Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

  • 11/7/2011 ore 12:15

    A “Sfide” le vittorie epiche dei più deboli

    Commenti 1

    Rai3, 11 luglio, 23.55. Ricordate la scena finale di “Rocky”, il film che ha lanciato Sylvester Stallone tra le stelle di Hollywood? Perde l’incontro di pugilato ai punti, ma ha lottato strenuamente, fino a conquistare il pubblico che lo acclama senza sosta.

    E’ la storia di “Davide contro Golia” quella che raccontiamo nella puntata di questa sera di Sfide: la storia sportiva di una squadra o un atleta che, partendo sfavorito dai pronostico – o lottando contro eventi imprevisti – riesce a trovare energie insperate fino a giungere alla vittoria finale… o quanto meno a diventare l’idolo delle folle. Sono le storie più belle che solo lo sport sa regalare. I trionfi inaspettati a cui nessuno – compresi gli stessi protagonisti – osano credere.

     

    E’ quello che accade alla Danimarca nei Campionati Europei del 1992 quando viene ripescata al posto della Jugoslavia e, contro ogni pronostico, batte la Germania; oppure alla squadra del Castel di Sangro, un paesino abruzzese di appena 5.500 abitanti, che riesce gradualmente a scalare tutte le classifiche fino al raggiungimento, nel 1996, di una “miracolosa” promozione in Serie B; oppure ai Saints di New Orleans che per la prima volta nella loro storia, approdano nella finale del Superbowl 2010 e vincono il prestigioso titolo NFL portandolo nella città ancora sconvolta dall’uragano Katrina.

     

    Un’altra incredibile vittoria e’ quella di Monique Van der Vorst, una ragazza olandese di 26 anni, atleta di altissimo livello nello sport paralimpico, paralizzata dalla vita in giù da quand’era adolescente, ma che quest’anno, dopo due diversi incidenti, ha riacquistato l’uso delle gambe. E ancora Cristophe Lemaitre, il primo velocista bianco nella storia a correre – con il tempo di 9”98 – i 100 metri in meno di 10 secondi, entrando di diritto nella storia.

     

    Infine l’incontro tra Tyson e Douglas, la più grande sorpresa nella storia dello sport professionistico. L’11 febbraio del 1990 a Tokyo succede l’inimmaginabile, il campione imbattuto Mike Tyson va al tappeto contro il connazionale James Douglas, nell’incontro valido per il titolo mondiale dei pesi massimi.

     

    – Guarda la diretta on line, lunedì 11 luglio alle 23.55 >>

    – Entra nel sito di “Sfide” e guarda le scorse puntate >>

    – Rivedi tutti i video del programma on line >>

    – Hai perso la puntata? Rivedila per tutta la settimana successiva su Rai Replay >>

     

  • Commenti

    Un commento

    WP_Modern_Notepad
    • Dico che maich taison e il pugile piu forte di tutti i tempi.
      le sconfitte possibilmente sono state create da chi li voleva bene ed la tradito ed abbandonato.
      taison le quattro sconfitte secondo me non esistono.
      taison e un campione nato di pesi massimi ma se davanti a taison ,li mettete dei tori, ed e normale che non puo abbattere il toro taison , quindi le quattro sconfitte di taison cioe’ i quattro pugili che anno messo ko a taison sono di una categoria fuori dal normale.
      VOGLIO DIRE CHE SONO STATO AD AVELLINO IN IRPINIA VICINO NAPOLI.
      AD AVELLINO CHE LAVORAVO PRESSO UNA FAMIGLIA, HO NOTATO UN GIOVANE MOLTISSIMO SOMIGLIANTE AD MAICH TAISON.
      IL GIOVANE CREDO CHE ABITA AD AVELLINO, CHE SOMIGLIA A MAICH TAISON ED IO CREDO CHE POTRBBE SSERE UN SUO FIGLIO.AVELLINO E ITALIA.

    Scrivi un commento

    Nota: La moderazion e dei commenti è attiva. Questo potrebbe ritardare la pubblicazione del commento.