Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • 28/5/2013 ore 19:13

    Femminicidio. La rete contro

    Commenti 2

    blog-rai-no-violenza-sulle-donneAggreghiamo pensieri e costruiamo azioni positive. L’ennesimo delitto, commesso da un uomo contro una donna, (nel caso di Corigliano in Calabria vittima e carnefice erano fidanzatini adolescenti) ci pone dinanzi alla necessità di studiare, condividere e soprattutto avviare nuovi percorsi. Subito. Servono maggiore conoscenza, prevenzione e servizi. Sono fuorvianti e dannose le polemiche o peggio la superficialità. Intanto, finiamola d’interrogarci sul termine “femminicidio”.

    Sarà brutto, cacofonico – secondo alcuni – perfino inutile, perché esiste già la categoria dell’omicidio che lo comprende, ma porta con forza l’attenzione su un problema globale, ovvero che si ripete alle latitudini più diverse, definendolo per quello che è. Il femminicidio è la forma estrema di violenza sulla donna, già vittima di maltrattamenti e di stalking, compiuta per lo più nell’ambito di rapporti affettivi e familiari. Dunque un delitto odioso.

    E’ in questa sfera, infatti, che si sviluppano più di frequente le situazioni di abuso e di sopraffazione, con radici specifiche, ma sostanzialmente generali, perché denunciano immaturità soggettive e soprattutto connivenze familiari e sociali. Connivente è chi assiste passivamente a quanto accade. E senza cercare altri sinonimi, si arriva al suo contrario, che è l’estraneità alla situazione, nel pantano dei luoghi comuni, dove è più facile arrendersi all’ineluttabilità, che costruire un cambiamento possibile. Va sfatato anche il pregiudizio geografico e a seguire quello etnico ed economico-culturale. In Italia, ad esempio, nella tragica classifica dei femminicidi, domina il Nord, che supera del doppio il Sud, capace di resistere, grazie al suo tessuto socio-familiare, benché assediato dalla crisi e dunque dall’inevitabile declino. Né il profilo del carnefice esprime usi e religioni diverse o si ritaglia nella marginalità sociale: è un uomo italiano nella larghissima maggioranza dei casi, un uomo normale, adulto.

    Non giova  la polemica sul numero dei delitti, sostanzialmente costanti negli ultimi anni e comunque troppi, perché nella fisiologia del femminicidio sono solo la punta dell’iceberg. Le cifre si gonfiano se si aggiungono gli omicidi tentati e  quando si considerano le lesioni, diventano enormi.

    Che nel nostro paese, finalmente, l’attenzione dei media sul femminicidio sia aumentata è decisamente positivo. Potranno esserci imprecisioni, il focus della lente sul problema potrebbe perfino prestarsi al rischio di deformarlo,  ma peggio sarebbe  minimizzare. L’attenzione porterà altra attenzione, oltre la cronaca, ci si augura, soprattutto a vantaggio delle vittime.

    La Camera dei Deputati, proprio in questo clima, poche ore fa ha ratificato all’unanimità la Convenzione di Istanbul, sulla prevenzione e la lotta contro la violenza sulle donne, introducendo in particolare l’ambito della violenza domestica. L’informazione Rai sta facendo la sua parte con le dirette di RaiNews, i Tg, i giornali radio e le trasmissioni di approfondimento.

    RaiNet punterà sulla Rete, che come ci ricorda Michel Maffesoli è l’enorme contenitore del sentire e dunque del condividere e dell’emozionarsi.  Da subito, un progetto multimediale sul portale Rai.Tv per offrire, sul tema del femminicidio, tutti i contenuti Rai già prodotti e quelli in corso, ma con un obiettivo prossimo, da costruire. Vorremmo creare una sezione sul nostro sito, che aggreghi conoscenza e proposte e che offra  risposte, nello spirito di un progetto di servizio pubblico. Cercheremo le parole, per trovare i pensieri…e le alleanze.

    Carmen Lasorella  Presidente RaiNet

    Vai allo speciale Rai.tv contro la violenza sulle donne >>

    lunga-violenza-no-donne

    Contro la violenza sulle donne, ripercorrendo questo importante passaggio parlamentare, mercoledì 29 maggio Rai1 e Tg1 dedicheranno la  mattina al tema.

    Unomattina vedrà la presenza in studio alle 7.30 della Presidente della Camera Laura Boldrini e alle 8.45 della Presidente della Rai Anna Maria Tarantola.

    Guarda in streaming  “Unomattina”, Rai1, dalle 07:30 >>

    Tante le storie che si alterneranno nel corso della mattinata:  Luca e Chiara che sono i figli di Alice Acquarone, uccisa a Torino nel 2009, a 46 anni, dal compagno che voleva lasciare. Annarita e Simona sono le figlie di Maria Anastasi, uccisa e poi carbonizzata a Trapani dal marito geloso, lo scorso mese di luglio, quando era al nono mese di gravidanza. Rosella e Alessandro sono la mamma e il fratello di Tiziana Olivieri, l’operaia di 41 anni di Reggio Emilia uccisa nell’aprile del 2012 dal giovane convivente, Ivan Forte, scarcerato da poche settimane per decorrenza dei termini della custodia cautelare.

    Tra i servizi filmati un’intervista al Premio Nobel della Pace 2013, l’iraniana Shirin Ebadi; un’intervista al Ministro degli Interni Angelino Alfano e  vari contributi dagli Stati Uniti e dall’India.

    Nel corso della mattinata all’interno del contenitore si alterneranno l’avvocato Barbara Spinelli, consulente ONU sui temi del femminicidio e il Presidente del Tribunale dei Minori di Roma Melita Cavallo. Tra le ospiti l’avvocato Giulia Bongiorno, Ottavia Piccolo e Irene Pivetti.

    La mattina  di Rai1 sarà scandita da uno spot contro ogni tipo di violenza. I conduttori e  i giornalisti  indosseranno una spilla che ricorda l’impegno del servizio pubblico nella lotta alla violenza sulle donne. Inoltre nel corso della giornata tutti i TG e i Giornali Radio daranno ampio spazio all’iniziativa.

  • 28/5/2013 ore 18:17

    Ascolti Tv del 28 maggio 2013

    Commenti 0

    ascolti-ballaròAncora una grande serata all’insegna dei programmi Rai: il più visto nel prime time è stato su Rai3Ballarò” che ha ottenuto 4 milioni 229 mila spettatori e uno share del 16.22.

    Rivedi la copertina di Maurizio Crozza >>
    Rivedi la puntata integrale di Ballarò >>

    Ottimo risultato su Rai1 per “La partita del cuore” che ha realizzato 3 milioni 937 mila spettatori e uno share del 15.04.

    Rivedi “La partita del cuore” >>

    Su Rai2 doppio appuntamento con il telefilm “Squadra speciale cobra 11” che nel primo episodio ha segnato 2 milioni 103 mila spettatori e uno share del 7.25 e nel secondo 2 milioni 185 mila e l’8.00.

    Rivedi la partita il telefilm “Squadra speciale cobra 11” >>

    In seconda serata su Rai3 vince la fascia oraria “Report cult” con 1 milione 951 mila spettatori e uno share del 14.10.

    Rivedi “Report cult” >>

    Sempre ottimi ascolti per i canali digitali specializzati nella giornata di ieri: vince questa speciale classifica dei programmi più visti su Rai Yoyo alle 20.45 un episodio del cartone “Peppa pig” con 491 mila spettatori e uno share dell’1.83; al secondo posto su Rai 4 alle 21.13 il film “Highwaymen” con 471 mila e l’1.66; terza posizione su Rai Movie alle 21.10 per il film “Nuovo Cinema Paradiso” con 404 mila e l’1.79; su Rai Premium alle 21.10 la fiction “Io e mio figlio” con 313 mila e l’1.13; su Rai Sport 1 alle 21.09 il secondo tempo del basket  Varese-Siena  con 267 mila e lo 0.92; su Rai Gulp alle 19.30 un episodio della serie “Violetta” con 235 mila e l’1.14.

    Nettissima vittoria delle reti Rai in prima serata con 12 milioni 371 mila spettatori e uno share del 44.14; in seconda serata con 4 milioni 675 mila e il 38.98 e nell’intera giornata con 4 milioni 361 mila e il 41.45.

  • the-voice-ospiti-finaleGrande attesa per la finale di giovedì 30 maggio: alle 21.05 su Rai2 la puntata conclusiva di “The Voice of Italy.  Special guest della finalissima: PSY e i Modà.

    Per la  gioia delle migliaia di fan italiani, il rapper sudcoreano PSY si esibirà in una delle sue irresistibili performance sul “ring” di “The Voice of Italy“.

    Ospiti in studio saranno anche i Modà che presenteranno dal vivo alcuni brani.

    Veronica De Simone per il team di Raffaella Carràfinalisti

    Elhaida Dani per il team di Riccardo Cocciante

    Silvia Capasso per il team di Noemi

    Timothy Cavicchini per il team di Piero Pelù

    si sfideranno per la vittoria della prima edizione del programma. Secondo voi chi vincerà “The Voice of Italy”?

    I quattro finalisti saranno accompagnati rigorosamente dal vivo dai dodici musicisti e dalle performance del corpo di ballo di THE VOICE.

    Come si svolgerà la finale di “The Voice of Italy”?

    Al termine della prima esibizione e dopo lo stop al Televoto, per ciascuna delle quattro Voci verrà sommato il risultato numerico ottenuto a quello dei download effettuati del loro brano inedito disponibile su iTunes (n. 1 download = n. 2 voti), generando così una prima classifica.

    modàLe prime 3 Voci in graduatoria passeranno alla fase successiva. La competizione prosegue tra loro: saranno giudicati da una nuova sessione di Televoto.  L’esito di questa seconda sessione di Televoto, sommata ai risultati ottenuti nella prima votazione (televoto + download) , determinerà le 2 Voci finaliste.

    Il pubblico sarà chiamato ad esprimersi ancora una volta con il Televoto. L’esito di questa ulteriore ed ultima sessione di Televoto, sommata ai risultati ottenuti dai 2 finalisti nella prima e nella seconda votazione,  determinerà il vincitore di “The Voice of Italy”. In caso di ex-aequo, prevarrà la Voce che avrà ottenuto il miglior punteggio nel Televoto.

    In esclusiva entra nella web room di TVOI
    Commenta in diretta la finalissima di giovedì 30 maggio, dalle 21:00 – Registrati subito >>

    entra-nella-web-room-tvoi

    Dalla Web Room la V-Reporter  Carolina Di Domenico, risponderà insieme ai cantanti alle domande più interessanti del pubblico della rete interagendo con i fan sul sito ufficiale.

    www.thevoiceofitaly.rai.it
    e sulle piattaforme dei social network
    www.facebook.com/thevoiceufficiale
    twitter @thevoice_italy  #tvoi

  • Bersani a "Ballarò"Martedì 28 maggio a partire dalle 21:05 una nuova puntata di “Ballarò” che potrete come sempre guardare e commentare in diretta nella Social Tv.

    Questa sera, Giovanni Floris intervista Pierluigi Bersani. Nel corso della puntata ci saranno interventi sui risultati delle elezioni per il sindaco di Roma.
    L’Italia che attende dall’Europa la promozione dei propri conti pubblici scopre una volta di più che i cittadini abbandonano la politica: le amministrative, le mosse del Governo e i conti degli italiani, questi i temi in discussione.

    Tra gli ospiti, il sottosegretario al lavoro e politiche sociali Carlo Dell’Aringa, Mara Carfagna del PdL, Pippo Civati del PD, l’imprenditrice Antonella Nonino, la segretaria generale dello SPI-CGIL Carla Cantone, il direttore del Giornale Alessandro Sallusti, l’editorialista del Corriere della sera Pierluigi Battista, il presidente della Ipsos Nando Pagnoncelli.

    In apertura, come sempre, l’imperdibile copertina satirica di Maurizio Crozza.

    – Rivedi le copertine di Crozza >>

    Grazie alla Social Tv, durante la diretta potrai commentare in tempo reale la puntata con gli altri utenti, esprimere il tuo gradimento e conoscere quello della rete, usufruire di contenuti esclusivi correlati al programma, rispondere a domande e sondaggi in tempo reale su alcuni dei temi trattati, leggere e guardare approfondimenti correlati alla puntata e agli ospiti in studio, vedere le anteprime dei servizi della serata.

    Potrai inoltre scegliere se visualizzare all’interno della social Tv il player con la diretta televisiva, sia su web che su tablet Android e IOS, o se partecipare all’evento social in modalità second screen.

    Accedere alla Social Tv di Ballarò è semplice e completamente gratuito.

    Tutto ciò che serve è un account facebook, twitter o myRaitv.
    Puoi accedere alla Social Tv con le credenziali del tuo profilo FB o Twitter, ma è comunque necessaria la registrazione gratuita a myRai.tv.

    Durante la diretta del programma, sul sito di Ballarò o sul Portale multimediale Rai si potrà effettuare il check-in online e utilizzare l’applicazione Rai.tv Social direttamente sul web.

    In alternativa, se preferisci interagire tramite tablet, potrai scaricare l’applicazione Rai.tv disponibile su iOS e Android e collegarti alla sezione “Social Tv”.

    Inoltre, la Social Tv è disponibile anche su smartphone iOS, sempre all’interno dell’app Rai.tv

    Scarica l’applicazione Rai.tv e fai check-in:

    – Applicazione Rai.tv su tablet e smartphone iOs
    – Applicazione Raitv su tablet Android

    NB: Per visualizzare l’evento, clicca su MENU e scegli la voce EVENTI SOCIAL TV all’interno dell’app Rai.tv

    Partecipa dalle 21.05!

    – Entra nella Social Tv >>

    – Vai al sito di “Ballarò” >>

    – Rivedi le puntate del programma >>

  • 28/5/2013 ore 10:00

    Addio “Cuore matto” Little Tony

    Commenti 0

    littleAddio a Little Tony, Elvis all’italiana, Il ‘Cuore matto‘ ha smesso di battere ieri sera, a 72 anni. Nato a Tivoli il 9 febbraio del 1941 è stato uno dei più famosi artisti della musica leggera del nostro Paese.

    Interpretò in chiave italiana il rock and roll tanto da conquistarsi l’appellativo di “Elvis Presley italiano“. Una passione che è durata tutta la vita: quella per il Rock’n’roll.

    Addio a Little Tony – Rai News >>

    Antonio Ciacci, nome d’arte Little Tony, è ricordato per successi come “Cuore matto” e “24mila baci”, cantata in con Celentano e arrivata seconda al Festival di Sanremo del 1961. Il vero trionfo per l’Elvis italiano arriva nel 1966 quando porta al Cantagiro “Riderà”. La canzone non vincerà la manifestazione, ma venderà oltre un milione di copie. Altro grande successo nel 1970 è “La spada nel cuore”.

    Little Tony si avvicina giovanissimo alla musica, una passione di famiglia. Nel 1958, durante uno spettacolo allo Smeraldo di Milano, viene notato da un impresario inglese, Jack Good, che lo convince a partire con i suoi fratelli per l’Inghilterra, dove nascono “Little Tony and his brothers“.

    Tra le ultime apparizioni televisive, quella dello scorso 9 marzo 2013 a I Migliori anni” dove canta i suoi successi “Riderà” e “Cuore matto” >>

    Guarda la Fotogallery Addio “cuore matto” >>

    Little Tony ha avuto un percorso artistico unico per l’Italia, perché come little for postabbiamo ricordato, sul finire degli anni ’50, ha iniziato ad avere successo in Inghilterra. “Nessuno si prende la briga di ricordare la mia storia e pensare alle difficoltà che ho superato”,  ricordò in occasione del suo 70esimo compleanno. “A 16 anni sono andato a Londra senza una lira e senza sapere una parola di inglese a misurarmi con gente come Cliff Richard. Prendevo il treno a carbone e andavo a Manchester da dove little-tony-ricordoandava in onda il programma ‘Boys Meet Girls’ che ha fatto la storia del rock in tv. L’anno dopo il programma si intitolava ‘Wham!’, è da qui che George Michael ha preso il nome della sua prima band, e io ero ospite fisso. Uno degli autori di Elvis scrisse per me ‘Too Good’, che arrivò nella top 20 inglese nel 1959. Tornai in Italia senza una lira, con i jeans, il giubbotto di pelle da Teddy Boys alla Marlon Brando, gli occhiali da sole e volevo solo cantare in inglese. A Milano avevamo firmato un contratto con la Durium: avevamo fame, dormivamo in una pensione da 300 lire a notte e mangiavamo in un’osteria a 150 lire. Mi dissero che se volevo cantare in inglese avrebbero stracciato il contratto. Quelli della band mi convinsero ad accettare di cantare in italiano”.

    Rai.tv  ricorda l’ “Elvis Presley italiano” con i video delle sue ultime apparizioni Tv:
    Little Tony – Quando vedrai la mia ragazza – I migliori anni 2011 >>
    Little Tony: Bada Bambina – I Migliori Anni >>
    Little Tony 7 febbraio 2011 ospite al Tg1 >>