Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • Storie di vite spezzate e vite cambiate: è questa l’idea de ”La vita che corre”, miniserie diretta da Fabrizio Costa con Flavio Parenti, Enzo Decaro, Massimo Wertmuller, Franco Castellano e la partecipazione straordinaria di Barbara De Rossi, in onda su Rai1 in prima serata lunedì 30 e martedì 31 gennaio.

    Sabato notte. I lampeggianti dei mezzi di soccorso illuminano la carreggiata. Sono intervenuti per l’ennesimo scempio del dopo discoteca. L’ispettore Bruni (Massimo Wertmuller)della Polizia Stradale, ancora una volta, si ritrova davanti a uno spettacolo drammatico: un furgone, una moto e un’auto ribaltati sull’asfalto e un gruppo di giovani vite travolte. Alcune spezzate. Altre in bilico.

    Valentina (Valentina Imperatori), Anna (Lorena Cacciatore) e Claudia (Desiree Noferini) erano in macchina e stavano tornando a casa dopo aver trascorso una serata di eccessi in discoteca. Lì avevano conosciuto i due fratelli Renzi: Luca (Flavio Parenti), il maggiore, medico dalla carriera in ascesa e Andrea (Alessandro Sanguigni), il minore, inquieto e ribelle. Insieme si erano divertiti e alzato toppo il gomito. A tarda notte si mettono tutti in strada per fare rientro.

    Andrea e Luca, in sella ad una moto, seguono a poca distanza l’auto delle nuove amiche. Sulla carreggiata opposta nel furgone della ditta per cui lavora c’e’ Giuseppe Lampronti (Enrico Ianniello), un autotrasportatore in procinto di terminare la sua notte di straordinari. E’ stanco. Tutto però appare tranquillo.

    Poi una curva e un secondo più tardi il destino tragicamente cambia. Il furgone, l’auto e la moto si trasformano in un groviglio di lamiere. L’impatto è violentissimo. Andrea muore sul colpo, Claudia finisce in coma. Dopo qualche giorno muore anche lei. Valentina rimane ferita al volto. Giuseppe perde una gamba. Luca e Anna restano illesi. E’ il tragico bilancio di un sabato sera qualunque. Il costo troppo alto di qualche ora di spensieratezza a base di alcool che cambierà il destino di tante persone, non solo di chi e’ rimasto coinvolto nell’incidente ma anche delle loro famiglie.

    Quell’impatto tremendo, costato la vita a due giovani e che ha sconvolto quella dei sopravvissuti, traccia una linea di demarcazione tra un prima e un dopo. Il prima, il passato che non tornerà mai più. Il dopo, fatto di una nuova realtà costruita coi pezzi che rimangono insieme.

    Il coraggio, la volontà e la responsabilità di chi resta. Una consapevolezza difficile da raggiungere e pagata a caro prezzo che apre le porte ad una diversa visione della vita.

    Guarda il sito della fiction ”La vita che corre” >>
    Guarda le clip esclusive della fiction ”La vita che corre” >>

  • 30/1/2012 ore 11:45

    Oscar Luigi Scalfaro: il ricordo di Rai.tv

    Commenti 3

    A seguito della scomparsa dell’ex Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro – morto nella notte tra sabato e domenica all’età di 93 anni per un arresto cardiaco – riproponiamo alcuni dei suoi interventi televisivi che più di tutti ne mostrano lo spirito battagliero e il ruolo di equilibratore e arbitro tra le forze politiche in campo, in uno dei periodi più delicati per la storia del nostro paese.

     

    Rivedi on line l’edizione straordinaria del Tg3 nella quale si vede il Presidente della Repubblica pronunciare lo storico discorso “…A questo gioco al massacro, io non ci sto”. “Io non ci sto” (Tg3 30 anni) >>

     

    Nato a Novara il 9 settembre 1918, Oscar Luigi Scalfaro viene eletto deputato prima nell’assemblea costituente il 2 giugno 1946 nelle liste della Democrazia Cristiana risultando capolista della circoscrizione Torino-Novara-Vercelli, e poi in tutte le successive legislature fino al 1992. Proprio quell’anno, al termine di una lunghissima serie di votazioni, poche ore dopo la strage di Palermo in cui morì Giovanni Falcone, viene trovato l’accordo sul suo nome, Scalfaro in quel momento era presidente della Camera, e venne poi eletto 9° Presidente della Repubblica succedendo a Francesco Cossiga. Rimarrà in carica dal 28 maggio 1992 al 15 maggio 1999.

    – Messaggio di fine anno del Presidente della Repubblica agli italiani 31.12.1997 >>

     

    Il primo atto ufficiale è proprio la visita al luogo dell’agguato mafioso contro il magistrato siciliano. La sua presidenza attraversa una delle fasi più delicate della storia della Repubblica, lui stesso definì quel periodo “drammatico” in quanto prima si trova ad affrontare la bufera di Tangentopoli, il referendum elettorale del 1993, il primo Governo Berlusconi e la sua complessa uscita di scena.

    – PARLA CON ME puntata del 01.12.2009 >>

    Scalfaro, intervistato da Serena Dandini, spiega il quadro politico italiano ed i gravi problemi costituzionali del paese.

     

    L’ultimo a giurare nelle mani di Scalfaro fu Massimo D’Alema il 21 ottobre 1998. Terminato il suo mandato, Scalfaro è stato Presidente del Comitato “Salviamo la Costituzione“, dedicandosi fino agli ultimi giorni della sua vita alla salvaguardia della Carta e dei suoi principi fondanti.

    – Che tempo che fa puntata del 24.04.2005 >>

    Oscar Luigi Scalfaro, ospite di Fabio Fazio, nella veste di Presidente del Coordinamento Nazionale per la Difesa della Costituzione di cui è stato firmatario, ci racconta il suo personale 25 aprile.

    – Che tempo che fa puntata del 10.03.2007 >>

    Il Senatore a vita presenta il suo libro dal titolo “Non arrendetevi mai”.

     

    Guarda anche:

    – Scalfaro, le interviste Tg1 >>

    Alcuni brani delle ultime interviste a Scalfaro, compresa una toccante di pochi mesi fa, in cui parla di giovani e Costituzione.

    – ALLE FALDE DEL KILIMANGIARO 09.01.2011 >>

    Ospite di Licia Colò il Presidente Emerito della Repubblica Italiana per cercare di capire l’importanza della “storia” del nostro Paese e il valore di sentirsi italiani.