Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • 22/10/2012 ore 10:20

    Decanter live dal Salone del Gusto

    Commenti 0

    Salone del gusto e Terra madre 2012Fede e Tinto, gli speaker eno-gastronomici di Radio2, saranno a Torino, dal 25 al 29 ottobre, per raccontarci in diretta uno degli eventi più attesi da tutti gli appassionati dello Slow Food: il Salone del Gusto e Terra Madre.

    Ascolta live da lunedì 22 a domenica 28 ottobre, alle 19.50 >>

    Per la prima volta, nell’edizione 2012, Salone del Gusto e Terra Madre si fondono e danno vita a un evento unico, che racconta la straordinaria diversità del cibo di ogni continente, superando la divisione fra Nord e Sud del mondo e dando pari dignità a tutti i piccoli produttori che si ispirano al principio di un “cibo buono, pulito e giusto”.

    Il Salone del Gusto porta in eredità il successo consolidato nelle passate otto edizioni e un patrimonio di produttori eccellenti, cuochi, Laboratori del Gusto, Presìdi, istituzioni. Dal canto suo, Terra Madre rappresenta la rete mondiale di comunità del cibo con accademici, cuochi, giovani provenienti da 150 Paesi nel mondo. L’obiettivo è di creare il più importante appuntamento mondiale dedicato al cibo.

    Salone del gusto e Terra MadreDall’Europa all’Africa, dall’Australia alla Cina, tutto il mondo enogastronomico che si ritrova a Torino verrà trasmesso “on air” da Decanter, la celebre trasmissione di Radio2 dedicata al mondo dell’enogastronomia.

    Decanter sarà il naso e la papilla degli ascoltatori che da casa scopriranno il formaggio di yak fatto dai monaci tibetani o la bottarga delle donne Imraguen, in Mauritania; il cuscus algerino e siciliano a confronto; le spezie indiane; la forza della poco conosciuta gastronomia albanese e i suoi elementi di novità; la versatilità della manioca nelle ricette tradizionali latinoamericane; la storia dei vini naturali della Grecia e dei Balcani, e tanti altri contributi dall’Italia e dall’estero.

    Decanter ci racconterà ogni giorno come si può cambiare il nostro mondo in crisi a partire dal cibo e cosa di buono possiamo fare per la nostra salute, l’ambiente e il sistema produttivo senza rinunciare al piacere del cibo e alla convivialità. Per questo è stato scelto come slogan di quest’anno “Cibi che cambiano il mondo”, un invito a riflettere sul fatto che ogni scelta d’acquisto fatta in casa nostra può avere conseguenze importanti per il nostro pianeta.

    Tra biodiversità, comunità del cibo e sapori del mondo, i conduttori Federico Quaranta e l’inutile Tinto (Nicola Prudente), in diretta dal Lingotto di Torino, “decanteranno” tutto quello che gira intorno al Salone del Gusto. Daranno voce a un’agricoltura più rispettosa del pianeta, a un mercato diverso da quello dei supermercati. Inviteranno gli ascoltatori ed i personaggi presenti all’evento a raccontare le sensazioni e le esperienze di vita che l’assaggio di un determinato cibo suscita in loro. Come al solito in compagnia di produttori, chef, vigneron, birrai ed esperti che guidano la degustazione.

    Perché se la globalizzazione è buona, “Decanter” assaggia!

    Vai al sito di Decanter >>

    Le ricette Slow Food di Fede e Tinto>>

  • 22/10/2012 ore 0:00

    Obama vs Romney su Rainews24

    Commenti 0

    Lunedì 22 settembre terzo incontro tra Obama e Romney; è l´ultimo atto prima del voto del 6 novembre. Nel frattempo si svolge una campagna parallela: quella per il voto anticipato. Negli Stati Uniti è infatti possibile votare per posta prima dell’election day, e i coniugi Obama si stanno facendo promotori dell’early voting presso gli elettori. Negli ultimi giorni la first lady Michelle Obama ha già fatto sapere via Twitter di aver espresso il proprio voto; il marito lo farà il prossimo 25 ottobre.

    Grandi personaggi pubblici entrano in scena con le loro scelte influenzando l’andamento ondivago dei sondaggi. Ultimo, il sindaco di New York, Michael Bloomberg, che scende in campo per finanziare chi dei candidati sosterrà le sue campagne: matrimoni gay, riduzione delle armi e ristrutturazione del sistema scolastico. Un Super Pac da 15 milioni di dollari è stata infatti offerta ‘bipartisan’ a chi, senza scelta di colore politico, porterà avanti il suo programma. Il giorno prima davanti ad almeno tremila persone, il rocker Bruce Springsteen e l’ex presidente Bill Clinton hanno messo su un show a favore della campagna per la rielezione di Barack Obama, a Parma, in Ohio, uno degli stati chiave per la sfida presidenziale.

    >>Bruce Springsteen in concerto per Obama. Guarda il video

    Dal secondo dibattito – molto seguito in tv e sui social network – il Presidente sembra aver recuperato lo svantaggio accumulato dopo il deludente incontro della settimana precedente, dove lo sfidante Romney aveva raccolto un buon successo. Gli ultimi sondaggi danno il candidato repubblicano in leggero vantaggio a livello nazionale e vedono Obama in crescita negli stati incerti.

    In questi giorni dopo le provocazioni e gli scontri Romney e Obama si sono sfidati a colpi di humour. Entrambi hanno partecipato alla cena di beneficenza della Smith Memorial Foundation a New York, dove hanno tenuto un breve discorso umoristico.

    >>Obama e Romney scherzano. Guarda il video

    Il secondo dibattito in clip:
    >> Romney attacca Obama sulla Libia, ma il colpo non va a segno. Guarda il video
    >> L’appello finale di Mitt Romney.  Guarda il video
    “Il mio cuore è per il 100% degli americani, voglio l’istruzione per tutti e anche una sanità per tutti” ha dichiarato Romney durante l’ultimo appello.
    >> L’appello finale di Barack Obama. Guarda il video

    “Romney è un brav’uomo, ma crede che il 47% del Paese si consideri una vittima”, l’ultimo attacco di Obama.
    >> Le signore in fucsia (Michelle Obama e Ann Romney). Guarda la photogallery

    Su Rainews puoi vedere e leggere tutti gli aggiornamenti delle elezioni di USA 2012:

    >>Speciale Usa 2012 di Rainews24. Tutti gli articoli

    >>Segui la diretta di Rainews24

  • 21/10/2012 ore 8:00

    Pappano e Brunello a La Musica di Raitre

    Commenti 0

    Pappano e Brunello a La Musica di Raitre Giovedì 25 ottobre alle ore 01.40 su Rai3, il Concerto in si minore per violoncello e orchestra op. 104 di Antonin Dvořák eseguito da Mario Brunello e dall’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia diretta dal Maestro Antonio Pappano.

     
    – Guarda il concerto in diretta streaming sul web >>

     

    Il famoso Concerto per violoncello di Dvořák fu scritto tra il dicembre 1894 e il febbraio 1895, nel corso del soggiorno americano del compositore boemo, durante il quale nacquero i suoi più noti capolavori, , ed eseguito la prima volta a Londra il 19 marzo 1896 con lo stesso Dvořák sul podio. A New York, tra i colleghi del Conservatorio, Dvořák conobbe Victor Herbert, compositore, direttore d’orchestra e violoncellista, e nel 1894 assistette alla première del suo Secondo Concerto per violoncello, rimanendone così impressionato da decidere di scriverne anch’egli uno, superando la convinzione che questo strumento producesse “un suono nasale nelle note acute e un brontolio in quelle basse”, che l’aveva convinto a mettere da parte un Concerto per violoncello iniziato all’età di ventiquattro anni.

     

    Il concerto vede l’incontro inedito di due grandi artisti.

    Pappano e Brunello a La Musica di Raitre E’ infatti la prima volta che Sir Antonio Pappano, direttore d’orchestra anglo-italiano di fama internazionale, classe 1959, nominato baronetto dalla Regina d’Inghilterra, dirige insieme all’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, una delle poche formazioni italiane in grado di competere alla pari con le più importanti compagini internazionali, il grande violoncellista.

    Nato a Castelfranco Veneto nel 1960, Mario Brunello è un artista eclettico, in grado di spaziare con disinvoltura tra epoche e generi musicali differenti, ma anche di concepire progetti che coinvolgono campi e approcci artistici diversi.
    Mario Brunello suona il prezioso violoncello Maggini dei primi del Seicento, appartenuto a Franco Rossi, dalla incredibile bellezza timbrica.

     

    Nel Concerto per violoncello, racconta Pappano, “di una grandezza, di una tenerezza e di una drammaticità che ogni volta trascinano il pubblico“, il dialogo tra l’orchestra e il solista è quasi sinfonico, e sono poche le volte in cui l’orchestra semplicemente accompagna.

    – Guarda l’intervista ad Antonio Pappano >>

    Per Brunello, il Concerto di Dvořák “è forse una delle ragioni per la quale molti ragazzi si mettono a suonare il violoncello, è quasi come una calamita” e rappresenta l’obiettivo da raggiungere nella carriera di ogni violoncellista, “come riuscire a fare la maratona di New York“.

    –  Guarda l’intervista a Mario Brunello >>

     

    La regia è di Andrea Dorigo.

     
    – Vai al sito de La Musica di Raitre >>

    – Rivedi le puntate de La Musica di Raitre >>

  • 20/10/2012 ore 14:00

    Tv-movie: “Il paese delle piccole piogge”

    Commenti 0

    Arriva in prima serata su Rai1 martedì 23 ottobre, 21:10Il Paese delle piccole piogge”, film diretto da Sergio Martino, con protagonisti Margareth Madè e Giorgio Lupano.

    Il tv-movie “Il paese delle piccole piogge” è un melò esotico con sfumature thriller che racconta la storia di Anna, interpetata da Margareth Madè, una donna costretta a fuggire in Kenya perché inseguita dalla mafia. In Africa, Anna incontrerà l’amore, capirà qual è il suo posto nel mondo e ritroverà se stessa.

    Dopo aver scoperto di aver sposato un mafioso, Anna perde il figlio che porta in grembo. Suo marito, Pasquale, le promette una nuova vita, ma prima lui deve tagliare i ponti con cosa nostra.

    E’ una pura illusione. Pasquale viene ammazzato e Anna è costretta a scappare, inseguita da un killer convinto che la donna custodisca i codici dei conti correnti della cosca mafiosa.

    Anna fugge lontano da Palermo e si rifugia a Malindi, in Kenya. Anche qui continua a essere braccata. Dopo aver conosciuto un bambino africano, Bodo, Max Tardioli, solo come lei, decide di seguirlo nella missione in cui vive, nel cuore della savana africana.

    – Guarda la fotogallery degli scatti di scena >>

    Da semplice volontaria, giorno dopo giorno, Anna sa guadagnarsi il rispetto della gente che si dedica a curare le piaghe di un paese ferito. Qui incontra Mandher, Giorgio Lupano, un medico il cui spirito di abnegazione è assoluto.

    Un uomo che lotta strenuamente contro i mali di un continente spesso dimenticato. Anna e Mandher si piacciono. A coadiuvare il dottor Mandher c’è anche Victoria, Elisabetta Pellini, l’ex compagna di Mandher che però ancora  si ostina a non considerarsi tale. Tra i tre gli attriti e le schermaglie certo non mancano.

    Senza contare che i conti da chiudere con il proprio opprimente passato raggiungono tragicamente Anna anche in quel lontano angolo di mondo.

    Nulla sarà più come prima. Per nessuno di loro.

    L’Africa per Anna rappresenta una seconda occasione, una nuova vita, un nuovo amore ma soprattutto l’unica e inaspettata via per ritrovare se stessa.

    Guarda in streaming, “Il paese delle piccole piogge”, Rai1, 23 ottobre, 21.10>>

    Guarda il sito “Il paese delle piccole piogge”>>

  • Sarà Walter Bonatti, leggenda dell’alpinismo italiano e mondiale, il protagonista della puntata di ‘Sfide’, il programma condotto da Alex Zanardi in onda lunedì 22 ottobre alle 22.40 su Rai3.

    Un uomo che con forza e determinazione ha vinto tante sfide durante la sua carriera diventando un modello da seguire per generazioni di alpinisti e sognatori.

    Attraverso interviste esclusive alle persone che l’hanno conosciuto più da vicino come la compagna Rossana Podestà, il giornalista Michele Serra, l’alpinista Reinhold Messner e gli scalatori che con lui hanno condiviso la passione per la montagna, saranno ripercorse le imprese più eclatanti di un uomo che amava sfidare l’impossibile spinto dal continuo bisogno di mettersi alla prova e di migliorarsi.

    Segui ‘Sfide’ su Twitter >>
    Segui ‘Sfide’ su Facebook>>

    Grazie ad alcuni filmati inediti sarà raccontata la storia di questo grande sportivo a cominciare da quando indispettì i francesi arrivando per primo in cima al Monte Bianco, una vetta che nessuno prima di allora aveva osato scalare; o quando giocò a dadi con la sorte lanciandosi nel vuoto tenuto solo da una corda di fortuna, o di quella volta in cui sul Monte Bianco una terribile tormenta si portò via quattro amici di cordata mentre due furono tratti in salvo proprio da Bonatti.

    Guarda un’intervista di Bonatti del 1965 >>

    Ma il nome di Walter Bonatti si lega anche ad un’altra vicenda tanto epica quanto dolorosa, la conquista italiana del K2, che per più di cinquant’anni è stata al centro di tante discussioni e polemiche: sarà ridato a Bonatti il ruolo fondamentale che ebbe nella storica spedizione capitanata da Ardito Desio che portò sulla vetta più alta del mondo Achille Compagnoni e Lino Lacedelli che non esitarono incolpare il giovane Bonatti che, nel 1954 a soli 24 anni, venne accusato di aver sottratto loro l’ossigeno per arrivare prima in cima. Una versione infondata come dimostrarono i processi e la confessione dello stesso Lacedelli prima di morire.

    Ripercorrere la vita di Bonatti regala le stesse emozioni di un romanzo d’avventura in cui l’eroismo si confronta con l’invidia, il successo con la tragedia, la vita con la morte.

    Una storia, la sua, che è importante non dimenticare, perché Bonatti è uno degli ultimi eroi del nostro tempo, anche se lui si considerava solo un “figlio del Po che da bambino sognava le terre lontane di Jack London ed Ernest Hemingway”.

    Rivedi le puntate di ‘Sfide’ >>

    Rivedi la punatata speciale di ‘Che tempo che fa’, dedicata a Walter Bonatti >>