio2 i programmi Caterpillar AM, I Provinciali e Caterpillar incentreranno la puntata sull’iniziativa promossa dall’Associazione Libera di Don Ciotti. Su Radio3 la programmazione inizierà domenica 20: la trasmissione Zazà dedicata a raccontare il Sud presenterà la giornata di Messina. Lunedì 21 una interruzione delle trasmissioni del mattino permetterà di ascoltare la lista dei nomi delle vittime, nel pomeriggio Fahrenheit si collegherà con Messina dando voce ai seminari in corso e ascolterà alcuni degli autori di saggi sugli argomenti al centro della giornata.
    Servizi sulla ricorrenza saranno presenti inoltre nelle edizioni di Gr1, Gr2, Gr3 e nelle rubriche del Canale Gr Parlamento.

    “Molte di quelle vittime erano ‘giusti’. Persone che non hanno esitato a mettere la propria vita al servizio di quella degli altri, anche a costo di perderla. E’ questa giustizia delle coscienze, prima che delle leggi, il dono che ci hanno lasciato. Condividerlo è nostro compito quotidiano” (Don Ciotti)

  • cosenostre336Da sabato 9 gennaio in seconda serata inizia il nuovo programma della rete ammiraglia dedicato al mondo delle mafie: “Cose nostre”.
    Cinque puntate, ognuna dedicata a un giornalista minacciato dalla criminalità organizzata, raccontate attraverso i suoi occhi e il suo lavoro: uno sguardo inedito sull’Italia di oggi e di domani. Cinque documentari che sveleranno la vita e l’attività, difficile e piena di insidie, dei giornalisti che con coraggio e professionalità raccontano spesso in solitudine storie di mafie, malaffare, corruzione e poteri illegali.

    “Cose nostre” accenderà un faro sul rapporto difficile tra buon giornalismo e mafie. Un fenomeno molto preoccupante, di cui s’è occupata di recente anche la Commissione Parlamentare Antimafia: sono state oltre 2000 in pochissimi anni gli episodi di violenza, intimidazione e minaccia nei confronti dei giornalisti italiani. Fatti che si uniscono agli otto giornalisti uccisi dai clan nella storia del nostro Paese.
    Automobili date alle fiamme, aggressioni, minacce, lettere intimidatorie, pallottole inviate per posta, incursioni dentro casa, querele temerarie. Sono questi i modi con cui le mafie tentano di condizionare la stampa italiana. Segno che per i clan il consenso, il controllo del territorio e l’impunità passano anche dal silenzio imposto ai giornalisti. E sono molti i cronisti (della carta stampata, della televisione, del web) che, nonostante tutto, continuano nel loro lavoro prezioso di informare le cittadine e i cittadini.
    “Cose nostre” vi racconterà le storie di:

    Michele Albanese, calabrese, giornalista de “Il Quotidiano del Sud”.
    Arnaldo Capezzuto, napoletano, blogger “ilfattoquotidiano.it”
    Amalia De Simone, campana, giornalista di “Corriere.it”
    Pino Maniaci, siciliano, direttore di “Telejato”.
    Giovanni Tizian, calabro-emiliano, giornalista dell'”Espresso”.

    L’appuntamento è ogni sabato a mezzanotte su Rai1

  • 22/5/2015 ore 14:48

    La Giornata della legalità sulle reti Rai

    Commenti 0

    Palermo chiama ItaliaIl 23 maggio, Giornata della Legalità,  ricorre il 23° Anniversario della strage di Capaci, il terribile attentato mafioso in cui, nel 1992, persero la vita sull’autostrada A29, a pochi chilometri da Palermo, il magistrato Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e tre agenti della scorta: Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro.
    57 giorni dopo, la stessa sorte annunciata toccò in Via D’Amelio al giudice Paolo Borsellino e ai cinque agenti di scorta Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

    L’Italia intera si unirà nel ricordo dei due giudici e di tutte le vittime delle mafie grazie a numerose iniziative, tra cui la principale sarà la manifestazione “Palermo chiama Italia”, organizzata dalla Fondazione ‘Giovanni e Francesca Falcone’  in collaborazione con la Direzione Generale per lo Studente del Ministero dell’Istruzione, che quest’anno si svolgerà non solo a Palermo, ma anche in tante piazze italiane.
    La Rai seguirà in diretta sabato 23 maggio a partire dalle 10:50 su Rai1 nello “Speciale TG1 – Palermo chiama Italia” (a cura di Rai1/TG1, in collaborazione con la TGR) l’evento principale, la cerimonia istituzionale che avrà come ospite d’onore il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e che si svolgerà a Palermo presso l’Aula Bunker del carcere Ucciardone. La cerimonia, in collegamento con le altre piazze (Milano, Firenze, Reggio Emilia, Napoli, Corleone e Rosarno), prevede gli interventi dei rappresentanti delle associazioni antimafia e degli studenti delle scuole vincitrici del concorso nazionale “Riprendiamoci i nostri sogni”. Interverranno, tra gli altri, il Ministro della Giustizia Andrea Orlando, il Procuratore Nazionale Antimafia Franco Roberti, il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini e la professoressa Maria Falcone, sorella del giudice ucciso.
    – Guarda l’intervista a Maria Falcone tratta da “I Fatti Vostri” del 22 maggio >>

    Rai1 dedicherà alla ricorrenza anche l’intera serata di sabato 23.
    In prima serata, alle 21:30, l’appuntamento da non perdere è con il film “La mafia uccide solo d’estate”, per la regia di Pierfrancesco Diliberto in arte Pif, con lo stesso Pif, Cristiana Capotondi, Teresa Mannino e Nino Frassica.
    Un racconto lungo vent’anni attraverso gli occhi di un bambino, Arturo, che diventa grande in una città affascinante e terribile, Palermo, ma dove c’è ancora spazio per la passione e il sorriso. “La mafia uccide solo d’estate” è, infatti, una storia d’amore che racconta i tentativi di Arturo di conquistare il cuore della sua amata Flora, una compagna di banco di cui si è invaghito alle elementari. Sullo sfondo di questa tenera e divertente storia, scorrono e si susseguono gli episodi di cronaca accaduti in Sicilia tra gli anni ’70 e ’90. Un modo nuovo di raccontare la mafia. Un film che dissacra i boss e restituisce l’umanità dei grandi eroi dell’antimafia.
    A seguire, il film-corto “Convitto Falcone” (2012), di Pasquale Scimeca con Donatella Finocchiaro, Marcello Mazzarella ed Enrico Lo Verso, che racconta la storia di  Antonio, che ad appena undici anni, grazie a una borsa di studio, lascia la sua casa in un piccolo paese delle Madonie per andare a studiare al Convitto Nazionale “Giovanni Falcone” di Palermo.

    Ma la Giornata della Legalità troverà spazio su tutte le reti Rai con numerosi appuntamenti.
    Tra questi, sempre nel giorno dell’anniversario, il 23 maggio, Rai3 per “Gli archivi del ‘900” propone alle 18:00 una puntata di “Correva l’anno” dal titolo “Falcone – Riina. Caccia mortale”, di Francesco Linguiti. La storia di uno dei latitanti più ricercati d’Italia e di un magistrato che gli darà la caccia nonostante tutto. Alle 20:10, ancora su Rai3, il programma condotto da Fabio Fazio Che fuori tempo che fa’’ dedicherà alla giornata uno spazio di approfondimento.

    Su Rai5, sabato alle 21:15 e in replica domenica 24 alle 16:00 e giovedì 28 alle 10:00, andrà in onda “Novantadue” – una pièce teatrale inedita di Claudio Fava, figlio di Pippo Fava, giornalista d’inchiesta vittima della mafia. Solo un numero nel titolo: ‘92. L’anno delle stragi di Cosa Nostra in Sicilia e degli attentati mortali ai giudici Falcone e Borsellino.

    Numerosi gli appuntamenti su Rai Storia. Si comincia con “Il tempo e la Storia – Legalità’’, in onda alle 6:00, alle 8:50 e alle 14:20. A seguire, alle 10:30, “Una giornata particolare – Contromafia”: Don Luigi Ciotti, fondatore del Gruppo Abele e di “Libera” – Associazioni, nomi e numeri contro le mafie – proporrà un percorso nelle Teche Rai sul tema della mafia e della lotta alla criminalità organizzata. Alle 16:00 sarà trasmesso “Diario Civile – Un fatto umano – Le parole di Giovanni Falcone”, con un ricordo del Procuratore Nazionale Antimafia, Franco Roberti. Alle 17.00 andrà in onda “Vite contro la mafia”, con un’introduzione del Procuratore nazionale antimafia Roberti. Il lavoro di reporter di Giuseppe Marrazzo ha formato generazioni di giornalisti, ma soprattutto ha indicato la strada disvelando segreti e retroscena della vita criminale italiana. In questa puntata, con il contributo del giornalista Attilio Bolzoni, gli stralci di tre documentari di Giuseppe Marrazzo che ripercorrono le figure di Boris Giuliano, Cesare Terranova e Piersanti Mattarella: un poliziotto, un magistrato e un politico uccisi in meno di otto mesi a Palermo. Alle 18:00 per “Binario Cinema” sarà proposto il film “Fortapàsc”, per la regia di Marco Risi con Libero De Rienzo, Ennio Fantastichini e Michele Riondino, che racconta la storia del giornalista Giancarlo Siani, assassinato dalla mafia nel 1985 a soli 26 anni. Alle 20:50 e alle 23:30 appuntamento con “Il tempo e la Storia – Giovanni Falcone: una vita contro la mafia”, con il prof. Salvatore Lupo, uno dei massimi studiosi di mafia in Italia. Alle 21:30 per “Eco della Storia – La strage di Capaci”, una puntata speciale del programma condotta da Gianni Riotta per raccogliere tutti gli echi della storia che dal 1982 arrivano sino a noi. A seguire, alle 22:30, “Diario Civile – Le donne della scorta”. Tra le altre, verrà raccontata la storia di Emanuela Loi, la prima donna della Polizia a restare uccisa in servizio, nella strage di via D’Amelio.

    Rai Movie, sempre il 23 maggio, alle 13:40, trasmetterà il film “I cento passi’’, per la regia di Marco Tullio Giordana con Luigi Lo Cascio, Luigi Maria Burruano, Lucia Sardo. A Cinisi, paesino siciliano schiacciato tra la roccia e il mare, nei pressi dell’aeroporto, utile quindi per il traffico di droga, cento  passi separano la casa di Peppino Impastato da quella di Tano Badalamenti, il boss locale.

    Per quanto riguarda Radio Rai, venerdì 22 maggio Radio1 proporrà alcuni programmi che anticiperanno le tematiche legate all’anniversario della strage: “Radio anch’io”, “Restate scomodi”, “Italia sotto inchiesta”. In particolare, “Restate scomodi” (dalle15:30 alle16:30) andrà in onda dall’Auditorium della sede Rai di Palermo con la diretta di un concerto dell’orchestra sinfonica giovanile “Falcone Borsellino” di Catania. – Leggi i dettagli >>
    Sabato 23 maggio, sempre su Radio1, si comincia con “Inviato Speciale”, in onda dalle 9:00 alle 10:00 e a seguire lo “Speciale Gr1 – Il coraggio e la paura, storie di eroi dell’antimafia”, in onda alle 10:30. Sono previsti inoltre spazi in diretta sulle manifestazioni istituzionali.

    Le testate giornalistiche TG1, TG2 e TG3 garantiranno ampia copertura informativa alla ricorrenza in tutte le edizioni dei telegiornali mentre il Canale all news RaiNews24 dedicherà gran parte della sua programmazione agli appuntamenti istituzionali previsti nel corso della giornata del 23 maggio. Tra questi, in collaborazione con la TGR Sicilia, le iniziative che coinvolgono i giovani e la diretta degli interventi istituzionali dall’aula bunker di Palermo. La TGR realizzerà collegamenti dalle piazze coinvolte nell’iniziativa (Reggio Emilia, Firenze, Cosenza, Palermo, Corleone, Milano) trasmessa su Rai1. Nell’ambito dei notiziari locali sono previsti servizi e collegamenti dedicati alla giornata. Tutte le edizioni di Gr1, Gr2 e Gr3 dedicheranno ampi servizi all’anniversario.

    Anche Rai.tv partecipa alle commemorazioni della strage di Capaci con una speciale videogallery nella quale troverete interviste, documentari, inchieste e fiction che raccontano la piaga della mafia, il sacrificio di chi l’ha combattuta, l’impegno di chi continua a combatterla nella convinzione che “Chi tace e chi piega la testa muore ogni volta che lo fa, chi parla e chi cammina a testa alta muore una volta sola” (Giovanni Falcone).
    – Guarda lo speciale di Rai.tv >>