Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • 30/10/2014 ore 16:07

    Tutto Esaurito! Torna il teatro su Radio3

    Commenti 0

    TuttoEsauritoPer il quarto anno consecutivo Radio3 propone Tutto esaurito!, un intero mese dedicato al teatro con serate in diretta dalla Sala A e dal “teatrino da camera” della sala M di via Asiago a Roma, con registrazioni ad hoc e recuperi dal ricchissimo archivio radiofonico, assieme a radiodrammi inediti o tratti dalle passate stagioni.
    VISITA IL SITO DEDICATO ALL’EVENTO

     

    LE SERATE SPECIALI
    Due, le serate speciali. La prima, l’11 novembre, dedicata a Eduardo nel trentennio dalla sua scomparsa, curata dal figlio Luca De Filippo, vedrà la presenza di molti ospiti in diretta dalla Sala A di via Asiago. Un’occasione per ricordare una delle figure di riferimento della cultura italiana, indiscusso maestro del contemporaneo, ovvero della capacità di raccontare il presente. Serata speciale che si aggiunge a quella del 29 ottobre scorso in cui Radio3 ha presentato l’allestimento di Francesco Saponaro per Teatri Uniti di Dolore sotto chiave, e al prezioso materiale di archivio che sarà disponibile sul sito di Radio3 per tutto il mese di novembre.
    Il secondo appuntamento, il 24 novembre, vede invece protagonista un altro grande nome del nostro teatro, Umberto Orsini, a partire dalla sua recente riflessione su I fratelli Karamazov di Dostoevskij.

     

    SPAZIO AI GIOVANI
    Spazio anche alle giovani formazioni della scena teatrale, in particolare in Veneto, regione che ha visto nascere in questi anni diversi gruppi teatrali di ricerca, come Babilonia Teatri e i Fratelli Dalla Via. E per restare in Italia, accanto alle nuova drammaturgia, ci saranno anche la potente riscrittura per voce sola che Roberto Latini dà dei Giganti della montagna di Pirandello, l’Eros e Priapo di Gadda interpretato da Massimo Verdastro, un testo di Gianni Celati La recita dell’attore Vecchiatto nel teatro di Rio Saliceto, un’acuta riflessione sull’arte della scena, interpretato da Claudio Morganti ed Elena Bucci.

     

    Un esperimento radiofonico sarà poi la messa in onda a puntate, in quattro serate successive, di Francamente me ne infischio, il lavoro che Antonio Latella ha portato in scena in cinque capitoli nella scorsa stagione a partire da Via col vento, riadattato per la radio da Franco Visioli (dal 13 al 16 novembre).

     

    I RADIODRAMMI
    Al radiodramma è dedicata anche quest’anno una sezione speciale, con tre opere nuove: Esodo di Gaetano Colella, il racconto di chi vive e lavora sotto le ciminiere dell’Ilva di Taranto; I quattro moschettieri in America della compagnia Sacchi di sabbia, e Sulla scala di servizio realizzato da Alberto Gozzi e ispirato ad un testo di Witold Gombrowicz, oltre alla riproposta di due opere particolarmente importanti registrate nel 2001/2002 per il ciclo Atto unico al presente, Dhulan la sposa di Melania Mazzucco per la regia di Wilma Labate (Prix Italia 2001 – sezione radiodrammi), e Brother and sister di Simona Vinci, regia di Marco Risi, con un quasi esordiente Elio Germano.

     

    FOCUS SUL TEATRO EUROPEO
    Quest’anno un focus anche sull’Austria, con le opere di tre scrittori uniti da uno sguardo scettico e a volte feroce nei confronti della loro patria e del mondo intero: Thomas Bernhard, il premio Nobel Elfriede JelinekPeter Handke, di cui proponiamo due opere inedite in Italia, Il blues della metropolitana e I bei giorni di Aranjuez.

    Qualche sconfinamento nelle scritture teatrali di altre zone d’Europa per Heiner Muller, Etty Hillesum e Edward Bond, di cui presentiamo in prima nazionale in diretta dalla Sala A di Via Asiago un radiodramma appena trasmesso dalla BBC, The testament of this day, con l’interpretazione di Elio De Capitani, Marco Foschi, Manuela Mandracchia, Francesca Mazza, per la regia di Lisa Ferlazzo Natoli.
    Un altro debutto assoluto, quello di un piccolo caso letterario, L’uomo seme di Violette Ailhaud, decine di migliaia di copie vendute, adattamenti teatrali, spettacoli di danza, fumetti, un film in preparazione in Francia, di cui Sonia Bergamasco, insieme a Piera Degli Esposti e alla giovanissima Beatrice Fedi, presenterà in diretta il 26 novembre un primo studio, in vista di una più compiuta realizzazione teatrale.

     

    LE ESCLUSIVE WEB
    Ad arricchire il cartellone, anche le proposte ascoltabili solo sul sito di Radio3: oltre all’Archivio Eduardo e al ciclo curato da Antonio Audino EDUARDO a trent’anni dalla scomparsa, anche la rassegna Dimore dei suoni, quattro lezioni-spettacolo registrate lo scorso maggio nella Sala A di Via Asiago, nell’ambito della collaborazione tra Radio3 e l’Università La Sapienza di Roma per la V edizione del  Laboratorio di Drammaturgia sonora a cura di Valentina Valentini.

     

    VISITA IL SITO DI TUTTO ESAURITO!

    CONSULTA IL PROGRAMMA 2014

     

  • Eduardo De FilippoSono passati trent’anni dalla scomparsa di Eduardo De Filippo (Napoli, 24 maggio 1900 – Roma, 31 ottobre 1984), drammaturgo, attore, regista e poeta, universalmente riconosciuto come una delle massime voci della cultura italiana del Novecento.

    In questa occasione, Rai Cultura dedica all’artista napoletano una grande retrospettiva che propone su Rai5 tutto il meglio della sua produzione: storici spettacoli e nuove proposte teatrali, produzioni televisive indimenticabili, teatro musicale e documentari. Un’autentica immersione nella sua arte, nonché un’occasione per far rivivere lo strettissimo legame della Rai con questo straordinario uomo di teatro, un rapporto che non ha uguali in Europa, paragonabile solo a quello della BBC con Shakespeare.

    Anche Rai.tv partecipa alle celebrazioni del trentennale della morte con uno speciale ricco di foto, video e podcast che testimoniano proprio questo forte legame tra Eduardo e la Radiotelevisione italiana: filmati tratti dalle Teche Rai in cui l’artista racconta aneddoti preziosi sulla sua vita e carriera, come la grande amicizia con Totò o il rapporto con l’amato figlio Luca e con il teatro, nel toccante ultimo discorso pubblico di Taormina del 1984; incontri con altri grandi nomi del teatro e della cultura italiana; registrazioni di alcune delle sue commedie più note ed amate, sia nelle versioni originali da lui stesso interpretate, sia nelle riproposizioni più recenti, come quelle di Massimo Ranieri che hanno avuto grande successo di pubblico e critica su Rai1.

    – Guarda lo speciale di Rai.tv >>

    Eduardo De Filippo con il figlio Luca

    Eduardo De Filippo con il figlio Luca

    E’ una bellissima soddisfazione vedere offrire al pubblico della Rai una retrospettiva televisiva per ricordarlo e per farlo conoscere alle nuove generazioni. Questa retrospettiva non è solo divulgazione ma conservazione, questo materiale sfiderà i tempi”, ha dichiarato il figlio Luca De Filippo, una vita sul palco come e con il padre, alla presentazione dell’iniziativa di Rai Cultura.

    Di seguito gli appuntamenti della retrospettiva “Un anno con Eduardo”: 

    Si comincia sabato 25 ottobre alle 21:15 – nella prima serata che Rai5 dedica al teatro di oggi – con la prima di un ciclo di sei serate teatrali dal titolo L’eredità di Eduardo – Guarda il promo e leggi i dettagli >> 

    Il ciclo prevede una serie di appuntamenti con i più grandi protagonisti della scena attuale, alle prese con la lezione di De Filippo:
    – Sabato 25 ottobre: “Padre cicogna”, un racconto sinfonico per quattro voci, recitante e orchestra, su versi di Eduardo e musiche di Nicola Piovani. Il poemetto, composto nel 1969, è stato ripreso al Teatro Petruzzelli di Bari nel 2013, vede protagonista Luca De Filippo e racconta la vicenda, dolorosa e umanissima, di un prete spretatosi per amore di una donna. La serata prosegue con un puntata di “Prima della prima” sul balletto “Filumena Marturano” interpretato da Carla Fracci al San Carlo di Napoli nel 1996.
    Sabato 1° novembre: “Sabato, domenica e lunedì”, uno dei capolavori di Eduardo proposto in forma di film, interpretato da Toni Servillo con Anna Bonaiuto e la regia televisiva di Paolo Sorrentino.
    Sabato 8 novembre: “Filumena Marturano”, proposta nella produzione televisiva realizzata dalla Rai nel 2010, con Massimo Ranieri e Mariangela Melato, con la regia dello stesso Ranieri e musiche originale create da Ennio Morricone.
    Sabato 15 novembre: “Io, l’erede”, un classico di Eduardo proposto nell’edizione da lui riscritta in italiano, prodotto nel 2007 al Teatro Franco Parenti di Milano, con Geppy Glejeses, Leopoldo Mastelloni e la regia di Andree Ruth Shammah.
    Sabato 22 novembre: “Natale in casa Cupiello”, il capolavoro corale sul tema della famiglia e della solitudine umana, nella speciale versione “assolo” ripresa da Rai5 nel 2013 al Teatro Studio Melato di Milano, con Fausto Russo Alesi, uno degli attori italiani emergenti di maggior successo.

    Eduardo De Filippo ((Foto Ansa))

    Eduardo De Filippo nei camerini del Teatro Quirino di Roma, 1979 (Foto Ansa)

    E ancora, lunedì 27 ottobre – nella serata di Rai5 dedicata ai classici del teatro – sempre in prima serata alle 21:15, prende il via un altro ciclo intitolato Eduardo in scena – Guarda il promo e scopri i dettagli >>
    Una scelta di grandi testi di De Filippo raramente rappresentati, proposti nelle sue stesse immortali interpretazioni.

    Nel giorno dell’anniversario, venerdì 31 ottobre, inoltre, Rai5 trasmetterà in diretta dalle 11:00, lo Speciale Parlamento “Cantata delle parole chiare”, commemorazione a trent’anni dalla scomparsa del grande artista napoletano che fu anche senatore a vita. Per ricordare la figura di Eduardo, nell’aula di Palazzo Madama interverranno il Presidente del Senato Pietro Grasso e personalità del mondo del teatro e della cultura italiani. Nel corso della cerimonia sarà proposto un intermezzo musicale dal vivo di Nicola Piovani.

    Inoltre, sempre venerdì 31, Rai5 propone alle 21:15 il documentarioEduardo, la vita che continua”, prodotto da Rai Cinema con la regia di Francesco Saponaro, che racconta l’impegno civile e politico nella vita di Eduardo, che si rivela inseparabile dalla sua poetica artistica. A seguire, “Il racconto di Eduardo”, un documento nel quale il grande uomo di teatro racconta sé stesso, realizzato per Rai5 da Felice Cappa e Andreina Di Porto.

    La retrospettiva di Rai Cultura dà spazio anche a un breve ciclo di due puntate intitolato Eduardo e la musica, in onda la domenica mattina, nello spazio di Rai5 tradizionalmente dedicato all’opera. Il primo appuntamento è domenica 2 novembre con “Napoli milionaria”, l’opera lirica di Nino Rota su libretto di Eduardo, che debuttò nel 1977 al Festival dei Due Mondi di Spoleto, diretta da Bruno Bartoletti, con protagoniste le Giovanna Casolla e Mariella Devia. Domenica 9 novembre invece, va in onda “La pietra di paragone”, l’opera di Gioachino Rossini della quale Eduardo nel 1982 curò la regia, alla Piccola Scala di Milano.

    Venerdì 28 novembre, infine, prende il via un ultimo grande ciclo che proseguirà fino a maggio, intitolato Un anno con Eduardo: la prima rassegna completa di tutta la produzione televisiva realizzata da De Filippo con la Rai. Si inizia con “Uomo e galantuomo”, la commedia scritta nel 1922 e originariamente intitolata “Ho fatto il guaio? Riparerò!”. Nelle settimane successive si alterneranno capolavori come “Questi fantasmi” o “Il Sindaco del Rione Sanità”, e titoli proposti più raramente come “Non ti pago” e “La grande magia”, o lo sceneggiato televisivo “Peppino Girella”. Il ciclo si chiuderà con una nuova produzione di Rai5, un documentario su Eduardo e il suo rapporto con il secolo nel quale è vissuto: il Novecento.

    – Segui gli appuntamenti di Rai5 anche in diretta streaming qui >>

  • 3/6/2011 ore 13:09

    Vincenzo Salemme ospite di ‘Nostress’

    Commenti 0

    Strappato ad un turbinio di impegni di lavoro e trascinato ai microfoni di “Nostress” su Radio2, Vincenzo Salemme si racconterà negli aspetti più privati come nella sua visione del mondo senza soluzione di continuità, a partire da lunedì 6 giugno per tutta la settimana prossima .

     

     

     

    – Guarda il video: Vincenzo Salemme “Ho paura della solitudine” – Tg1 >>

    – Guarda il video: Vincenzo Salemme a “Sottovoce” >>

    – Tutti i video di Vincenzo Salemme su Rai.tv >>

     

    La fascinazione per le macchine da caffè, il senso profondo del mestiere di attore, gli appuntamenti con il suo psicanalista, gli incontri con i Maestri, quello con Eduardo De Filippo, le fragilità, l’orgoglio e l’amarezza per Napoli e i napoletani.

    E naturalmente i tanti, tantissimi impegni di lavoro: ancora nei cinema con “Senz’arte né parte”, di ritorno dalla tournée teatrale di “Astice al veleno” e prossimo a tornare ancora sul set con due film, “Lezione di cioccolato 2” e “Ex amici come prima” di Vanzina.

     

    – Ascolta on line Vincenzo Salemme ospite di “Nostress”, da lunedì 6 a venerdì 10 giugno alle 06.00 >>

  • Grande successo di per la commedia ”Napoli milionaria” di Eduardo De Filippo interpretata da Massimo Ranieri e Barbara De Rossi, che ha vinto gli ascolti in prima serata con 4 milioni 957mila telespettatori e uno share del 19.28. Un risultato che, dopo il successo di ”Filumena Marturano”, conferma l’interesse del pubblico televisivo per il progetto di Rai1 ”La Tv che si fa Teatro”. Massimo Ranieri ha ridato corpo e vigore a Don Gennarino Iovine, Barbara De Rossi ha interpretato un’Amalia incredibilmente convincente. Una scenografia strabiliante, una fotografia impeccabile, una ricostruzione perfetta delle vere atmosfere alla Eduardo De Filippo.

    – Rivedi ‘Napoli Milionaria’ >>

  • Massimo Ranieri compie oggi 60 anni e li celebra unendo il suo grande, eterno amore per il teatro di Eduardo De Filippo con la televisione. Il compleanno coincide infatti con il ritorno dell’attore napoletano in prima serata su Rai1: dopo il successo di ‘Filumena Marturano‘, interpretata da Ranieri con Mariangela Melato che ha incassato uno share del 20.43%, domani in prima serata sulla rete ammiraglia Ranieri sarà di nuovo in scena con Barbara De Rossi in ‘Napoli Milionaria!’. “Non me li sento questi 60 – ha detto l’artista – tanto è l’entusiasmo con il quale affronto la vita nel bene e nel male, sempre con lo stesso spirito”. Ranieri ha aggiunto: “ho il privilegio di fare una cosa che mi piace, il che non è facile oggi perché di solito si fanno cose contro natura o per forza”. Il dono più bello che vorrebbe è quello che “il 5 mattina il direttore di Raiuno, Mazza, mi chiami e mi dica, come è stato per la prima commedia ‘Filomena Marturano’, che anche questa volta abbiamo vinto negli ascolti… Lo desidero davvero…”

    Ecco il nostro video-omaggio per augurare a Massimo Ranieri Buon Compleanno:

    Guarda lo speciale Ranieri – Una vita al massimo>>

    Guarda Massimo Ranieri che interpreta “Perdere l’amore”>>
    Guarda un giovane Ranieri intervistato da Renzo Arbore>>
    Guarda Massimo Ranieri che si esibisce con Elio >>
    Guarda l’intervista di Maurizio Costanzo a Massimo Ranieri>>