Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • Festival di Dogliani 2015Torna a Dogliani, nelle Langhe, da giovedì 7 a domenica 10 maggio il Festival della Tv e dei nuovi media, giunto quest’anno alla sua 4^ edizione, di cui Rai è ancora una volta media partner.
    Quattro giorni di appuntamenti ed incontri per capire quale sarà il futuro del piccolo schermo e dei nuovi media con l’aiuto di più di 70 grandi ospiti: si parte giovedì sera con lo spettacolo teatrale di Federico Rampini “ALL YOU NEED IS LOVE – l’economia spiegata con i Beatles”, e si chiude in grande domenica pomeriggio con Fiorello, ospite per la prima volta del Festival. Tra gli ospiti previsti anche il Direttore Generale della Rai Luigi Gubitosi.


    Le grandi trasmissioni di successo e i nuovi esperimenti di comunicazione, i media tradizionali e quelli più innovativi, i volti che hanno segnato la storia della televisione italiana e i giovani che aprono nuovi scenari nel panorama della comunicazione: per quattro giorni, Dogliani si trasformerà in un laboratorio nazionale in cui pensare e discutere la televisione di oggi e quella del futuro. Il palcoscenico del Festival vedrà alternarsi protagonisti affermati e autori, editori tradizionali e professionisti dell’universo multimediale, produttori sconosciuti al grande pubblico e star del piccolo schermo.

    Il racconto dei backstage delle più importanti carriere televisive s’intreccerà con altre storie del mondo dei media: dal percorso che porta un’idea a diventare una trasmissione, fino ai più piccoli esperimenti che si misurano con i social media, gli smartphone, i tablet, le Web Tv e lo stile comunicativo in una società connessa 24 ore su 24.

    Il titolo dell’edizione 2015 del Festival, accessibile e completamente gratuito, sarà “Dialoghi per il Futuro”, perché “solo attraverso la volontà di dialogare e di comprendere le ragioni del prossimo si può immaginare un progresso per il futuro”.
    Una serie d’incontri sarà dedicata all’importanza della memoria e della storia con la speranza che lo stesso spirito di “Liberazione” e “Ricostruzione” che 70 anni fa riuscì a farci riemergere dalla barbarie della II guerra mondiale possa essere da stimolo ai giovani che soffrono la mancanza delle promesse delle generazioni che li hanno preceduti.
    Riteniamo che credere in un Futuro migliore sia la base per le giovani generazioni per poter elaborare, pensare e costruire una società diversa, e per questa ragione la riflessione sui contenuti dei media rimane sempre il nostro fondamento”, spiegano gli organizzatori.

    Fiorello

    Tra gli ospiti più significativi di questa edizione (tutti partecipanti a titolo gratuito) ci sarà sabato 9 maggio il fondatore di Slow food Carlo Petrini. Quest’anno, inoltre, il Festival prevederà, oltre oltre alla consueta Piazza Umberto I, una seconda piazza (Piazza Carlo Alberto) dove verranno affrontati sia temi legati all’argomento cibo come tema di successo dei media sia argomenti legati all’innovazione.
    Racconteranno inoltre il loro rapporto con la tv e con i media numerosi chef di fama internazionale, da Gualtiero Marchesi ad Antonino Cannavacciuolo, Davide Oldani e Massimo Bottura, mentre Benedetta Parodi ci parlerà del suo personale rapporto con la cucina.

    Porteranno le loro esperienze i direttori dei principali quotidiani italiani – Mario Calabresi, Claudio Cerasa, Ezio Mauro, Roberto Napoletano –, il Dg della Rai, Luigi Gubitosi, protagonista domenica 10 maggio alle 12:00 dell’incontro “SCUOLA, INFORMAZIONE, INNOVAZIONE, PAESE” con Napoletano, e alcuni Direttori di rete, come il Direttore di Rai3 Andrea Vianello.

    Un focus sarà dedicato, sabato 9 maggio, alle Serie Tv: a parlarne per Sky Andrea Scrosati, responsabile dei contenuti non sportivi della rete, Eleonora Andreatta, Direttore di Rai Fiction, insieme ai principali produttori italiani, Pietro Valsecchi, Matilde Bernabei e Riccardo Tozzi.

    Gran finale domenica 10 maggio alle 16:30 con  “FIORELLO STORY“, intervista-spettacolo di Aldo Grasso al numero uno dell’intrattenimento televisivo (e non solo) italiano, Rosario Fiorello, che racconterà la sua carriera, i suoi successi e i suoi progetti futuri. 

  • festival-rumorsCostruire il palinsesto ideale, la sequenza perfetta di programmi per i quali valga la pena di tenere accesa la televisione per tre giorni consecutivi.

    È questo il principale obiettivo della seconda edizione del Festival della Tv e dei Nuovi Media, che si tiene a Dogliani dal 3 al 5 maggio 2013.

    Un Festival accessibile e gratuito che porterà in piazza Umberto I i grandi temi della comunicazione contemporanea multipiattaforma, attraverso una combinazione di incontri dedicati all’attualità, all’approfondimento, all’inchiesta, alla cultura e all’intrattenimento.

    Federica Mariani, direttore artistico della rassegna: “A Dogliani si confronteranno i vertici dei principali broadcast nazionali, parleranno i protagonisti di carriere televisive immense e si racconteranno gli inventori di reti minuscole che da un monolocale di Partinico provano a mettere in crisi la criminalità organizzata. Proveremo insomma a costruire il palinsesto ideale, la sequenza perfetta di programmi per i quali valga ancora la pena di accendere la televisione”.

    Rai.tv,  Media Partner della manifestazione, trasmetterà in streaming tutti gli eventi.

    – Segui in diretta streaming, tutti gli eventi >>

    programma-ok-dogliani

    In tutto sono 63 personaggi che si alterneranno. Si parte venerdì mattina con il mestiere di doppiatori (Il doppiaggio in diretta: Law&Order, Scandal e I Borgia) con Gino La Monica e Olivia Manescalchi, voci italiane di attori come Dustin Hoffman, Jack Nicholson, Chris Nolt e Kerry Washington.

    Poi spazio allo sport, con protagonista la Juventus e il suo presidente Andrea Agnelli, che spiegherà Bianconeri a colori: la Juventus nell’era dei Nuovi Media, insieme con Evelina Christillin, Fabio Caressa e Maurizio Crosetti di Repubblica.

    Nel pomeriggio dopo Lucia Annunziata sui Nativi digitali al voto, ecco il direttore de La Stampa Mario Calabresi discutere con Luciana Littizzetto, Linus e Carlo Antonelli di Radio e tv: andata e ritorno.

    Subito dopo uno degli eventi del Festival: il dibattito a tre voci sul futuro della tv che metterà attorno allo stesso tavolo Luigi Gubitosi, direttore generale Rai, Fabio Vaccarono di Google Italia e Andrea Zappia, Ad di Sky Italia moderati ancora da Calabresi.

    Spazio poi a Massimo Gramellini, vicedirettore de La Stampa che chiacchiererà con Alessandra Comazzi, critica tv.

    Fra gli appuntamenti della kermesse più attesi quello con Pippo Baudo, un monumento della tv italiana che si racconterà con Fabrizio Del Noce sabato pomeriggio.

    Poi, il giorno dopo, Piero Chiambretti con Storia dell’Italia e degli italiani, un viaggio attraverso vent’anni di carriera e la cabarettista Geppi Cucciari. Chiuderà la rassegna il dibattito ‘Un orizzonte per il nostro Paese’ con Carlo De Benedetti, presidente dell’Espresso intervistato da Stefano Folli, editorialista del Sole 24 ore e Lilli Gruber, conduttrice di Otto e mezzo su La7.

    E di politica si parlerà anche nel giorno d’esordio quando, Giovanni Minoli, intervisterà il sindaco di Firenze Matteo Renzi, il volto emergente della politica italiana» secondo il format collaudato del faccia a faccia.

    Roberto Saviano la sorpresa finale del secondo “Festival della tv e dei nuovi media”. L’autore di “Gomorra ” e di “ZeroZeroZero” ha accettato l’invito degli organizzatori e arriverà nella piccola capitale delle Langhe sabato all’ora di cena, subito dopo la “lectio magistralis” di Ezio Mauro, direttore di Repubblica, su “I giornali nell’era di Internet”. Saviano parlerà per un’ora dal palco di piazza Umberto I della sua carriera di scrittore ma anche della vita da ostaggio cui l’ha costretto il coraggio della denuncia.