Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • Nessuno-mi-può-giudicare

    Dal 10 aprile, ogni domenica per sei settimane, dalle 15.30 alle 17.00 (e in replica da mezzanotte), Caterina Caselli condurrà con Giovanni Caccamo ‘Nessuno mi può giudicare’, la nuova trasmissione di Radio2 che racconta in modo leggero e coinvolgente i maggiori successi della canzone italiana, attraverso la voce dei suoi protagonisti, curiosità, rivelazioni e aneddoti.

    Ogni puntata proporrà una divertente sfida musicale tra artisti di generazioni diverse, con due brani musicali che verranno sottoposti al giudizio degli ascoltatori attraverso la pagina Facebook di Radio2.

    Inoltre, in ogni puntata Caterina Caselli e Giovanni Caccamo incontreranno i grandi compositori e cantautori italiani – da Morricone a Guccini, da Elisa a Giuliano Sangiorgi – che racconteranno agli ascoltatori di ‘Nessuno mi può giudicare’ come nasce una hit musicale.

    Vai al sito >>>

    La prima puntata andrà in onda domenica 10 aprile, giorno del 70° compleanno di Caterina Caselli. Si inizierà dagli anni Sessanta, con una sfida al femminile: due donne che a vent’anni sono arrivate al secondo posto del Festival di Sanremo: Caterina Caselli, con ‘Nessuno mi può giudicare’ (brano del 1966 che proprio quest’anno festeggia cinquanta anni) e Francesca Michielin, con ‘Nessun grado di separazione’ presentata a Sanremo 2016, che rappresenterà l’Italia al prossimo Eurovision Song Contest. Ospite d’eccezione della prima puntata, Paolo Conte.

    Ascolta in diretta domenica alle 15.30 >>>

     

  • Alla seconda edizione di Medimex, la fiera musicale internazionale di Bari, si è tenuto un convegno  dal titolo ‘The Future of the Music, The Music of the Future’.

    L’industria musicale a livello mondiale si è trovata negli ultimi anni a fronteggiare un cambiamento epocale, derivante dalla rivoluzione digitale che ha introdotto nuovi modelli di business e un’offerta musicale sempre ampia e diversificata.

    Le imprese discografiche da Record Company si sono trasformate in Music Entertainment Company con una gestione sempre più completa del prodotto musicale e dell’artista.

    L’evoluzione in atto consente oggi al consumatore di poter accedere alla propria musica attraverso device sempre più interconnessi tra loro. Un momento di dialogo e confronto per analizzare le prospettive e la crescita del mercato della musica digitale.

    Guarda tutti i video di Medimex 2012 >>

    Durante il convegno Caterina Caselli, Presidente della Sugar, ha dichiarato. ”La crisi l’abbiamo subita. Per ripartire – ha spiegato Caterina Caselli – è necessario che la musica non sia gratis. In dieci anni, abbiamo avuto un calo del 75 per cento del mercato. Questo vuol dire che il restante 25 per cento è il mercato che ci resta, praticamente un mercato nicchia, e di conseguenza non ci sono così sufficienti ricavi da investire in ricerca e sviluppo. Il mercato italiano era un lago ed è diventato una pozzanghera”.  La Caselli ha evidenzia in modo particolare che far musica di qualità costa, e immediatamente nel momento in cui si esce con un progetto, questo è già nei siti illegali e viene sottratto quando ancora non si è recuperato il costi dell’investimento.  Il futuro? Si deve difendere il nostro prodotto musicale, e si deve esistere in quanto italiani e in quanto fornitori di qualità.

    Guarda una parte dell’intervento di Caterina Caselli >>

    Enzo Mazza: Presidente Fimi-Confindustria, Federazione Industria Musicale Italiana, ha parlato dell’attuale situazione del mercato e di come sono cambiati gli interlocutori. “Il mercato del digitale rappresenta il 40 per cento dell’intero mercato della musica nel nostro paese – ha spiegato Enzo Mazza –  siamo di fronte ad una svolta perché anche il paese si sta digitalizzando, abbiamo un’agenda digitale, si sta facendo uno sforzo per cablare il nostro paese e siamo all’alba della telefonia mobile di quarta generazione. Tutto questo significa che abbiamo un’opportunità enorme per diffondere la musica”. Enzo Mazza ha parlato anche della piattaforma Spotify, che aprirà in Italia nei prossimi mesi,  è un  servizio musicale on demand che offre lo streaming di una selezione di brani di varie case discografiche ed etichette indipendenti. Un modello che consente alle aziende di recuperare una parte dei  ricavi, condividendo dei contenuti in maniera legale.

    Guarda l’intervista ad  Enzo Mazza >>

    Giordano Sangiorgi: Presidente Audio Coop, ha espresso le sue idee dichiarando: “Internet con i grandi social media multinazionali fa un sacco di soldi. La prima cosa è quella di andar a chiedere a questi i soldi… In che modo? Facciamo l’unità del settore, un’unica associazione discografica, perché non possiamo continuare a presentarci con cinque, sei, sette, otto, mille voci e ognuna tende a portare a casa il proprio interesse personale. Non ce la faremo mai e non entreremo in nessuna agenda politica. Facciamo un sistema paese musicale che insieme alla cultura va all’estero assieme”.

    Guarda una parte dell’intervento di Giordano Sangiorgi >>

    Al convegno erano anche presenti: Olivia Regnier: IFPI Director European Office and European Regional Counsel, Mario Limongelli: Presidente PMI, Produttori Musicali Indipendenti, Leopoldo Lombardi: Presidente AFI, Associazione Fonografici Italiani, Vincenzo Spera: Presidente Assomusica, Paolo Franchini: Segretario Generale della FEM – Federazione Editori Musicali, Maria Ferreras: Head of Partnerships per la regione del Sud Europa YouTube, Marco Polillo: Presidente Confindustria Cultura