Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • Stanotte a Firenze - Foto di Barbara Ledda

    Stanotte a Firenze – Foto di Barbara Ledda

    Firenze, come non l’avete mai vista. Di notte, senza le folle dei turisti, avrete il privilegio di scoprire una delle città più visitate e ammirate del mondo, restando a tu per tu con i suoi capolavori. Un anno dopo “Stanotte al Museo Egizio di Torino Alberto Angela accompagna il pubblico di Rai1 in un nuovo, affascinante viaggio notturno nel suo programma Stanotte a Firenze” in onda giovedì 9 giugno in prima serata.

    Guarda il promo>>

    Guarda tutti i backstage >>

    Un programma girato per la prima volta in 4K HDR, una tecnologia che consente di mostrare allo spettatore le opere d’arte con un’altissima qualità di immagine. Inoltre: effetti speciali, mini-fiction, droni… tutto al servizio di una grande operazione culturale arricchita da ospiti d’eccezione come Andrea Bocelli, Giusi Buscemi, Giancarlo Giannini, Oliviero Toscani.

    Stanotte a Firenze - Making of

    Stanotte a Firenze – Making of

    Ad anticipare il programma il Making of “Stanotte a Firenze” in onda lunedì 6 giugno alle 23:55 su Rai1. Un lungo lavoro accurato, seguendo Alberto Angela, l’allestimento dei vari set, le fasi delle riprese, la preparazione degli ospiti, il lavoro di tutti i tecnici. Uffizi, Galleria dell’Accademia, Basilica di San Lorenzo, il Duomo, Piazza della Signoria, sono solo alcuni dei luoghi dove la squadra della RAI di Napoli ha affrontato la complessità delle riprese, muovendosi in punta di piedi nei templi della Bellezza.

    Guarda la fotogallery>>

    Davvero il Davide di Michelangelo, la Primavera di Botticelli e molti altri antichi capolavori prendono vita sotto gli occhi degli spettatori!
    Muovendosi in una Firenze notturna, e quindi ancora più suggestiva, Alberto Angela porta lo spettatore dentro gli Uffizi, gli fa scoprire monumenti famosi come la cupola del Brunelleschi, il campanile di Giotto, i capolavori del nostro Rinascimento, ma anche le tracce dei piccoli orfani cresciuti nello Spedale degli Innocenti, le antiche armi e le corazze, i sontuosi vestiti e i gioielli di corte. Ricorrendo perfino alle tecniche della polizia scientifica – quasi in un moderno CSI – Alberto Angela riuscirà a far rivivere la Firenze dei Medici in una luce nuova.

    Stando “dietro le quinte” si avrà la possibilità di vedere quanto lavoro e quale professionalità ci siano dietro questo tipo di lavorazione.
    Il making of, di Maria Francesca Marcelli e Cristina Scardovi, con il montaggio di Ivo Semeraro, racconterà anche gli imprevisti e le avventure occorse sui set durante l’utilizzo di droni, e farà conoscere gli aspetti più inediti di ogni figura professionale coinvolta.

    È insomma un diario puntuale e curioso di questa nuova avventura di Alberto Angela per Rai1, redatto da due filmakers della Rai, con una telecamera e un taccuino.

  • 23/2/2016 ore 10:00

    Scala Mercalli torna su Rai3 sabato 27 febbraio

    Commenti 0

    Scala MercalliTorna su Rai3 a partire dal prossimo sabato alle 21:45 “Scala Mercalli”, il programma di divulgazione scientifica condotto da Luca Mercalli. Al centro di questa seconda edizione, in onda per 6 settimane, ci sarà nuovamente la questione della sostenibilità ambientale.
    – Guarda il promo >>

    Il 2015 ha visto importanti eventi: è stato l’anno più caldo, nel mondo e in Italia, da quando esistono le osservazioni meteorologiche; la crisi ambientale è stata addirittura oggetto di grande attenzione anche da parte di Papa Francesco, con la pubblicazione dell’enciclica “ Laudato si’ ”; lo scorso dicembre a Parigi si è tenuta la COP21, la conferenza delle Nazioni Unite volta a contenere il riscaldamento globale entro i 2 gradi da oggi al 2100. E sono proprio questi gli argomenti con cui sabato 27 febbraio inizierà la prima puntata, dedicata al clima e a come affrontare i suoi drammatici cambiamenti, ormai inequivocabili.

    Nelle altre cinque puntate verranno affrontati i temi chiave dell’energia, con particolare attenzione alle nuove fonti rinnovabili; dell’acqua e del cibo, risorse fondamentali e sempre più vulnerabili; della mobilità sostenibile e dei nuovi modelli di sviluppo economico meno impattanti per l’ambiente e più desiderabili per noi.

    A guidarci in questa sorta di viaggio attraverso i grandi problemi del mondo, ma con l’occhio rivolto soprattutto alle possibili soluzioni, sarà come sempre il climatologo Luca Mercalli, presidente della Società Meteorologica Italiana.
    In ogni puntata ci saranno documentari da tutto il mondo realizzati in esclusiva per il programma, che con immagini straordinarie racconteranno lo stato di salute del mondo in cui viviamo, Italia compresa.

    Tutte le puntate termineranno con un focus sul riciclo virtuoso dei rifiuti curato da Roberto Cavallo, che da oltre 15 anni si occupa di sostenibilità con particolare riferimento alla gestione integrata dei rifiuti urbani

    Un’intervista con ospiti di eccellenza – scienziati, ricercatori e grandi esperti nei vari settori presi in esame – completerà ogni appuntamento settimanale, che oltre a voler far capire come rischierà di essere il nostro futuro se non invertiremo la tendenza in atto, cercherà anche di suggerire come possiamo cambiarlo a nostro favore, investendo sulle nuove potenzialità tecnologiche e le grandi risorse culturali già in nostro possesso: economia circolare, riciclo degli scarti, energie rinnovabili, agricoltura sostenibile … una nuova filosofia di vita per le donne e gli uomini di domani.

    Il programma andrà in onda dal Centro Multimediale “Sheikh Zayed” della F.A.O., l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura.

    – Rivedi le puntate della prima edizione >>

  • airc-2015Rai e AIRC ancora una volta insieme nei “Giorni della Ricerca”, per informare l’opinione pubblica sui progressi della lotta contro il cancro e raccogliere fondi per finanziare programmi scientifici pluriennali per giovani ricercatori.
    Ancora una volta uniscono le loro forze per sostenere, con le donazioni del pubblico, i nuovi talenti della scienza del nostro Paese. Per una intera settimana, tutti i programmi televisivi e radiofonici saranno impegnati nella campagna a sostegno di questi obiettivi, in una ideale staffetta tra Reti e Testate.
    Un ruolo fondamentale sarà affidato ad Antonella Clerici, Carlo Conti e Michele Mirabella, ambasciatori di AIRC, insieme ai tanti colleghi della radio e della tv e ai numerosi testimonial del mondo dello spettacolo e dello sport. Una collaborazione lunga più di vent’anni che ha permesso di raccogliere oltre 86 milioni di euro.
    La settimana si è aperta lunedì 2 novembre su Rai1, con “UnoMattina”, e si concluderà con lo “Speciale Elisir” in prima serata su Rai3, domenica 8 novembre.
    Protagonisti assoluti i ricercatori e i risultati della ricerca oncologica

    >> Leggi tutta la programmazione

  • hungyandfoolishUno straordinario viaggio nella storia dell’umanità e nella sua incessante e folle ricerca del cibo. Un viaggio intorno al mondo alla ricerca dei luoghi e delle comunità dove il tempo si è fermato e questa storia è ancora viva. Una storia fatta di tradizione e innovazione, potere e disperazione, speranza e creatività. Una grande chiave di lettura per capire il mondo del cibo. Per scoprire le radici profonde del tema di Expo Milano 2015.

    “Hungry and Foolish” racconta la storia di come ci siamo procurati da mangiare, ma soprattutto la storia di come questo sia sempre stato lo stimolo di ogni grande tappa dell’umanità. E di come ogni innovazione nella produzione di cibo abbia sempre cambiato anche (con alti e bassi) qualità della vita, cultura, rapporti di potere all’interno delle società e fra regioni del mondo, salute, abitudini, costumi. Non è insomma una storia dell’agricoltura, ma una storia dell’inventività umana piena di sorprese, che può toccare tutti, e che dà tutto un altro significato al celebre aforisma secondo il quale “noi siamo quello che mangiamo”.

    Replica in seconda serata su Rai Premium

    >> Tutte le tappe

  • 8/6/2015 ore 12:06

    Al via la nuova stagione di Voyager

    Commenti 0

    barcellona_voyager_blogRoberto Giacobbo apre da Barcellona la nuova edizione di Voyager-ai confini della conoscenza, questa sera alle 21.10, su Rai2.

     

    Guarda il promo >>

     

    Dalla città catalana svelerà tutti i segreti del più affascinante cantiere di sempre: la Sagrada Famiglia, in costruzione da oltre un secolo. E salirà, grazie a un permesso speciale, sui ponteggi di questo grande tempio della cristianità, dove può accedere solo chi lo sta innalzando al cielo e, fra gru e carrucole, da ottanta metri di altezza racconterà il meraviglioso sogno di Antoni Gaudì, l’architetto di Dio.

    voyager_blob

    Si vedrà in anteprima, con un modello tridimensionale animato, che aspetto avrà la chiesa quando finalmente sarà completata, nel 2026.
    Ma non solo. Cosa c’entra Pablo Picasso con una malattia della mente che mette, chi ne è colpito, nella disperata condizione di non riconoscere i volti delle persone care? E perché due geni del MIT, il Massachussetts Institute of Tecnology, hanno costruito una macchina assolutamente inutile che è esposta in un piccolo museo nel centro cittadino?
    Come è possibile che per oltre sei secoli la “Grande Sinagoga” di Barcellona sia scomparsa, per poi ricomparire nel Novecento, esattamente dove era sempre stata?
    Quale filo di sangue ha unito l’Italia e la Spagna nei terribili anni della dittatura franchista? Perché qualcuno dice che il primo, tragico 11 settembre della storia non sia stato quello americano delle Torri Gemelle ma abbia invece proprio a che fare con questa città spagnola? E ancora, il male esiste? Lo abbiamo chiesto a un padre dominicano, l’esorcista di Barcellona, che ha concesso una toccante intervista.

    Segui in diretta web >>