Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

  • 12/3/2015 ore 0:30

    The Voice: rivivi la terza Blind Audition

    Commenti 1

    TVOI_coach_blogSi è appena concluso su Rai2 il terzo appuntamento con le Blind Auditions di questa edizione di The Voice of Italy. Anche in questa serata sono sfilati davanti agli occhi dei coach Noemi, Piero Pelù, J-Ax e Roby e Francesco Facchinetti diversi talenti che aspirano a prendere parte alla gara per la ricerca della “voce” italiana e aggiudicarsi un contratto discografico.

    Primo talento a sottoporsi alle Blind Auditions di stasera è Fatima Diallo ventisettenne di Rimini che cerca una rivincita contro chi non ha creduto in lei e un modo per rivalersi su un padre assente. Sul palco Fatima si esibisce in “Déja Vu” di Beyonce e la sua energia contagia tutti e quattro i coach, anche se Roby Facchinetti le contesta di voler un po’ assomigliare alla cantante americana. Dopo una sofferta decisione, la cantante decide di entrare nel team dello “zio” J-Ax

    – Guarda la presentazione di Fatima Diallo>>
    – Guarda l’esibizione Dèja Vu>>

     

    Secondo è Emanuele Fornaro, diciannovenne che si sottopone al meccanismo della Blind Blind che prevede che la sua esibizione avvenga coperta da una tenda in modo che il pubblico non possa vederlo. Nonostante un’intensa interpretazione di Back to Black di Amy Winehouse i coach non sono convinti e non si girano

    – Guarda la presentazione di Emanuele Fornaro>>

    – Guarda l’esibizione Back to Black>>

     

    Tocca ora a Marco De Vincentiis, ventisettenne cantautore di origini capresi che ha il sogno di arrivare ad interpretare i suoi inediti. Nell’audizione interpeta con la sua voce graffiante “Come Together” dei Beatles e tutti e quattro i coach si girano. Secondo Francesco Facchinetti Marco è un “mostro sacro”, J-Ax, invece, è colpito dalla sua maglietta mentre Noemi ravvisa un pizzico di sensualità nella sua voce. Il cantante sceglie però il team di Pero Pelù perche è “nato rock e cresciuto rock”

    – Guarda la presentazione di Marco De Vincentiis>>

    – Guarda l’esibizione Come Together>>

     

    tvoi_studio

    Lo studio

    E’ il turno di Roberto Pignataro, timido cantante pugliese che vede nella musica la sua ragione di vita e in The Voice il modo di cercare conferme al suo talento. Sul palco interpreta il classico di Joe CockerYou are so beautiful“, prima a girarsi è Noemi, seguita da Ax e Pelù ed è proprio la Rossa a cercare più strenuamente di convincerlo a scegliere il suo team. L’opera di convincimento va a buon fine e Roberto si unisce al team di Noemi

    – Guarda la presentazione di Roberto Pignataro>>

    – Guarda l’esibizione You are so beautiful>>

     

    Quinto talento è Cristiano Turrini che viene da Roma, fa il doppiatore e insegna canto. Riuscirà a sfondare? Sul palco si esibisce in “Spiderman” canzone tratta dal celebre tema dei telefilm dell’Uomo-Ragno. Ma non riesce a convincere i coach

    – Guarda la presentazione di Cristiano Turrini >>

    – Guarda l’esibizione Spiderman>>

     

    Tocca adesso a Chiara Dello Iacovo, per la giovane cantante, che è anche scrittrice, la musica è una via di evasione. Sul palco di The Voice canta, accompagnandosi al pianoforte, “Le cose in comune” di Daniele Silvestri. A girarsi sono i Facchinetti, J-Ax e Noemi. Lo “Zio” le dice che se la sceglierà le farà fare la stessa cosa con i pezzi di Fedez e Club Dogo ma, dopo una sofferta decisione, la diciannovenne decide di entrare nel #TeamFach

    – Guarda la presentazione di Chiara Dello Iacovo >>

    – Guarda l’esibizione Le cose in comune>>

     

    E’ il momento di Luca Gagliano, ventisettenne della provincia di Pistoia che arriva da una famiglia di musicisti. Sul palco si esibisce in “Three Little Birds” di Bob Marley convincendo J-Ax, Pelù e i Facchinetti. Secondo Francesco Facchinetti Luca ricorda Jovanotti e intravede per lui un percorso di evoluzione, per Piero Pelù il cantante è riuscito a “fare suo” Marley e J-Ax fa di tutto per averlo in squadra ma la scelta ricade sul Toro Loco

    – Guarda la presentazione di Luca Gagliano>>

    – Guarda l’esibizione Three Little Birds>>

     

    Denise e i suoi accomopagnatori

    Denise e i suoi accomopagnatori

    Arriva sul palco Denise Cannas, trentenne triestina appassionata di musica celtica. Vestita con abiti ispirati a quella cultura Denise canta con delicatezza il classico inglese “Scarborough Fair” e riesce a far girare Noemi e Piero Pelù. Secondo Noemi è una delle cose più belle viste a The Voice ma l’entusiasmo arriva al massimo quando entrano in scena gli accompagnatori di Denise, tutti vestiti in abiti celtici come lei. Nonostante un accorato appello di Noemi, la triestina sceglie di entrare in squadra con Piero Pelù

    – Guarda la presentazione di Denise Cannas>>

    – Guarda l’esibizione Scarborough Fair>>

     

    Nona ad esibirsi è Lavinia Viscuso, cantante-rapper sardache canta con il ricordo del padre scomparso nel cuore. Sul palco di The Voice interpreta Bongo Bong del francese Manu Chao aggiungendo un pezzo rap scritto da lei in italiano e in inglese. Tutti i coach si girano, secondo J-Ax Lavinia è una diversamente rapper e questo convince la cantante che si affida proprio a lui

    – Guarda la presentazione di Lavinia Viscuso>>

    – Guarda l’esibizione Bongo Bong>>

     

    tvoi_coach

    I coach si consultano

    E’ il momento di Dario Giorgio giovane bergamasco che per vivere di musica ha accettato di lavorare in una sala Bingo. Interpreta Bette Davis Eyes ma l’emozione lo tradisce e i coach non si girano

    – Guarda la presentazione di Dario Giorgio>>

    – Guarda l’esibizione Bette Davis Eyes >>

     

    Tocca a Valerio Miglietta, primo “fratello d’arte” di The Voice. Il cantante, infatti è il fratello di Mietta ed è a The Voice per mostrare il suo talento. Sul palco si esibisce in Insieme a te sto bene di Lucio Battisti e convince Piero Pelù a girarsi. Appena sentito il cognome, il rocker fiorentino scopre la parentela e annuncia “una versione death metal di Trottolino Amoroso

    – Guarda la presentazione di Valerio Miglietta>>

    – Guarda l’esibizione Insieme a te sto bene >>

     

    Arriva il momento di Alessandra Chiodini, ventenne milanese che sogna di esibirsi sui più grandi palchi del mondo e di cominciare a costruire il suo sogno proprio da The Voice. La cantante si cimenta nel classico di Etta James Something’s got a Hold on me ma non riesce a convincere i coach nonostante un’esibizione energica

    – Guarda la presentazione di Alessandra Chiodini>>

    – Guarda l’esibizione Something’s got a Hold on me>>

     

    Tredicesimo talento in gara è Virginia Cristaldi, figlia d’arte, si esibisce con un quartetto Jazz insieme al padre. Sul palco di The Voice si presenta con la celeberrima “Hit the Road Jack” suonando lei il basso. Riesce a convincere Ax, Noemi e Pelù. Lo Zio la apostrofa “delicata come Jessica Rabbit”, Noemi le attribuisce una grande originalità ma la scelta ricade proprio su J-Ax

    – Guarda la presentazione di Virginia Cristaldi>>

    – Guarda l’esibizione Hit the Road Jack>>

     

    tvoi 11

    La band

    E’ il momento di Benny Pierri, seconda Blind Blind della serata. Il giovane è stato un bracciante agricolo ma ora vuole affermarsi con la sua voce. A The Voice interpreta Budapest, la canzone che ha lanciato George Ezra e convince Noemi

    – Guarda la presentazione di Benny Pierri>>

    – Guarda l’esibizione Budapest>>

     

    Arriva il turno di Sarah Jane Olog. La cantante lavora a Radio2 nello show di Max Giusti e viene da una famiglia di musicisti ma cerca a The Voice l’affermazione definitiva. Sul palco interpreta “When I was your Man” di Bruno Mars si girano Noemi e i Facchinetti ma è J-Ax il primo a riconoscerla avendo cantato con lei da poco. Noemi rivela, inoltre, che Sarah Jane è stata sua corista ed è fiera della sua esibizione, ma nonostante questo legame, la cantante sceglie i Facchinetti

    – Guarda la presentazione di Sarah Jane Olog>>

    – Guarda l’esibizione When I was your Man>>

     

    Penultimo talento di questa serata è Sofia Mancino che presenta una versione estremamente personale di “E la luna bussò” di Loredana Berté. La cantante di Piombino riesce a convincere in extremis i Facchinetti che ritengono la sua voce e il suo vibrato molto particolare

    – Guarda l’esibizione E la luna bussò>>

     

    Ultima audizione della terza Blind è Viola Laurenzi che si presenta con “Stay” di Rihanna. Viola è molto legata alla madre e vorrebbe dimostrare ai coach tutto il suo talento, oltre che dare ai genitori una grande gioia. A girarsi sono Noemi e J-Ax. La Rossa la trova classica e moderna al tempo stesso, anche lo Zio le riconosce un “doppio taglio” con un killer instinct nascosto dietro il volto angelico. La scelta di Viola va, però, su Noemi

    – Guarda la presentazione di Viola Laurenzi>>

    – Guarda l’esibizione Stay>>

     

    Appuntamento a mercoledì 18 alle 21:10 per continuare a scoprire come si comporranno le quattro squadre dei coach di The Voice of Italy nella quarta puntata delle Blind Auditions

  • Commenti

    Un commento

    WP_Modern_Notepad
    • marisa zenato scrive:

      Desideravo tanto di rivedere The Voice, insomma lo aspettavo con ansia perchè mi piace, ma sono rimasta delusa dal linguaggio volgare di Noemi (ero rimasta che non si potevano pronunciare parole tipo: MERDA, CAZZO, FIGA), che a mio avviso, manca di rispetto al pubblico.
      Ritengo difficile da ascoltare anche Francesco Facchinetti che continua a idolatrare il presente padre; insomma per me non è professionale e non gli fa onore.
      Beh volevo dirvi che Pelù e J-Ax per me sono dei validi coach e lo è anche Roby Facchinetti però senza il figlio.
      Saluti cordiali
      Marisa Zenato

    Scrivi un commento

    Nota: La moderazion e dei commenti è attiva. Questo potrebbe ritardare la pubblicazione del commento.