Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • 7/10/2011 ore 15:23

    Favino sarà ‘Il Generale della Rovere’

    Commenti 0

    Giovanni Bertone, interpretato da Pierfrancesco Favino, è una simpatica canaglia e un giocatore incallito che, nel pieno della Seconda Guerra Mondiale conduce la sua esistenza tra un imbroglio e l’altro. Non ha scrupoli: quando intravede la possibilità di un guadagno non bada troppo alla morale e va avanti per la sua strada.

    Siamo in una Genova devastata dalla guerra, nel 1944. Bertone millanta amicizie altolocate e, creando false speranze, estorce soldi ai familiari dei detenuti politici che sperano di far liberare i propri cari. Scoperto dal comandante delle SS Muller, Giovanni Bertone tenta di giustificarsi, ma le sue scuse non riescono a fargli eludere la condanna: lavori forzati, o fucilazione.

    Intanto, gli uomini del comandante Muller catturano un generale badogliano, Fortebraccio DELLA ROVERE, che doveva assumere il comando della Resistenza nel Nord Italia, ma lo uccidono per sbaglio e con la sua morte va in fumo la possibilità di estorcergli informazioni importanti sulle attività della resistenza nel territorio della Repubblica di Salò.

    Muller, allora, decide di tendere una trappola ai partigiani mandando un falso generale nel carcere di S. Vittore a Milano: la scelta cade su Bertone, facilmente ricattabile a causa dei suoi traffici con le SS, e dotato di grandi doti  di dissimulazione.  Secondo Muller, infatti, un uomo abituato a mentire e privo di scrupoli come Bertone potrà facilmente riuscire a spacciarsi per Della Rovere e ad ottenere informazioni. Bertone  è dunque costretto a fingersi il Generale Della Rovere e, per la prima volta nella sua vita, veste i panni di un uomo d’onore.

    Ma nell’orrore del carcere, tra i detenuti vessati dalla violenza delle SS, la finzione si confonde con la realtà, facendo ritrovare al codardo Bertone valori dimenticati. Bertone scopre un uomo nuovo dentro di sé, coraggioso al punto da sacrificare sé stesso pur di non tradire i partigiani e, con loro, la salvezza del Paese.

    Guarda le interviste esclusive agli attori >>
    Guarda in anteprima alcune scene de ‘Il Generale della Rovere’ >>
    Guarda il promo de ‘Il Generale della Rovere’ >>
    Guarda in streaming, ‘Il Generale della Rovere’, Rai1, 9 e 10 ottobre, prima serata >>
    Guarda il sito della Fiction ‘Il Generale della Rovere’ >>

  • Un Giuseppe Verdi “bambino” che appare sulle note del “Va’ pensiero” e racconta la nascita delle proprie opere, e poi “La barcarola” di Offenbach che diventa una fiaba, le musiche di Bach per sognare.

    Ma anche il ballo “sfrenato” della “Febbre del Sabato sera” interpretato da giovanissimi emuli di Tony Manero.

    Può succedere di tutto – come nella prima puntata – in “Il Gran Concerto”, il programma di Rai3 scritto da Raffaella Carrà e Sergio Iapino e condotto da Alessandro Greco, in onda da sabato 8 ottobre alle 10.25.

    Dodici puntate – più una speciale, il giorno di Natale in prima serata – per raccontare ai più giovani la musica classica e non solo.

    Sempre protagonisti, l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, diretta da Alessandro Milani, che suona dal vivo; le centinaia di bambini che riempiono l’Auditorium Rai “Arturo Toscanini” di Torino; e Alessandro Greco che fa da collegamento tra palco e platea, racconta e spiega la musica, anche in compagnia di ospiti come cantanti lirici e ballerini: “E’ un programma ‘interattivo’ umanamente straordinario – dice Raffaella Carrà – per l’impegno e la passione di tutti.

    Alessandro che fa da ‘ponte’ tra due mondi, dei musicisti dell’Orchestra Rai che hanno dato tutto in questa operazione culturale, impegnandosi per far ‘vibrare’ e divertire i bambini, tornando essi stessi bambini, e dei più giovani che non sono solo spettatori, ma vivono il programma, salgono sul palco e, grazie alle ‘magie’ di sarti, truccatori e costumisti Rai, diventano protagonisti”.

    Tra le novità di questa edizione, la presenza di giovani talenti provenienti dai Conservatori italiani che porteranno al “Gran Concerto” la loro bravura. Il primo, sabato 8 ottobre, è Ruben Giuliani, violinista del Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano. “E’ un modo di proporre un modello – prosegue la Carrà – Io credo che la tv non debba educare, ma dare modelli che abbiano in sé una positività tale da indurre a copiarli”.

    Più spazio, in questa quarta edizione, anche alla musica lirica (oltre che alle colonne sonore e alle commedie musicali più famose) con la “presenza” di alcuni grandi autori, da Mozart a Rossini a Puccini.

    In tutto quarantacinque minuti in compagnia della grande musica di ieri e di oggi, per scoprirne i segreti ei protagonisti, per giocare con il mondo delle sette note e per varcare quella porta “magica” che sul palco dell’Auditorium Rai rende possibile ogni incontro e ogni trasformazione.

    Un programma per i più piccoli, ma non solo: “Porgere la musica classica in modo gioioso e che non annoi – conclude Raffaella Carrà – è il segreto di questo programma  e la presenza degli adulti, davanti alla tv, è fondamentale. C’è bisogno che i genitori siano incuriositi da questo programma per portare i propri figli per mano verso la grande musica. E con Il Gran Concerto mi sembra di fare la tv di un tempo: quella capace di ‘parlare’ con i telespettatori”.

    Guarda in streamig ‘Il Gran Concerto’, Rai3, dall’8 ottobre, ore 10.25 >>
    Guarda il sito de ‘Il Gran Concerto’ e scopri tutte le curiosità del programma>>

    Tags: ,