Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • 26/6/2012 ore 11:45

    DOC 3 ci porta ai confini del regime siriano

    Commenti 0

    Mercoledì 27 giugno, 23.20, Rai3. DOC 3 trasmettere uno straordinario documento esclusivo: “Siria, ai confine del regime” è il primo documentario sul massacro in Siria, ricostruito attraverso le immagine rubate dai ribelli e dai soldati disertori del regime. Vedremo così cosa vogliono dire la repressione, la tortura e il coraggio di chi dice basta alla dittatura.

    – Guarda l’anteprima esclusiva per il web >>

     

    Cosa sarà della Siria, non è facile prevederlo. Molti sperano che la famiglia Assad passi la mano democraticamente dopo 40 anni di dittatura , ma tanti temono che trascinerà tutti nel baratro prima di scomparire. La maggioranza si augura che la rivolta del popolo continui ad essere non violenta e in mano ai giovani come simbolo di speranza, ma già ora al sangue del regime si risponde con le stesse armi. Alcuni auspicano un intervento risolutore esterno, ma tanti lo temono perché foriero di una possibile guerra civile.

    Siria, ai confini del regime (Isqat Al Nizam) è un racconto oggettivo, crudo e toccante, che vuole fare chiarezza sulla nascita della primavera siriana: dalle prime violente repressioni del regime, al doloroso esodo degli oltre 20.000 rifugiati in Turchia; dall’incessante lavoro degli attivisti in rete, alla continua diserzione dei militari ex governativi. Una raccolta di testimonianze inedite e immagini spesso rubate con telefonini o piccole telecamere, rischiando la vita e che rendono questo film un documento unico.

     

    Guarda anche:

    – La primavera siriana dal web (Rai News) >>

    – Siria-Turchia, venti di guerra (Tg1) >>

    – Siria, ribelli pronti ad attaccare (Tg1) >>

  • 26/6/2012 ore 9:15

    Ritorna “Passaggio a Nord Ovest”

    Commenti 0

    Ritorna da martedì 26 giugno, alle 23:15 su Rai1, la 13˚ edizione di Passaggio a Nord Ovest, il programma scritto e condotto da Alberto Angela.

    L’edizione estiva del programma farà uno straordinario viaggio intorno al pianeta in cui viviamo, visitando ogni habitat naturale, dai deserti alle giungle, dal circolo polare alle grandi pianure.

    Incontrerà, grazie all’eccezionale serie della BBC, Human Planet, girata per tre anni nei luoghi più remoti della Terra, uomini e animali che si sono adattati a vivere negli ambienti più ostili.

    Scopriremo che tra tutti gli esseri viventi una sola creatura, l’essere umano, è riuscito  a ritagliarsi una nicchia di sopravvivenza  sapendo approfittare  delle scarse risorse e adattandosi a ogni clima.

    Nella prima puntata  inizieremo a guardare questo mutuo scambio tra uomo e natura dalle città. Oggi tre miliardi di persone vivono  in grandi metropoli che sembrano non tener conto della natura.  Ma uomini e animali non hanno smesso di fronteggiarsi o di cooperare.  Andremo tra i grattacieli di Dubai dove la piaga dei piccioni viene sconfitta da un uomo che svolge un mestiere antichissimo, il falconiere. E nelle città indiane dove per i macachi, la vita nella giungla urbana è persino più facile che in natura.

    Percorreremo i Deserti più aridi del pianeta.  In un deserto la differenza tra la vita e la morte dipende solo dalla capacità di riuscire a trovare l’acqua. E per riuscirci bisogna avere un’eccezionale senso dell’orientamento, che può avere solo chi è nato ed è cresciuto nelle sue sconfinate distese aride. Come le popolazioni  che vivono nel  Teneré.

    C’è una grande dimensione del pianeta che è ancora in gran parte poco conosciuta. Sono gli Oceani. Conosciamo poco e male i loro fondali, la vita che li popola, le correnti che li attraversano.  Ma è un habitat ricchissimo di vita. Sono tante le popolazioni che devono la loro sopravvivenza unicamente a quella immensa distesa d’acqua che hanno di fronte ed ogni volta hanno dovuto escogitare strategie e tecniche speciali. E non solo per sopravvivere, scopriremo alle Hawai i segreti del surf.

    L’acqua è sempre stata una compagna fondamentale della storia dell’uomo. Tappa quotidiana dei gruppi di cacciatori preistorici erano le sorgenti, i torrenti o i fiumi, per abbeverarsi. Più tardi i fiumi sono stati le “autostrade” con le quali i primi agricoltori del neolitico si sono diffusi in Europa. E poi tutte le grandi civiltà sono sempre nate lungo i fiumi. Il Nilo per gli Egizi, il Tigri e l’Eufrate per i Sumeri o i Babilonesi, il Tevere per i Romani. E ancora oggi i fiumi continuano ad essere delle arterie che attraversano non solo tante grandi capitali del mondo, ma anche centri minori, a volte minuscoli, lungo i quali si possono incontrare culture e tradizioni poco conosciute. Scenderemo il fiume ghiacciato dello Zanskar, fino al delta pescoso del Mekong.

    Leggi tutto…

  • 25/6/2012 ore 14:00

    Correva l’anno e gli Annali del XX secolo

    Commenti 0

    Martedì 26 giugno, 24.00, Rai3. Torna in onda Correva l’anno con nuove puntate. Sette appuntamenti che si propongono di raccontare il XX secolo mettendo a fuoco un anno per ogni decade, partendo dal 1911 e finendo con il 1986.

    Un anno alla volta, dunque, analizzato in tutti i suoi molteplici aspetti. La politica italiana è sempre in primo piano, ma si guarda al mondo intero ed ampio spazio occupano spaccati sulla società e sulla cultura ed incursioni sulla cronaca nera e, perché no, su quella rosa.

    – Le anticipazioni sulla nuova stagione >>

     

    La prima puntata ruota intorno all’anno 1911. Un anno davvero speciale per l’Italia, una ricorrenza importante: è infatti passato mezzo secolo da quel fatidico 1861 nel quale venne proclamata l’unità.

    Il 1911 è l’anno in cui l’Italia parte alla conquista della Libia. “Una fatalità storica” la definisce il presidente del Consiglio Giovanni Giolitti, convinto che sia ormai tempo di affermare il prestigio del Paese nel Mediterraneo. Ma non tutti sono d’accordo: a Forlì, alla testa delle manifestazioni pacifiste e antimperialiste, marcia il figlio di un fabbro: si chiama Benito Mussolini, ha 27 anni, presto si imporrà alla storia.

     

    Guarda anche:

    – 100 anni del Vittoriano (Tg1) >>

    – Speciale “Il Vittoriano” (Italia Magazine) >>

    – Il segreto di Mussolini (Gli archivi della storia) >>

  • 25/6/2012 ore 0:00

    CaterRaduno a Senigallia dal 25 giugno

    Commenti 0

    Nel mese di giugno appuntamento consolidato con il CaterRaduno, la manifestazione attesissima da tutti i fan della trasmissione culto di Radio 2, “Caterpillar”. Informazione, battaglie civili e graffiante umorismo per una settimana di concerti, spettacoli e divertimento.
    Un “matrimonio”, tra Senigallia e la trasmissione di Massimo Cirri e Filippo Solibello, che dura con successo da diverse edizioni.

    Il CaterRaduno, felice mix di concerti, spettacoli e trasmissioni in diretta dalla Rotonda a Mare e dalla spiaggia di velluto, richiama un popolo di appassionati provenienti da tutta Italia che vuole godere del divertimento dispensato a piene mani dalla vena brillante dei due storici conduttori.

    Le dirette saranno al mattino alle 11:00 dalla Rotonda a mare e alle 18:00 dalla spiaggia libera Ponte rosso sul lungomare Alighieri e in occasione dei concerti. Tra le iniziative: il 26 giugno grande cena contro gli sprechi organizzata da “Last minute market” in collaborazione con la coop. “La terra e il cielo”; il 27 giugno appuntamento con Lella Costa e il suo “Libri dei libri”, un luogo dove far incontrare i nostri personaggi lettarari preferiti con le loro frasi fulminanti, le ambientazioni esotiche e mischiarle a nostro piacimento…

    Ecco il programma dei concerti da non perdere e in onda su Radio2:
    il 28 Nina Zilli alle 23:00; il 29 Samuele Bersani alle 22:00, a mezzanotte in diretta da Piazza del Duca Musica Nuda; il 30 Subsonica alle 22:00.

    – Guarda il programma nel dettaglio >>

    – Vai al blog di Caterpillar: leggi le news, scarica i podcast >>

    – Segui la diretta alle 11:00 e alle 18:00 dal 25 al 29 giugno >>
    – Segui il concerto di Nina Zilli dalle 23:00 del 28 giugno >>
    – Segui il concerto di Samuele Bersani dalle 22:00 del 29 giugno >>
    – Segui il concerto dei Subsonica dalle 22:00 del 30 giugno >>

  • 24/6/2012 ore 6:00

    Concerto per l’Emilia

    Commenti 0

    Guarda in streaming il Concerto per l’Emilia, Rai1, 25 giugno alle 21.20 >>

    Dalle 19.00 a mezzanotte, in diretta live sul canale Roxy Bar Tv della piattaforma televisiva di Streamit, il BACKSTAGE del concerto di beneficenza per l’Emilia

    Il 25 giugno allo stadio dall’Ara di Bologna molti artisti emiliano-romagnoli, entreranno in campo per la solidarietà alle popolazioni terremotate portando con le loro canzoni un messaggio di speranza e un contributo concreto per la ricrescita e il ritorno alla normalità delle zone colpite, e con loro la Regione Emilia-Romagna, promotore dell’evento, il comune di Bologna, Rai, agenzie, enti e radio.

    L’iniziativa è partita da Beppe Carletti, tastierista e anima dei Nomadi, il gruppo musicale nato nel Reggiano negli Anni 60. Un concerto a favore dei terremotati dell’Emilia Romagna. Piano piano quell’idea ha preso corpo e sostanza fino a diventare «Concerto per l’Emilia», ripreso in prima serata da Raiuno con la conduzione di Fabrizio Frizzi.

    «Ho cominciato a chiamare i miei colleghi» dice Carletti. «Ho sparso la voce, tanti altri mi hanno telefonato, è stato un coro di sì». «Voglio esserci anch’io!» hanno detto in tantissimi.

    Il Concerto per l’Emilia vedrà dunque la partecipazione di Francesco Guccini, Ligabue, Laura Pausini, Zucchero, i Nomadi, Cesare Cremonini, Gianni Morandi, Caterina Caselli, Nek, gli Stadio, Paolo Belli, Samuele Bersani, Luca Carboni, Andrea Mingardi, i Modena City Ramblers, Andrea Griminelli che si alterneranno con inedite esibizioni dal vivo sul palco dello Stadio Dall’Ara.

    A rappresentare il popolo emiliano, inoltre, non mancherà Raffaella Carrà, una delle artiste più note e importanti del panorama televisivo italiano.

    Grande assente il modenese Vasco Rossi, che sulla sua pagina di Facebook ha scritto: «Non parteciperò a nessun concerto di beneficenza, non amo quel modo di farla, poco costoso e poco faticoso». Ma è sicuro che, seppure in silenzio come ha sempre fatto, il Blasco avrà dato il suo aiuto.

    Il costo del biglietto per il concerto è di 30 euro e si può acquistare attraverso i consueti circui­ti (Ticketone, Booking Show e Charta Viva Ticket) e in molti uffici postali. Il primo lo ha acquistato Vasco Errani, il presidente della Regione. «L’obiettivo» continua Carletti «è raccogliere almeno 800.000 euro». «E anche i soldi dei diritti Siae» aggiunge Samuele Bersani «andranno tutti ai terremotati». E ci sarà un concerto bis il 15 settembre al Campovolo di Reggio Emilia, magari aperto anche agli artisti «non emiliani».

    La regia è di Sergio Colabona, la scenografia di Marco Calzavara.

    Vai al sito >>