Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • 8/7/2011 ore 11:39

    Rai3: ‘Mussolini, Soldi, Sesso e Segreti’

    Commenti 1

    Il nuovo ciclo de ‘La Grande Storia’ si apre, venerdì 8 luglio alle 21.05 su Rai3, con “Mussolini, Soldi, Sesso e Segreti“, un originale ed esclusivo ritratto del Ventennio. Il film-documento, con l’aiuto di documenti dell’Archivio di Stato, racconta truffe e speculazioni, profitti illeciti, malversazioni, scandali, carriere strepitose del Regime. Un continuo malaffare che Mussolini copre e tollera, per compensare chi ha creduto in lui e lo ha aiutato nel momento dell’ascesa e per tenerlo in pugno con l’arma del ricatto. Non solo soldi, ma anche sesso come strumento di controllo e di potere: dal talamo nuziale all’alcova del bordello, ovunque l’orecchio dell’Ovra è in ascolto. Dossier, lettere, minacce, accuse vere e false di oscenità, inganni, arresti, frodi, ricatti e l’accusa di omosessualità come arma politica. Proprio con questa accusa vengono brutalmente emarginati i due onesti moralizzatori e segretari del Partito Nazionale Fascista Augusto Turati e Giovanni Giuriati. Un dossier con l’accusa di pederastia sarebbe stato preparato anche contro il principe Umberto, per impedire la successione al padre sul trono d’Italia. Il film-documento prosegue con la vita privata di Mussolini: due mogli e le altre, sessanta relazioni “certificate” e molte altre clandestine. ‘La Grande Storia’ mostra per la prima volta in tv i volti sconosciuti di due di queste donne: la famosissima pianista Magda Brard e la giornalista di “Le Matin”, Magda Fontanges, due documenti filmati scoperti dall’autore negli archivi francesi Gaumont/Pathé. Il racconto continua con i figli del Duce, veri o presunti, legittimi o illegittimi, riconosciuti o abbandonati. I figli lasciati morire. Soldi e Sesso, ma anche Segreti, di rapporti con le logge massoniche. E dal legame con la massoneria agli occulti finanziamenti della Francia. Dalla frode a danno di D’Annunzio agli accordi con gli industriali, dalle leggi ad personam, ai conflitti d’interesse, alla promessa di nuove guerre, per nuove armi e nuovi lucrosi affari. Fino al colpo di scena finale, l’ultimo segreto, solo da poco svelato: nel 1942 Mussolini fa accreditare su un conto dello Ior, la banca del Vaticano, ben tre milioni di dollari, circa 61 milioni di euro, con l’ordine di trasferirli negli Stati Uniti. Ma nel 1942 l’America è già una nazione nemica. A cosa dovevano servire quei soldi? È l’ammissione che il duce vedeva la sconfitta vicina? È quasi un’assicurazione sulla vita dopo la disfatta? O c’erano altri scopi a noi sconosciuti? La Storia dovrà ancora indagare in cerca di risposte.

    – Guarda in streaming ‘Mussolini, Soldi, Sesso e Segreti’, Rai3, 8 luglio, 21.05>>

    – Entra nel sito de ‘La Grande Storia’ >>

    – Guarda tutti i video del programma su Rai.tv >>

  • Venerdì 8 luglio, 21.05, Rai3. Torna per il quattordicesimo anno consecutivo il racconto in prima serata della Storia e dei suoi protagonisti. Torna “La Grande Storia”, il programma che si pone come obiettivo quello di ‘scartabellare’ negli archivi dei secoli scorsi per indagarne risvolti mai realmente presi in considerazione. Si comincia con Mussolini, Soldi, Sesso e Segreti, un inedito, esclusivo, mai visto, ritratto del Ventennio.

     

    Per anni si è aggirato tra gli italiani un luogo comune: il Fascismo era, sì, una dittatura, che aveva strappato con violenza la libertà agli italiani, aveva eliminato ogni opposizione e dissenso, ogni libertà di stampa e partito politico, ma, almeno – è questo il luogo comune – i fascisti non rubavano, non erano corrotti, non corrompevano, non favorivano, non piegavano lo Stato ai propri interessi. Così non era.

     

    Storie di Soldi, Sesso, ma anche Segreti.

    Segreti di “squadra e di compasso”, di rapporti con le logge, di alleanza con i gran maestri. E poi dall’astuto legame con la massoneria agli occulti finanziamenti della Francia. Dalla frode a danno di D’Annunzio agli accordi con gli industriali, dalle leggi ad personam, ai conflitti d’interesse, alla promessa di nuove guerre, per nuove armi e nuovi lucrosi affari.

     

    Tra gli altri documentari in programma in questo nuovo ciclo estivo:

    All’ombra del Fuhrer

    Cartoline dal Ventennio

    La leggenda nera del nazismo

    ROma-BERlino-TOkio: Terrore dal cielo

    Alla corte di Stalin, Liberate il Duce! – La vera storia dell’operazione Quercia

    Il corpo di Hitler.

     

    – Guarda la diretta on line, venerdì 8 luglio alle 21.05 >>

    – Entra nel sito de La Grande Storia >>

    – Guarda tutti i video del programma su Rai.tv >>

    – Il Magazine del sabato mattina >>

     

  • Lunedì 18 aprile, 21.05, Rai3. In occasione delle celebrazioni dei 150 anni dell’unità d’Italia, la terza rete Rai prosegue la sua programmazione dedicata allo storico e straordinario evento. La Grande Storia propone agli spettatori tre film-documento nel solco delle celebrazioni unitarie. Si comincia da 25 aprile, la liberazione!, una testimonianza sul dopoguerra italiano, con il superamento della dittatura e delle violenze del nazifascismo.

     

    È una storia di molti italiani posti drammaticamente davanti ad una scelta. La storia di chi scelse consapevolmente di mettere a rischio la propria vita per riconquistare libertà, dignità e democrazia e la storia di chi invece, in un malinteso senso di onore, scelse di affiancare i soldati nazisti per perpetrare un regime di cupa oppressione e violenza. Nelle immagini scorre il racconto di quei giorni: lo sfondamento della linea Gotica tra Pisa e Rimini, e le insurrezioni di massa nelle grandi città del Nord (da Bologna a Genova, da Milano a Torino), fino all’ingresso dei partigiani e degli alleati nelle città liberate.

     

    Il secondo film-documento sarà dedicato a Giovanni Paolo II, soprattutto dal punto di vista storico nel suo rapporto imprescindibile e fondante con l’Italia, mentre il ciclo storico si concluderà con un reportage-inchiesta del tutto inedito che ricostruisce e documenta per la prima volta in televisione i tentativi che furono fatti dopo il 1938 per evitare che Mussolini entrasse in guerra. Tentativi di un gruppo segreto e ristretto di congiurati che arrivò a progettare un vero e proprio “tirannicidio”.

     

    – Guarda “La Grande Storia” in diretta on line, il lunedì alle 21.05 >>

    – Entra nel sito del programma >>

    – Guarda i video delle scorse puntate >>

    – Rivedi il programma per tutta la settimana successiva su Rai Replay >>

    – Il sito celebrativo dei 150 anni di Unità d’Italia >>

     

  • 30/12/2010 ore 15:01

    Romero, voce dei senza voce

    Commenti 1

    3 gennaio 2011, ore 23.05, Rai 3. Nel trentesimo anniversario della morte di Monsignor Oscar Arnulfo Romero, “La Grande Storia” ci offre uno straordinario documentario che raccoglie per la prima volta tutte le immagini, le interviste, i discorsi e le omelie provenienti dai più importanti archivi mondiali. Questa toccante testimonianza – di un uomo discusso, ma dal suo popolo considerato un’icona – ha vinto il premio come miglior documentario storico all’International Film Festival in California ed è stato selezionato per la 28° edizione del Festival de Cine de Bogotà (2011) e per il BIF&ST Bari International Fim&TV Festival 2011.

    Il 24 marzo del 1980 Romero viene brutalmente assassinato mentre celebra messa. Per il popolo diviene un santo il giorno stesso del suo assassinio, eppure la sua causa di beatificazione, iniziata nel 1997, non si è ancora conclusa. Quella dell’arcivescovo cattolico di San Salvador è una figura che ha suscitato – e continua a suscitare – grande polemica. Non si iscrisse mai ad alcun partito, eppure fu accusato di essere marxista. Non aderì mai alla Teologia della Liberazione, ma ne è considerato un’icona.

    Una cosa è certa: nel teatro quotidiano di violenza del suo paese, decise di non tacere e di prendere una posizione netta contro l’ingiustizia sociale e ogni forma di abuso militare e politico.

    – Vai al sito di “La Grande Storia” >>

    – Guarda i video delle scorse puntate >>

    – Se hai perso la puntata, rivedila per tutta la settimana successiva su Rai Replay >>

  • 1/9/2010 ore 17:00

    Così fu liberato Mussolini

    Commenti 1

    Venerdì 3 settembre, 21.10, Rai Tre. Il 12 settembre 1943 Benito Mussolini, imprigionato a Campo Imperatore, fu liberato dalle forze speciali tedesche. La Grande Storia racconta l’incredibile intreccio nascosto dietro quell’azione; è il documentario di Fabio Toncelli “Liberate il Duce! – La vera storia dell’operazione Quercia” a gettare luce su quegli eventi.

     

    A quasi settanta anni di distanza nuovi documenti e testimonianze ci pongono domande inquietanti: quali erano i veri ordini impartiti agli uomini che dovevano custodire il duce? Perché nessuno sparò un colpo? Perché la propaganda nazista diffuse una versione del blitz in buona parte falsa? Perché Badoglio, che si era impegnato a consegnare Mussolini agli Anglo-Americani, non lo fece?

     

    La sorprendente risposta a queste inquietanti domande è il frutto di una narrazione appassionante che si snoda fra immagini di repertorio anche a colori, documenti, intercettazioni telefoniche dell’epoca, lettere autografe di Mussolini, memoriali originali. Tutto materiale in gran parte inedito, risultato di un lavoro accuratissimo di ricerca negli archivi italiani e stranieri.

     

    Notevoli le testimonianze dirette. Uno dei giovani poliziotti di guardia al Gran Sasso racconta cosa vide e sentì in quei giorni e qual era la vera natura degli ordini che gli erano stati dati. In prima assoluta ampi brani dell’unica intervista televisiva concessa dal vero liberatore di Mussolini: Harald Mors. Infine una straordinaria registrazione audio, ritrovata in un archivio tedesco: gli eventi che vanno dal 25 luglio ’43 al giorno del blitz tedesco a Campo Imperatore, narrati dalla voce di Benito Mussolini.

     

    Non perdere i video delle scorse puntate >>

     

    Guarda la diretta dal web venerdì 3 settembre alle 21.10 >>