Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

  • La storia di Masada, antica fortezza romana costruita da Erode il Grande nel 37 a.C. in Israele, sulle rive del Mar Morto, sarà al centro di “Passaggio a Nord Ovest”, in onda martedì 28 giugno alle 23.15 su Rai1. Nata come residenza fortificata, Masada divenne l’ultimo baluardo della resistenza degli ebrei Zeloti contro Roma e fu conquistata nel 73 d.c. Lucio Flavio Silva, al comando della legione X Fretensis.

    Si andrà poi alla scoperta del Kabuki, una forma di teatro tradizionale rimasta fino ad oggi un elemento fondamentale della cultura  giapponese. Creato nel XVII secolo da una sacerdotessa convertita all’arte della danza,  il Kabuki è stato dichiarato patrimonio culturale “orale e intangibile” dall’Unesco. Questa arte si tramanda di padre in figlio e sopravvive grazie all’impegno di grandi attori come anche di piccole compagnie amatoriali. Verrà ripercorsa anche la storia della nave rompighiaccio Irizar che restò intrappolata dal pack nella Penisola Antartica per un anno. L’equipaggio, sebbene costretto ad affrontare solitudine e condizioni estreme, perseguì con passione il suo obiettivo: documentare gli effetti del cambiamento climatico nella Penisola Antartica finora mai osservati durante l’inverno.

    Infine, sarà protagonista un’appassionata spedizione alla ricerca della più grande corazzata tedesca mai costruita, il vero asso nella manica di Hitler per la conquista dell’Atlantico contro il nemico inglese: la Bismarck. L’affondamento della corazzata costò la vita di quasi 4 mila persone. E oggi, 60 anni dopo la tragedia,  la nave da ricerca russa “Akademik Msistlav Kekdysh” ripercorre un emozionante viaggio nel passato lungo 30 miglia marine, alla scoperta del relitto.

     

    – Segui “Passaggio a Nord Ovest” sul web, martedì 28 giugno alle 23.15 >>

    – Visita il sito di “Passaggio a Nord Ovest”>>

    – Rivedi le puntate di “Passaggio a Nord Ovest”>>

  • Commenti

    Un commento

    WP_Modern_Notepad
    • Nella puntata di oggi, 26 Luglio 2011. Avete parlato della lampadina elettrica, e quindi di Edison. Vorrei sapere perché non avete menzionato Alessandro Cruto ( abitante a Piossasco provincia di Torino ), arrivato alla soluzione per il filamento della lampadina. Tutto questo mi stupisce dato che si tratta di un’Italiano, che non viene menzionato nei libri di testo. Vi ringrazio per l’ attenzione che mi conceredete e vi saluto.

      Salice danilo

    Scrivi un commento

    Nota: La moderazion e dei commenti è attiva. Questo potrebbe ritardare la pubblicazione del commento.