Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • 29/8/2011 ore 8:00

    Su Rai2 il coraggio di Libero Grassi

    Commenti 0

    A vent’anni dall’assassinio, Rai2 ricorda il coraggio di Libero Grassi con “Libero nel nome”, documentario in onda lunedì 29 agosto alle 23.40, che Pietro Durante ha dedicato all’imprenditore ucciso dalla mafia il 29 agosto 1991. E’ il 10 gennaio di quell’ anno quando, Libero Grassi, imprenditore palermitano, si rivolge direttamente agli estorsori, che da lui pretendono il pizzo, con una lettera pubblicata in prima pagina sul Giornale di Sicilia.

    Caro estorsore…
    …volevo avvertire il nostro ignoto estorsore di risparmiare le telefonate dal tono minaccioso e le spese per l’acquisto di micce, bombe e proiettili, in quanto non siamo disponibili a dare contributi e ci siamo messi sotto la protezione della polizia. Ho costruito questa fabbrica con le mie mani, lavoro da una vita e non intendo chiudere… Se paghiamo i 50 milioni, torneranno poi alla carica chiedendoci altri soldi, una retta mensile, saremo destinati a chiudere bottega in poco tempo. Per questo abbiamo detto no al “Geometra Anzalone” e diremo no a tutti quelli come lui

    Libero Grassi, dal Giornale di Sicilia del 10-1-1991


    Per molti è la data che segnò l’inizio della lotta al racket. Da quel momento nessuno può dire “io non sapevo”. Libero Grassi non ha una statua che lo ricorda, né una piazza o molte vie a lui intitolate. Libero Grassi ha una lapide, scritta a mano e una macchina rossa dipinta ogni anno dalla moglie e dai figli, sul marciapiede dove i killer di Cosa Nostra lo hanno ucciso sparandogli alle spalle.

    Molti anni più tardi, la sua idea ha scatenato una rivoluzione possibile che oggi coinvolge oltre diecimila cittadini palermitani che si riconoscono nella frase “un intero popolo che paga il pizzo è un popolo senza dignità”. La vicenda di Libero Grassi viene rivissuta, in questo documentario, dalla moglie e dai figli che ora raccontano anche una nuova storia: quella della sua eredità morale.

    Mentre i ragazzi di “Addiopizzo”, con Tano Grassi, un imprenditore che come Grassi si è ribellato, insieme al presidente dell’associazione Libero Futuro e insieme a chi ha voluto la modifica del codice etico di Confindustria, raccontano una straordinaria Palermo animata da una nuova dignità.

    Guarda in streaming “Libero nel nome”, Rai2, 29 agosto, 23.40>>

    Riguarda grazie a Rai Replay l’evento, negli ultimi 7 giorni dopo la messa in onda >>

    Speciale su Radio3, fahrenheit presentazione del libro, ‘Libero. L’imprenditore che non si piegò al pizzo’. All’iniziativa intervengono,  Tano Grasso e Ivanoe Lo Bello, presidente di Confindustria Sicilia, 29 agosto ore 17,00>>

    Guarda: ‘Samarcanda’ speciale Libero Grassi >>

  • 8/7/2011 ore 17:00

    Torna Carlo Lucarelli con “Blu Notte”

    Commenti 0

    Rai3, 8 luglio, 23.55. Torna ogni venerdì in seconda serata “Blu Notte”, il programma ‘giallo’ – tra racconto e indagine – condotto da Carlo Lucarelli.

    In questa stagione estiva, 12 puntate per investigare sui casi più drammatici e misteriosamente insoluti che riguardano il nostro paese.

     

    Nella prima puntata parliamo della Banda della Magliana, la banda criminale più famosa d’Italia che ha ispirato romanzi, film e serie televisive. È una storia che richiama quella dei gangster della Chicago degli anni ’30 – non solo una storia di omicidi, droga, soldi, vendette e tradimenti – quella che si svolge nella Roma a cavallo tra gli anni ’70 e ’80. Un mistero italiano che, come tutti quelli che l’hanno preceduto, nasconde qualcosa di più, qualcosa di inquietante che ci riguarda tutti.

     

    Alcune anticipazioni sulle puntate successive:

    15 luglio – Mafia al Nord
    La penetrazione della mafia nel Nord d’Italia – anzi delle mafie, perché anche la ’ndrangheta gioca un ruolo importante – non è un fenomeno recente: è iniziato negli anni ’60, ai tempi dei soggiorni obbligati per i mafiosi e dell’immigrazione di massa dal Mezzogiorno.

    22 luglio – L’ombra oscura della P2
    La storia della P2, la famigerata loggia massonica segreta Propaganda Due, dei suoi interessi economici e dei suoi progetti politici autoritari, tornati drammaticamente di attualità negli ultimi anni.

    29 luglio – Navi a perdere. Il mare dei veleni
    Jolly Rosso, Rigel, Karin B… sono nomi di navi sconosciute, inabissate in acque profonde. Alcune volte ricompaiono, altre volte no. Cosa trasportavano quelle navi?

    5 agosto – Racket: piccoli grandi eroi
    Libero Grassi, Silvana Fucito, Tano Grasso e tanti altri sconosciuti come “il fu Nino Miceli” sono i piccoli eroi dimenticati di questa puntata. Persone che con dignità e con la sola forza della volontà si sono ribellate al racket delle estorsioni.

    12 agosto – Il naufragio fantasma
    25 e il 26 dicembre 1996, nel mare del canale di Sicilia si consuma una delle più grandi tragedie del Mediterraneo che inizialmente, tranne alcune eccezioni, passò nell’indifferenza generale dei media.

    19 agosto – Le morti silenziose
    Nel nostro Paese la lavorazione dell’amianto è stata bandita con una legge del 1992, ma altri paesi continuano a produrlo condannando a una morte certa coloro che lo lavorano.

    26 agosto – Dentro Cosa Nostra
    La storia del “pentitismo” di mafia: dalle importanti confessioni di Leonardo Vitale e Tommaso Buscetta, i due primi importanti boss mafiosi che iniziano un percorso di collaborazione con la giustizia, alla prima legge sui “pentiti”.

    2 settembre – L’armadio della vergogna
    Roma 1994, nello scantinato di un palazzo viene trovato un armadio con le ante rivolte verso il muro. Lì dentro, in più di 2000 fascicoli di indagine sui crimini di guerra, ci sono i nomi delle diecimila vittime delle stragi commesse in Italia, tra il 1943 e il 1945, dai soldati tedeschi.

    9 settembre – Tangentopoli
    “Mani pulite” ha reso visibile la città delle tangenti e della corruzione, “Tangentopoli”.
    Carlo Lucarelli ripercorre un momento cruciale della nostra storia recente, con i suoi protagonisti, i suoi drammi, i suoi morti e soprattutto i suoi misteri.

    16-23 settembre – Genova 2001: G8
    Genova, luglio 2001. La città dove si svolgono contemporaneamente gli incontri del Vertice G8 e le proteste pacifiche organizzate dal movimento “new global” italiano, il Genoa Social Forum, diventa teatro di una guerriglia urbana senza precedenti. Carlo Lucarelli, attraverso un racconto che si svolge in due puntate, ripercorre la spirale di violenza e di odio di quei giorni che si concludono con un bilancio drammatico: la morte di un ragazzo, più di mille feriti, danni per 50 miliardi di lire, 250 arrestati, diverse inchieste e processi.

     

    – Guarda il programma on line, il venerdì notte in seconda serata >>

    – Entra nel sito di Blu Notte e guarda le puntate >>

    – Rivedi le scorse edizioni del programma >>