Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • 4/5/2015 ore 9:00

    Rai Cinema al 68° Festival di Cannes

    Commenti 0

    cannes_raicinema_blogjpgRai Cinema sarà presente al 68° Festival del film di Cannes con due film italiani in Concorso e un film documentario – nella sezione Un Certain Regard – che ha contribuito a realizzare, oltre che con un film internazionale che distribuirà in Italia.

     

    Si tratta di:

    “IL RACCONTO DEI RACCONTI” (TALE OF TALES) di Matteo Garrone, una produzione Archimede e Le Pacte con Rai Cinema e Recorded Pictures (Selezione Ufficiale  – Concorso)


    Il racconto dei racconti – PROMO >>

    Il racconto dei racconti – FOTOGALLERY >>

     

    mia-madre_blog

    “MIA MADRE” di Nanni Moretti, una produzione Sacher Film, Fandango con Rai Cinema (Selezione Ufficiale – Concorso)

    Intervista a Nanni Moretti e Margherita Buy >>

    “Mia madre” – Clip #1 >>

    “Mia madre” – Clip #2 >>

    Backstage del film >>

    Conferenza stampa del film>>

     


    “LOUISIANA” (THE OTHER SIDE)
     di Roberto Minervini, una produzione Agat Films & Cie, Okta Film con Rai Cinema, Selezione ufficiale – Un certain Regard


    “SICARIO”
     di Denis Villeneuve, Selezione Ufficiale – Concorso

     

    “Con due film in concorso di due autori che il pubblico internazionale ha imparato a stimare e ad amare, e un film documentario nel “Certain Regard” di un giovane regista dall’impronta molto originale, Rai Cinema si presenta al Festival di Cannes con opere di grande qualità e forte personalità artistica” – dice Paolo Del Brocco, amministratore delegato di Rai Cinema. –

    racconto_blog

    Mentre Matteo Garrone segue la sua ispirazione fantastica per un lavoro di rara potenza visiva, un regista affermato come Nanni Moretti torna al Festival di Cannes con un film intimo e rigoroso ad alta intensità emotiva. Due autori del nostro cinema migliore capaci di confrontarsi e affermarsi con i più grandi registi del mondo.

    Molto personale, inoltre, il percorso artistico di Roberto Minervini che con il suo nuovo film documentario continua il viaggio nel cuore dell’America per osservarne le contraddizioni e cercare di comprenderle.

    Per il cinema italiano è un momento di particolare vivacità e capacità creativa e la selezione di tre dei nostri autori migliori in un Festival così prestigioso come quello di Cannes ne è la dimostrazione e allo stesso tempo l’incentivo a fare sempre meglio scegliendo strade originali. In particolare per Rai Cinema che presenta ben due dei film italiani in Concorso, è la conferma della bontà delle scelte editoriali al fianco del miglior cinema italiano”.

    Rai Cinema, in collaborazione con Leone Film, distribuirà inoltre in Italia SICARIO di Denis Villeneuve, con Emily Blunt, Josh Brolin e Benicio Del Toro, che verrà presentato nella Selezione Ufficiale – Concorso.

  • MiaMadreTra i più grandi registi italiani degli ultimi anni, il regista romano sta per tornare al cinema col suo nuovo film intitolato “Mia Madre“, che lo vede anche come attore al fianco di Margherita Buy.

     

    A quattro anni dall’ultimo lavoro, Habemus Papam, il regista torna nelle sale con una pellicola autobiografica che racconta le difficoltà di una regista (Margherita Buy) divisa tra un set complicato, il capezzale della madre malata (Giulia Lazzarini) e la figlia adolescente (Beatrice Mancini).

     

    Nanni Moretti interverrà ai microfoni di Radio Rai per presentare il film, nelle sale dal 16 aprile.

     

    Mercoledì 15 aprile il regista sarà ospite di #staiserena, il programma di Radio2 condotto da Serena Dandini. Ospite in trasmissione anche l’attrice Margherita Buy.
    Ascolta l’intervista in diretta, mercoledì 15 alle 15.00
    Dopo la diretta, scarica il podcast

     

     

    Martedì 14 aprile il regista è stato ospite di Hollywood Party, il programma di Radio3 dedicato alla settima arte e a tutte le principali novità cinematografiche.
    Riascolta l’intervista al regista

     

     

  • 4/2/2015 ore 11:00

    Radio3, Hollywood Party alla Berlinale

    Commenti 0

    radioFilm, passerelle, curiosità e anteprime dalla 65esima edizione del Festival Internazionale del Cinema di Berlino.

    Anche quest’anno Hollywood Party dal 5 al 13 febbraio si trasferisce a Berlino, per la 65esima edizione del prestigioso festival internazionale: i conduttori Alberto Crespi e Miriam Mauti, dagli studi della radio Berlin Brandeburg, incontreranno gli attori, i registi e tutti i protagonisti delle giornate berlinesi.

     

    Ogni giorno in diretta alle 19.00 il racconto quotidiano della manifestazione: dall’apertura del Festival con l’anteprima del film Nobody wants the Night di Isabel Coixet con Juliette Binoche, all’attesissimo Kings of Cups di Terrence Malick. Un’attenzione particolare per Vergine giurata: unico film italiano in concorso, opera prima di Laura Bispuri con Alba Rohrwacher nei panni di una ragazza albanese cresciuta in una società maschilista e patriarcale.
    Dopo le puntate, scarica i podcast

     

    L’Orso d’oro alla carriera quest’anno sarà consegnato a Wim Wenders che presenterà il suo ultimo film Every Thing Will Be Fine, mentre a presiedere la giura sarà il regista Darren Aronofsky.

     
    In onda da giovedì 5 a venerdì 13 febbraio alle 19.00
    Ascolta la diretta del programma su Radio3

     

     

  • 23/1/2015 ore 10:23

    Max e Helene: un amore nella follia del nazismo

    Commenti 6

    Max_Helene_blogIn occasione del Giorno della memoria Rai 1 presenta un film di Giacomo Battiato, liberamente tratto dal romanzo di Simon Wiesenthal che racconta la storia di un grande amore infranto dalla follia del nazismo.
    Con Carolina Crescentini, Alessandro Averone ed Ennio Fantastichini.

     

    Lunedì 26 gennaio alle 21:15 su Rai1.

     

     

    Guarda il promo >>

    Intervista a Carolina Crescentini e Alessandro Averone, i protagonisti Max e Helene >>

     

    LA TRAMA
    Venezia 1944. Max Sereni è uno studente di medicina ebreo, la sua famiglia è stata deportata, lui vive nascosto in una soffitta. Non vuole scappare perché a Venezia vive Hélène, la ragazza che lui ama, figlia del console onorario francese, un fascista antisemita. Max viene però catturato. Hélène fa allora un gesto d’amore estremo: decide di seguire Max.
    Facendosi passare per ebrea, si fa deportare con lui. Si sposano sul treno dei deportati e mentre il convoglio attraversa la Polonia, riescono a fuggire. Li intercetta una unità nazista e Max viene gettato tra le persone da fucilare. Hélène non è ebrea e viene risparmiata. L’ufficiale dell’unità, Thomas Köller, la costringe ad assistere al massacro. Max, nel mucchio dei cadaveri nella fossa, è ferito ma sopravvive. Hélène diventa invece l’oggetto di torture e abusi da parte di Köller che si lega a lei in maniera ossessiva.
    Sono passati quindici anni.
    Max, che si era unito alla resistenza polacca e che alla fine della guerra era finito in un gulag sovietico, ricompare in Polonia alla ricerca di Hélène. È l’amore per la sua donna che lo ha tenuto in vita. Viene però a sapere che lei è morta, uccisa da Köller. Lo scopo della vita di Max diventa quello di trovare Köller e vendicarla. Lui però sembra essere sparito nel nulla. Max assume una falsa identità, si finge ex ufficiale delle SS e si infiltra nei circoli neonazisti austriaci. Sa che c’è una persona che puòcondurlo alla meta: si chiama Hans Berk ed era un sottufficiale molto vicino a Köller. Max lo trova a Vienna e conquista la sua fiducia. Durante questa caccia, si incrociano i destini di Max e di Simon Wiesenthal, anche lui alla ricerca dello stesso criminale. Ma è subito scontro tra i due: cercano la medesima persona, ma non per le stesse ragioni. Wiesenthal vuole giustizia, Max vendetta. Max riesce infine a scovare Köller, che nelfrattempo ha cambiato nome e identità e si è rifatto una vita. Mentre Max si prepara a ucciderlo, Wiesenthal fa una scoperta sconvolgente…

     

    Guarda la FOTOGALLERY con gli scatti di scena >>

    Segui la diretta in web streaming >>

     

    NOTE DI REGIA

    Max_Helene2_blogIl film, liberamente ispirato a una storia vera rivelata da Simon Wiesenthal, racconta la caccia a un criminale nazista che dopo la guerra è scomparso, cambiando identità. Il film racconta anche la disperata, assoluta storia d’amore che questo mostro ha distrutto. La vicenda è una potente metafora morale in cui si confrontano e si scontrano il desiderio della vendetta e la ricerca della giustizia.  Lo spirito con cui ho affrontato questo progetto non è stato quello di realizzare un nuovo film storico sul nazismo e i suoi crimini ma quello di proporre un racconto sconvolgente su una scelta etica che tutti i protagonisti sono costretti a fare.
    Sono i protagonisti, i loro volti, i momenti “estremi” della loro vita “estrema” a incarnare il senso del film, a farci vivere l’incubo doloroso delle loro vite fino alla scelta finale. Wiesenthal – che Ennio Fantastichini ha interpretato con la statura del grande attore che è – per una volta nella sua vita di cacciatore di criminali di guerra, si è trovato di fronte alla terribile scelta di rinunciare alla giustizia. E così anche i due amanti, Max e Hélène, lacerati tra il bisogno di vendetta e la forza tragica del loro amore che vuole impedire quella vendetta. Carolina Crescentini e Alessandro Averone interpretano con una passione rara questi due indimenticabili personaggi. Carolina era l’attrice a cui pensavo scrivendo il film: Carolina “è” Hélène, con la sua sensibilità, la sua forza mista a dolcezza, con la caparbia volontà di sorridere nella tragedia. Per il personaggio di Max la scelta dell’attore è stata invece più complicata. Ho fatto diversi provini ma non riuscivo a mettere a fuoco Max. Alla fine abbiamo trovato il nostro Max a teatro (premio della critica ANCT 2013, attore amato da Peter Stein con cui collabora anche ora nella compagnia del teatro di Roma, attore e regista del Teatro Due di Parma). Alessandro è stato l’interprete ideale per dar voce al dolore, alla determinazione nella ricerca feroce della vendetta ma anche a una fragilità interiore che non vuol far trasparire.
    A completare il cast internazionale sono attori generosi e di indubbio talento quali i tedeschi Ken Duken e Hanno Koffler, e la polacca Magda Cielecka.
    Come la qualità degli attori ha portato emozione e forza al film, così è stato con tutto lo staff tecnico che ha partecipato con una passione straordinaria. Come dico sempre, il direttore d’orchestra non può eseguire bene la musica se non è circondato da grandi musicisti. Ho cercato di realizzare questo film con la secchezza e la severità aspra di un “documento”, rivivendo e cercando di comunicare il dolore e la verità dell’amore e del bene così come l’orrore del male. Perché le giovani generazioni non dimentichino e possano riflettere su come riconoscere e rifiutare quel male che seguita a riproporsi, sotto cieli diversi e diverse ideologie, e a minacciare il diritto degli uomini alla vita e alla felicità.

    Giacomo Battiato

     

    La RAI per il Giorno della memoria: vai al post con la programmazione completa >>

  • italy_3 Italy in a Day – Un giorno da italiani è un entusiasmante esperimento di cinema collettivo condotto in Italia dal premio Oscar Gabriele Salvatores sul modello di Life in a Day – film girato nel 2010 negli Stati Uniti prodotto da Ridley Scott e coordinato dal regista Kevin Macdonald – che andrà in onda sabato 27 settembre alle 21:30 su Rai3.

    – Guarda l’evento di presentazione >>

     

     

    italy_2E’ un film documentario con il quale si è voluto fotografare un giorno nella vita degli Italiani, ed è stato realizzato chiedendo a tutti gli italiani di prenderne parte in modo attivo, girando il loro personale “spezzone” di vita. Unico requisito indispensabile: il filmato doveva essere girato nell’arco delle 24 ore del 26 ottobre 2013. Desideri, sogni, paure, riflessioni, qualsiasi cosa considerata importante che accadeva quel giorno o anche, semplicemente, quello che si vedeva dalla finestra di casa, poteva trovare spazio in questi video.

     

    E gli italiani hanno risposto all’invito partecipando in tantissimi, con ogni mezzo a disposizione: dalla videocamera professionale a quella amatoriale, dal tablet fino al filmato girato con una fotocamera o uno smartphone. 44.197 persone hanno inviato il loro video a Gabriele Salvatores, il quale ne ha selezionati 632 (627 italiani, da 0 a 104 anni, come si legge nella cartella stampa del film), insieme a una squadra di 40 selezionatori coordinati dai montatori Massimo Fiocchi e Chiara Griziotti, e montando insieme i contribuiti che meglio potessero contribuire a formare un unico racconto.

     

    – “Creare il nostro film”: Gabriele Salvatores spiega come funziona “Italy in a Day” >>

    Foto 1“L’immagine dell’Italia che mi hanno restituito questi 45.000 video è quella di un paese sofferente ma con dignità, speranzoso verso il futuro. C’è un senso di ‘tenerezza’ verso la vita, verso l’umanità, che ho trovato positivo per quanto mi riguarda…”

    “Non credo nella democrazia diretta. Non credo neanche che il pubblico abbia sempre ragione. E non penso che basti avere una chitarra per essere un musicista. Per questo ho trovato molto emozionante, istruttivo e interessante questo esperimento, realizzabile solo oggi con i media di cui disponiamo. Sono stato quello a cui migliaia di persone affidavano il loro “message in a bottle”. Ci voleva rispetto, attenzione. Ma anche la coscienza del proprio ruolo. Raccontare la tua storia, anche se con le parole degli altri. Oggi, sommersi da qualsiasi tipo di immagine, non è forse il montaggio quindi il racconto, la vera anima di un film?” Gabriele Salvatores

     

    italy-in-a-day-11-highItaly in a Day è un diario emotivo, un censimento delle emozioni e dei pensieri degli italiani, una confessione laica, la voglia di condividere i propri sentimenti attraverso le immagini, un collettivo psicodramma italiano, di volta in volta tenero, arrabbiato, divertente o disperato. Ma anche una coinvolgente riflessione, sincera e senza filtri intellettuali, sul senso stesso di questo nostro viaggio comune sul pianeta Terra, in questi anni. Nell’epoca della comunicazione digitale, della condivisione istantanea, dello strapotere delle immagini, Italy in a Day é il primo esperimento italiano di film collettivo, dove il materiale narrativo (le immagini e i pensieri) vengono forniti da chiunque ne ha voglia e l’organizzazione del racconto è affidata a chi (montatori, musicisti, regista) lo fa per mestiere. Non un Social Network, ma un “Social Movie” realizzato con passione, rispetto e senso di responsabilità, senza rinunciare al necessario sguardo e al personale punto di vista sulla realtà.

     

    italy-in-a-day-4-highIl progetto, realizzato da Indiana e Rai Cinema in collaborazione con Scott Free, è partito il 30 settembre 2013 con una campagna crossmediale che ha visto coinvolti molti personaggi dello spettacolo, del cinema e della televisione, che si sono fatti ambasciatori del progetto: Luciana Littizzetto, Rosario Fiorello, Gianna Nannini, Christian De Sica, Micaela Ramazzotti e molti altri.

    Questi sono alcuni dei video promo realizzati per invitare gli italiani a partecipare:

     

    – “All star per Italy in a Day” – Il trailer dei testimonial >>

    – Luciana Littizzetto “Il patchwork della nostra vita” >>

    – Gianna Nannini per “Italy in a Day” >>

     

    Italy in a Day è stato presentato Fuori concorso alla 71° Mostra del cinema di Venezia ed è stato accolto positivamente dal pubblico della mostra. Qui i contenuti esclusivi realizzati durante il festival:

    – Guarda la conferenza stampa di presentazione – “Venezia 71”>>

    Le interviste al cast – “Venezia 71” >>

     

    italy-in-a-day-9-highIIl 23 settembre si è svolta una serata speciale per presentare il film nelle principali sale cinematografiche d’Italia; sabato 27 settembre ci sarà un’altra serata evento per la prima televisiva di Italy in a Day che andrà in onda alle 21:30 su Rai3.

    – Segui la diretta streaming su Rai3 >>

     

     

    Per Italy in a day la Rai ha infatti messo in campo tutte le sue forze in uno lavoro sinergico con pochi precedenti: Rai Cinema, Rai Net, le varie Reti tv e radio per il lancio, Rai 3 per la trasmissione del prodotto finito, la Direzione Commerciale per la distribuzione all’estero, la Direzione Comunicazione e Relazioni Esterne hanno lavorato insieme con una visione cross mediale attraverso le diverse piattaforme di veicolazione dei contenuti.

    – Sito ufficiale >>

    – Guarda il trailer >>

    – L’intervista a Gabriele Salvatores >>

    – Guarda tutti i video di “Italy in a Day” >>