Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • 6/9/2010 ore 12:10

    Giorgio Almirante e la destra del dopoguerra

    Commenti 0

    Martedì 7 settembre, 23.45, Rai Tre. Nei giorni in cui si registra in Italia una svolta politica – con le dichiarazioni di Gianfranco Fini a Mirabello e la definitiva spaccatura con il Pdl – Correva l’anno ripercorre la storia di quello che più di tutti si può definire il suo ‘padre putativo’: Giorgio Almirante.

     

    Dopo Enrico Berlinguer, rivale storico verso il quale Almirante ha sempre conservato un rapporto di profonda stima, il programma di Rai Tre ci narra di un altro dei grandi leader carismatici del dopoguerra.

     

    Si parte dalla gioventù orgogliosamente fascista, per arrivare alla fondazione dell’Movimento Sociale Italiano nel ’46, quando mostra una straordinaria capacità di aggregare il variegato mondo dei nostalgici di Mussolini puntando – certo – sull’anticomunismo, ma anche sulle posizioni antiborghesi e anticapitaliste espresse nel periodo della Repubblica di Salò.

     

    Poi gli anni Cinquanta, quando si infrangono le speranze di entrare nella compagine governativa. E gli anni Sessanta, quando spira aria di contestazione, gli studenti chiedono le riforme e le università vengono occupate: Almirante cavalca la protesta e rafforza l’ala movimentista del MSI, la cosiddetta “destra sociale”. Ma è anche il momento chiamato “della politica del doppio petto”, che permette ad Almirante di tenere insieme le diverse anime del partito. Un’ambivalenza che dà i suoi frutti.

     

    Molte le vicende giudiziarie che lo riguardano: dal ritrovamento di un manifesto del periodo di Salò nel quale chiedeva la fucilazione alla schiena dei partigiani, al suo presunto coinvolgimento nella strage di Peteano. Però Almirante sorprende tutti quando nell’84 va a rendere omaggio al feretro del segretario del PCI Enrico Berlinguer. Un anno prima della sua morte, che avviene nell’88, nomina il suo successore alla segreteria dell’ MSI: è Gianfranco Fini.

     

    Guarda la diretta del programma sul web, martedì 7 settembre 2010 alle 23.45 >>

     

    Vai al sito di “Corerva l’anno” >>

     

    I tuoi orari non coincidono con la messa in onda del programma? Nessun problema. “Rai Replay” che ti permette di rivedere in replica i programmi andati in onda negli ultimi 7 giorni su Rai Uno, Rai Due e Rai Tre >>

     

  • La storia d’Italia in sette biografie: quelle di alcuni dei personaggi che attraverso le loro azioni, politiche e non, hanno segnato in modo profondo i destini del nostro paese.

    Si inizia martedì 10 agosto alle 23.40 con Gabriele D’Annunzio. Il vate, l’esteta, il raffinato intellettuale, il seduttore insaziabile. Un biografia a tutto tondo del letterato abruzzese, precursore dei tempi, audace provocatore sempre sopra le righe, amante degli eccessi.

     

    Per molti è una lontana reminescenza scolastica, ma la figura di Gabriele D’Annunzio rappresenta un capitolo fondamentale per la storia del nostro paese della nostra cultura. Per questo vi offriamo una biografia a tutto tondo del letterato abruzzese. Un racconto che va dagli anni romani, gli anni del piacere, all’esilio parigino, consumato tra bordelli e raffinati circoli intellettuali, all’esperienza sul campo di battaglia durante la prima guerra mondiale.

    Modello, ma anche spina nel fianco di Mussolini, D’Annunzio già un anno prima della marcia su Roma si ritira nella sua villa al Vittoriale e da lì osserverà l’ascesa del Duce, con disincantato distacco dalla politica italiana. Finirà i suoi giorni di esilio volontario nella sua casa-museo, ultima residenza di un principe decadente, oramai solo nutrito dai ricordi del tempo che fu.

     

    Il sito del programma >>

    Guarda la diretta Rai Tre >>

  • 29/7/2010 ore 15:30

    Mi consenta. I politici e la tv

    Commenti 0

    Per il ciclo ‘Gli archivi della Storia‘, Rai Tre propone, il 30 luglio, alle 21.10Mi consenta. I politici e la tv‘. E’ il racconto di come in Italia, nell’arco di cinque decenni, dal 1945-1994, il leader politico si sia trasformato dall’oratore di piazza degli anni Quaranta e Cinquanta, all’attuale leader televisivo. Da Palmiro Togliatti a Walter Veltroni, da De Gasperi a Berlusconi, passando per Amintore Fanfani, Giorgio Almirante, Marco Pannella, Bettino Craxi. Una pagina recente della storia del nostro Paese, che è soltanto l’aspetto più evidente del passaggio da una democrazia dei partiti che si regge sui leader, sulla visibilità, sui sondaggi. La politica che non accoglie il suggerimento di Pio XII a candidare Bartali alle elezioni del 1948. L’appello al voto di Eduardo De Filippo per le elezioni del 1948. Il giovane Pietro Longo attore nel film ‘La Gita’, del 1955. Le eccezionali immagini della vita privata e familiare di De Gasperi e di Togliatti. Guglielmo Giannini a ”Il Musichiere”, primo politico a cantare in un programma tv. L’inganno del giornalista dell’Umanità’ Romolo Mangione ai danni di Togliatti a ‘Tribuna Elettorale’ e i suoi scontri con Pajetta e Berlinguer. L’imbarazzo di Aldo Moro al suo esordio televisivo del 1960. L’arrivo dei consulenti stranieri e dei sondaggi. I filmati per la Dc con noti attori. Il filmato a favore del divorzio di Gigi Proietti. Il presidente del Consiglio Giulio Andreotti che, nel 1977, racconta a ‘Bontà Loro‘ di come chiese la mano di sua moglie ad un funerale. Pannella e gli altri radicali imbavagliati nel 1978. Craxi che nel 1987, in diretta a ‘Mixer‘, sconfessa il patto della staffetta. La discesa in campo di Silvio Berlusconi.

    Guarda dal web, ‘Mi consenta. I politici e la tv’, Rai Tre, 30 luglio, h. 21.10>>