Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • Il 6 agosto 1945, gli Stati Uniti sganciano la bomba atomica su Hiroshima, ponendo sostanzialmente fine alla Seconda Guerra Mondiale, e aprendo le porte a un nuovo modo di combattere le guerre del futuro.
    Tre giorni dopo, sganciano un’altra bomba, questa volta contro Nagasaki, mandando di fatto un messaggio all’Unione Sovietica per sottolineare i precisi equilibri geopolitici che seguiranno.
    Non ci sono parole per descrivere quei momenti. Ancora oggi, però, non colpisce tanto la conta dei morti (tra il 13 e il 14 febbraio 1945, a Dresda era accaduto di peggio, con l’uso di armi “convenzionali”), quanto la cinica potenza del “nuovo” materiale, l’uranio, e il suo nocivo perdurare nel tempo, anche a distanza di lustri.
    Le polemiche storiche non si sono mai diradate: quanto aveva senso colpire in quel modo un Giappone ormai in ginocchio? Perché mostrare i muscoli all’Unione Sovietica, per interposte vittime innocenti? A queste domande, c’è chi ha trovato come immediata risposta un unico colpevole assoluto: gli Stati Uniti d’America. Invece, la Storia suggerisce che certi eventi così terribili nascono da comuni scelte storiche complesse ed eterogenee, che spesso si ripresentano ciclicamente in maniera forse più dissimulata ma non per questo meno preoccupante.

    >> Pulsar racconta le intuizioni scientifiche che portarono anche alla bomba atomica

    >> Cronache del XX secolo racconta le premesse storiche dietro alla bomba di Hiroshima

    >> Da Cosmo, intervista a George Yoshitake, testimone dei test nucleari top secret effettuati dagli Stati Uniti nel deserto del Nevada

    >> La Storia siamo noi racconta “Hiroshima, 6 agosto 1945”

    >> Con Cosmo, Barbara Serra ricostruisce gli effetti devastanti della bomba nucleare di Hiroshima

    >> Con materiale d’archivio, Gianni Bisiach ricorda Hiroshima

    >> RaiSCIENZE è anche su TWITTER

  • L’11 marzo del 2011, a largo delle coste orientali nipponiche, si scatena uno dei terremoti più devastanti della storia del pianeta, pari a 9.0 gradi della Scala Richter (il più potente mai registrato in Giappone; il quarto di sempre), che farà tremare l’intera nazione.

    Con una potenza e una velocità impressionanti, il conseguente tsunami spazza via centinaia di villaggi, paesi e città. Per la prima volta nella storia della comunicazione, i mass media seguono in diretta l’evoluzione di un dramma indescrivibile che metterà in ginocchio proprio il paese universalmente riconosciuto come il più attrezzato contro la furia della Natura.

    Ma la tragedia non termina con la conta dei danni e dei morti: poche ore dopo la fine del disastro naturale, infatti, a Fukushima cresce l’allarme nucleare; l’impatto di un’onda alta dieci metri ha disastrato la centrale, e il serio guasto che coinvolge due dei quattro reattori principali fa temere una catastrofe nucleare di portata superiore a quella di Černobyl del 1986.
    Nel giro di 24 ore, insomma, l’essere umano si trova di fronte a due grandi incognite: come prevenire disastri futuri, come risolvere il sempre più assillante fabbisogno di energia.

    In questo speciale ripercorreremo quei giorni, con analisi approfondite e immagini purtroppo indimenticabili.

    – Il servizio del TgrLeonardo racconta L’effettiva potenza di uno tsunami

    – Il Tg1 illustra come il sisma abbia Spostato l’asse terrestre

    – Sveva Sagramola e Geo&Geo raccontano cosa è stato Il terremoto in Giappone

    – Cosmo e Barbara Serra si chiedono se Possiamo salvarci dai terremoti

    – Il servizio del Tg3 fa vedere L’esplosione alla centrale nucleare di Fukushima

    – Milena Gabanelli porta Report a Fukushima

    – Sveva Sagramola e Geo&Geo ci fanno capire come bisogna comportarsi durante un Allarme radiazioni

    – Radio3Scienza racconta Fukushima, anatomia di un disastro

    – Vai alla pagina Facebook e Twitter di Rai Scienze

  • 5/3/2012 ore 11:17

    Barbara Serra torna con “Cosmo”

    Commenti 0

    Domenica 11 marzo alle 23.30 torna su Rai3 “Cosmo”, trasmissione di divulgazione scientifica condotta dalla giornalista Barbara Serra giunta alla sua seconda edizione.

    Lo spot del programma, in rotazione sulle reti Rai, si apre con una citazione del grande Einstein: “La mente è un paracadute, funziona solo se è aperta” e con questo credo la trasmissione si propone di fare luce sui molti temi che legano la scienza alla complessità della vita moderna.

    Forte di una squadra molto preparata, arricchita dalle giornaliste scientifiche Elisabetta Curzel e Alessandra Viola e dall’astrofisico Amedeo Balbi , “Cosmo” si muoverà dall’India agli Stati Uniti, passando per le realtà meno conosciute del nostro Paese per cercare di rispondere alle domande più assillanti sul nostro futuro.

    Il programma, tra i cui autori c’è Gregorio Paolini, si avvale, inoltre, della collaborazione di e giovani videomakers che, assieme alle avanzate tecniche di tracking virtuale usate nello studio, renderanno il tutto molto curato non solo dal punto di vista del contenuto ma anche della forma

    – Vai al sito della trasmissione>>

    – Guarda lo spot>>

    – Scopri come partecipare alla trasmissione come pubblico>>

    – Guarda i servizi delle scorse edizioni di “Cosmo”>>

    – Vai alla pagina Facebook e Twitter di Rai Scienze

  • Domenica 27 marzo, 23.35, Rai3. Prende il via la prima stagione di “Cosmo“, il programma che indaga su passato e presente per arrivare più preparati al futuro. La conduttrice è la giornalista Barbara Serra, volto già noto in Italia per le frequenti apparizioni in talk show di analisi politica e televisiva come Ballarò e Tv Talk. L’obiettivo del cliclo di puntate ruota, in particolare, intorno a una domanda: Il futuro che ci aspetta è come lo sognavamo?

     

    Per raggiungerlo, abbiamo chiesto aiuto a tre inviate – Silvia Bencivelli, Elisabetta Curzel, Alessandra Viola – proiettate in giro per il mondo alla scoperta di tracce del nostro prossimo futuro. Una squadra tutta al femminile che – con l’aiuto di scienziati, studiosi e testimoni del nostro tempo – intende affrontare temi tradizionalmente di nicchia come quelli scientifici, allargandoli a un pubblico più diversificato e interessato all’avvenire più o meno roseo del nostro pianeta.

     

    Nella prima puntata l’attenzione è volta, ovviamente, al recente terremoto e al conseguente disastro ambientale in Giappone. Vedremo immagini e testimonianze eccezionali degli studiosi dei terremoti, girate pochi giorni prima dello tsunami, in cui i geologi giapponesi prevedono il sisma e riflettono sui rischi che possono coinvolgere un Paese come l’Italia. Ai due anni dal terremoto dell’Aquila, e all’interrogativo di tutti gli scienziati del mondo (“Si possono prevedere i terremoti? E come?”), è dedicata quindi la prima puntata di Cosmo, in onda domenica 27 marzo.

     

    – Vai al sito di “Cosmo” >>

    – Guarda i video e le foto del programma >>

    – Guarda la trasmissione in diretta web, la domenica alle 23.35 >>

     

  • I protagonisti della Tv e i retroscena dei programmi più seguiti, le novità e i ritorni nei palinsesti italiani e stranieri. Questi gli ingredienti della nuova edizione di “Tv Talk”, il programma condotto da Massimo Bernardini e dedicato al mondo del piccolo schermo che quest’anno andrà in onda il sabato pomeriggio, alle 15.00, su Rai Tre. Giunto alla sua nona stagione la trasmissione amplierà i propri orizzonti raccontando anche quanto accade nelle tv di tutto il mondo, e questo grazie ad alcuni “testimoni” d’eccezione: ai due corrispondenti fissi del programma, Barbara Serra da Londra e Franco Schipani da New York, si aggiungono, infatti, i corrispondenti Rai Piero Badaloni da Madrid, Rino Pellino da Berlino e Alberto Romagnoli da Parigi. Ogni sabato, l’analisi e il commento delle maggiori novità della settimana televisiva, saranno affidate alla squadra di esperti presenti in studio: Giorgio Simonelli, docente all’Università Cattolica di Milano; Andrea Bellavita, professore dei linguaggi televisivi e Daniele Doglio, docente di Economia dei Media all’Università Cattolica di Milano. Con loro, alcuni giovani laureati e laureandi in Scienza della Comunicazione provenienti da diverse università italiane. E soprattutto grandi ospiti che hanno fatto o che fanno “grande” la Tv, personaggi che lavorano davanti e dietro le telecamere, artisti e professionisti, a cominciare Enrico Mentana ospite della prima puntata. In esclusiva inoltre a “Tv Talk” ci saranno anticipazioni e interviste curate dai cronisti sul campo: Federica Velonà, Erika Brenna, Mirko Cucina, Sebastiano Pucciarelli  e Giorgia Domeniconi. Tv talk come sempre sarà a stretto contato con l’attualità televisiva, ma non mancherà la storia del piccolo schermo attraverso i preziosi materiali delle Teche Rai, mentre l’analisi qualitativa e “culturale” degli ascolti sarà affidata alla brava Silvia Motta che aiuterà a scoprire, ogni settimana, elementi inediti del rapporto Auditel.

    Guarda il sito di ‘Tv Talk’>>
    Guarda ‘Tv Talk’ in diretta dal web, Rai Tre, sabato, ore 15:00>>
    Guarda l’archivio puntate di ‘Tv Talk’>>
    Iscriviti alla Newsletter di ‘Tv Talk’>>
    Contatta la redazione di ‘Tv Talk’>>