Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • 13/3/2013 ore 21:07

    Habemus Papam

    Commenti 0

    “Fratelli e sorelle, buonasera. Voi sapete che il dovere del Conclave è dare un vescovo a Roma. Sembra che i miei fratelli cardinali sono andati a prenderlo quasi alla fine del mondo… ma siamo qui”. Sono le prime parole di Papa Francesco, Jorge Mario Bergoglio.

    – L’Habemus Papam, guarda il video >>

    – Le prime parole di Papa Francesco  >>

    – La fotogallery di “Porta a porta” >>

    – Un ritratto del cardinale Bertoglio >>

    La fumata bianca è arrivata alle 19:06 quando i 115 porporati riuniti a Conclave hanno eletto il successore di Benedetto XVI. Piazza San Pietro è scoppiata in delirio urlando ‘Viva il papa. Grazie’. La piazza si è riempita di fedeli mentre le campane della Basilica hanno preso a suonare a festa. Numerose le bandiere dei fedeli arrivati da ogni parte del mondo e rimasti in attesa per lunghe ore sotto la pioggia.

    Il cardinale Jorge Mario Bergoglio è stato il contendente di Joseph Ratzinger al Conclave del 2005, ora ne prende il posto. Argentino di origini italiane, unico gesuita in Conclave è il primo Papa sudamericano. Ha 77 anni e i cardinali lo hanno dunque scelto pensando ad un uomo di Chiesa navigato, stimato da conservatori e progressisti, personalmente limpido, capace di riformare la Curia romana.

    Nato a Buenos Aires il 17 dicembre del 1936, ha studiato e si è diplomato come tecnico chimico, ma poi ha scelto il sacerdozio ed è entrato nel seminario di Villa Devoto. L’11 marzo 1958 è passato al noviziato della Compagnia di Gesù, ha compiuto studi umanistici in Cile e nel 1963, di ritorno a Buenos Aires, ha conseguito la laurea in filosofia. E’ stato professore di letteratura e di psicologia. E’ stato ordinato sacerdote nel dicembre ’69. Maestro di novizi a Villa Barillari, San Miguel, nel ’73 è stato eletto Provinciale dell’Argentina, incarico che ha esercitato con ablità per sei anni, sebbene non tutti i gesuiti argentini hanno assecondato la sua ‘Realpolitik’ ai tempi del regime e contestò l’apertura di alcuni confratelli alla teologia della liberazione. Nell’anno santo del 2000 fece “indossare” all’intera Chiesa argentina le vesti della pubblica penitenza, per le colpe commesse negli anni della dittatura. Autore dei libri “Meditaciones para religiosos” del 1982, “Reflexiones sobre la vida apostolica” del 1986 e “Reflexiones de esperanza” del 1992. Giovanni Paolo II lo nominò vescovo titolare di Auca e ausiliare di Buenos Aires nel maggio del ’92. Il 27 giugno dello stesso anno ricevette nella cattedrale di Buenos Aires l’ordinazione episcopale dalle mani del cardinale Antonio Quarracino, del nunzio apostolico monsignor Ubaldo Calabresi e del vescovo di Mercedes-Lujan, monsignor Emilio Ognenovich.

    Schivo, colto, Bergoglio è sempre stato restio ad accettare ruoli curiali. Molti nunzi apostolici, però, lo apprezzano, e non da oggi. Oppositore del lusso e degli sprechi (ha vissuto in un modesto appartamentino e per spostarsi usa i mezzi pubblici) quando fu ordinato cardinale nel 2001, obbligò i suoi compatrioti che avevano organizzato raccolte fondi per presenziare alla cerimonia di Roma, a restare in Argentina e a donare i soldi ai poveri. È sempre stato ritenuto un conservatore ma non gli mancano aperture dialoganti all’ala più progressista. È pronto a prendere il testimone di Benedetto XVI e completare quella riforma della Curia che Joseph Ratzinger non si è sentito di completare.

    – “Papa Francesco”. Guarda lo speciale di Rai.tv >>

  • 12/3/2013 ore 7:00

    Seconda fumata nera

    Commenti 2

    Conclave 2013 - Il giuramento dei CardinaliMartedì 12 marzo, secondo quanto stabilito dall’ottava Congregazione Generale del Collegio dei Cardinali, ha avuto inizio nella segretezza della Cappella Sistina il Conclave per l’elezione del nuovo Papa.
    La data era stata fissata dopo l’arrivo di tutti i 115 porporati elettori a Roma.

    Alle 10:00 nella Basilica di San Pietro si è svolta la Santa Messa “Pro eligendo Pontifice”. “Dio ci conceda un Papa dal cuore generoso. Oggi vogliamo implorare dal Signore che attraverso la sollecitudine pastorale dei Padri Cardinali voglia presto concedere un altro Buon Pastore alla sua Santa Chiesa“, ha detto il cardinale decano Angelo Sodano, che ha presieduto la Messa, nell’omelia. E ancora: “L’atteggiamento fondamentale di ogni buon Pastore è offrire la propria vita per gli altri, questo vale soprattutto per il successore di Pietro“.

    – Santa Messa “Pro eligendo Pontifice”. Guarda la fotogallery di Rai.tv >>

    – Guarda il video di RaiNews >>

    Alle 16:25  l’ingresso dei cardinali in Conclave. Dopo essersi riuniti nella Cappella Paolina, indossando la veste rossa, il rocchetto, la mozzetta e la berretta, i porporati, al canto delle Litanie dei Santi, si sono diretti in processione alla Cappella Sistina dove, dopo il canto del Veni Creator, hanno pronunziato il giuramento prescritto.
    L’inizio vero e proprio del Conclave, dopo la messa “pro eligendo Pontifice”, è avvenuto con la pronuncia dell’extra omnes, il “fuori tutti” dalla Cappella Sistina, solennemente pronunciato dal maestro delle Celebrazioni Liturgiche Pontificie, monsignor Guido Marini. Alle 19:41 la prima fumata nera di questo Conclave. Fumata nera anche la mattina del secondo giorno di Conclave.

    Per tutta la durata delle votazioni dei cardinali nella Cappella Sistina, Radio1 Rai seguirà i lavori dei porporati-elettori, con puntate speciali di “Radio Anch’Io” e di “Tra Cielo e Terra”, la diretta della messa “pro eligendo Pontifice” e della cerimonia dell’”extra omnes”, edizioni straordinarie del Gr1 per ogni fumata. Dal pomeriggio sarà attivo un flusso streaming video dal comignolo di Piazza San Pietro per seguire le fumate in diretta. Edizioni speciali del Gr1 in caso di fumate.
    – Vai al sito di Radio1 e guarda lo streaming video dal comignolo >>

    – Ascolta la diretta di Radio1 >>

    – Tutte le notizie dal Vaticano sul Grr >>

    Il Tg2 propone da oggi “Conclave, tutti i giorni della Sistina” appuntamenti quotidiani dalle 10:00 alle 11:00 e dalle 18:30 alle 18:55. Un filo diretto con Piazza San Pietro, con continui collegamenti  curati dalla redazione del Tg2. In studio autorevoli commentatori, esperti, vaticanisti, protagonisti della vita della Chiesa
    –  Segui la diretta del Tg2 alle 10:00 e alle 18:30 a partire da domani >>

    Il 4 marzo scorso hanno avuto inizio le Congregazioni generali per preparare la votazione, al quale partecipano sia gli elettori che i non elettori, ovvero i Cardinali che hanno superato gli ottant’anni

    – ‘Prove di Conclave’. Guarda il servizio del Tg3 >>

     I cardinali elettori provengono da 52 paesi diversi, e la nazione più rappresentata è l’Italia.

    – I cardinali italiani. Guarda la fotogallery del Tg1 >>

    – ‘Tra loro il nuovo Papa?’. Guarda la fotogallery di Porta a Porta >>

    Già da alcuni giorni la Cappella Sistina è chiusa al pubblico per i lavori di allestimento in vista del conclave. E’ lì, all’ombra del capolavoro di Michelangelo, che i cardinali si riuniranno per eleggere il nuovo Papa. Due grandi stufe bruceranno i fogliettini del voti. Pronto anche il comignolo da cui usciranno le fumate, nera o bianca, che daranno notizia al mondo sull’andamento del Conclave. Le chiavi di San Pietro verranno affidate a chi raggiungerà almeno la maggioranza di due terzi, pari a 77 voti.

    – ‘Chiusa la Cappella Sistina’. Guarda il servizio del Tg1 >>

    – ‘Il Conclave un’antichissima istituzione, numeri e composizione’. Guarda il servizio del Tg2 >>

    – “Lezioni dal Conclave”, rivedi le puntate del programma in onda ogni domenica alle 13:00 su Rai3 >>

    I cardinali non potranno avere nessuna comunicazione con il mondo esterno, sia nella Cappella Sistina che nelle residenze dove alloggeranno.

    – ‘Conclave blindato’. Guarda il servizio del Tg1 >>

    Il 10 marzo, nella domenica che precede il Conclave, giornata di Messe a Roma celebrate dai cardinali:

    – ‘Papabili a Messa’. Guarda il servizio del Tg3 >>

    Da giovedì 28 febbraio scorso si  è verificata la condizione cosiddetta di sede vacante, simboleggiata dalla chiusura del portone di accesso al Palazzo Pontificio e dal passaggio di consegne sui compiti di protezione del “Pontefice Emerito“, questo il nuovo titolo di Benedetto XVI, dalla Guardia Svizzera alla Gendarmeria Vaticana.

    Con l’ultima udienza generale di mercoledì 27 febbraio e il viaggio in elicottero di giovedì 28 dal Vaticano verso Castel Gandolfo, si è chiuso il papato di Benedetto XVI, Cardinale Joseph Ratzinger, che l’11 febbraio scorso aveva annunciato la sua rinuncia al ministero petrino.

    La speranza diffusa è quella che entro la domenica di Pasqua, che cade a fine mese,  il periodo di sede vacante terminerà e la chiesa cattolica avrà una nuova guida. Il mondo è in attesa.

    Vai allo speciale “Benedetto XVI: immagini e storia di un pontificato” >>

    – Guarda la videogallery di RaiNews dedicata al Conclave >>

  • 4/3/2013 ore 8:00

    Al via le procedure per il Conclave

    Commenti 0

    Con l’ultima udienza generale di mercoledì scorso e il viaggio in elicottero di giovedì dal Vaticano verso Castel Gandolfo, si è chiuso il papato di Benedetto XVI, Cardinale Joseph Ratzinger, che l’undici febbraio scorso ha annunciato la sua rinuncia al ministero petrino, come precedentemente fatto da altri otto pontefici, per ultimo Gregorio XII nel 1415.

    Da giovedì 28 febbraio, quindi, si verifica la condizione cosiddetta di sede vacante, simboleggiata dalla chiusura del portone di accesso al Palazzo Pontificio e dal passaggio di consegne sui compiti di protezione del “Pontefice Emerito“, questo il nuovo titolo di Benedetto XVI, dalla Guardia Svizzera alla Gendarmeria Vaticana.

    La sede vacante durerà fino a quando i Cardinali ottuagenari membri del Sacro Collegio, invitati a Roma dal Cardinale Decano e riuniti in Conclave all’interno della Cappella Sistina, avranno eletto il nuovo Pontefice.

    Guarda l’ultima udienza generale presieduta da papa Benedetto XVI>>

    Guarda il viaggio di papa Benedetto XVI dal Vaticano a Castel Gandolfo>>

    Guarda lo speciale di “Porta a porta” sulle ultime ore del papato>>

    Le operazioni preliminari alla riunione del Conclave cominceranno nella giornata di oggi. Il Cardinale Decano Angelo Sodano, come rivelato dal Cardinale di Napoli Crescenzio Sepe, ha già inviato alla congregazioni cardinalizie le lettere per organizzare i momenti preparatori dell’assemblea che eleggerà il nuovo Papa. La sensazione, quindi, è quella che il periodo di sede vacante non durerà molto e che, probabilmente, per la domenica di Pasqua, che cade a fine mese, la chiesa cattolica avrà una nuova guida.

    Verso questa direzione sembra andare anche la volontà del Pontefice Emerito Benedetto XVI che, tra i suoi ultimi atti da Pontefice in carica, ha concesso “motu proprio” una modifica alla Costituzione Apostolica che, pur confermando la canonica data di avvio del Conclave in 15-20 giorni dall’inizio della sede vacante, prevede la possibilità di anticiparla se gli elettori del Sacro Collegio sono tutti presenti a Roma già nei giorni precedenti.

    Vai allo speciale “Benedetto XVI: immagini e storia di un pontificato” >>