Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

  • 15/6/2012 ore 8:00

    In buona salute con Luciano Onder

    Commenti 1

    In buona salute - Luciano OnderLuciano Onder conduce da sabato 16 giugno alle 18.00 su Rai 2 “In buona salute”.

    Il programma, dedicato alla medicina, intende informare ed essere utile per la prevenzione e la cura delle malattie. Una trasmissione di servizio per il cittadino che desidera condurre una vita sana e mantenersi in buona salute.

    In ogni puntata Luciano Onder propone servizi filmati ed intervista tre importanti professori di medicina. Ospite in studio anche una classe di studenti.

    “L’informazione medico-scientifica”, spiega Luciano Onder, “è un settore vero e proprio della medicina, perché anche da lei dipendono lo stile di vita, i comportamenti di ciascuno di noi, spesso anche la prevenzione e il modo di curare. È per questo che la nuova rubrica vuol essere semplice, rigorosa e contribuire a fare buona medicina, utile al cittadino per far “guadagnare salute” a chi la segue”.

    L’appuntamento, al via sabato 16 giugno alle ore 18:00, è settimanale ed andrà avanti fino a sabato 1° settembre. Sono previste nove puntate della durata di 30 minuti ciascuna (durante le Olimpiadi, cioè il 28 luglio, il 4 e 11 agosto la trasmissione non andrà in onda.)

    Primo argomento del programma è il sole, che, se preso in modo sbagliato, può essere causa del melanoma. Ma non solo: si discute di lampade solari, di check-up e donazioni del sangue.
    Ospiti: l’oncologo Enrico Cortesi, l’ematologo Franco Mandelli e il farmacologo Silvio Garattini.
    Il pubblico è rappresentato dagli studenti che stanno preparando l’esame di ammissione alla Facoltà di medicina.

    Vai al sito >>

    Guarda il promo >>

  • Commenti

    Un commento

    WP_Modern_Notepad
    • Claudia scrive:

      Trovo vergognoso che nel parlare di donazione di sangue non venga menzionata la malattia che maggiormente necessita di questa donazione: la B talassemia!
      Se il Sud dell’Italia si trova spesso a dover fronteggiare grosse carenze di sangue è dovuto anche all’incompetenza in materia dei medici che intervengono in merito all’argomento.

    Scrivi un commento

    Nota: La moderazion e dei commenti è attiva. Questo potrebbe ritardare la pubblicazione del commento.