Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

  • 25/2/2011 ore 14:30

    Denaro, sterco del demonio?

    Commenti 1

    Dal 26 febbraio su Radio3. Sono “i soldi” il tema su cui batteranno i racconti di “Chiodo fisso” nel prossimo mese di marzo. Già domani, sabato 26 febbraio, i soldi saranno al centro della puntata de “La Grande Radio” (in onda alle 18.00) intitolata “Variazioni sul tema del danaro”: riproposizione di brani da varie trasmissioni su opere di Bertolt Brecht, Dante, Shakespeare, Collodi, e un’intervista allo storico Jacques Le Goff.

     

    A partire poi dal 28 febbraio “Chiodo fisso” – in onda dal lunedì al venerdì alle 10.50 – propone un frastagliatissimo percorso che partirà da una visita guidata nei laboratori della Zecca di Stato a Roma per proseguire con esplorazioni e narrazioni tra letteratura (“L’argent” di Zola), fumetti (Paperon de’ Paperoni raccontato da Luca Raffaelli), psichiatria (l’ossessione e il desiderio di denaro con Vittorino Andreoli), scelte di vita singolari come quella di Heidemarie Schwermer, la tedesca che decise di vivere senza soldi, rievocazioni storiche – ad esempio lo scandalo della banca romana – , crisi vecchie (Wall Street nel 1929) e nuove (quella attuale…) fino alla insolita storia, in onda l’8 marzo, di una giovane trader che racconterà cosa vuol dire per una donna essere operatore mobiliare in un ambiente tipicamente maschile, almeno in Italia. E ancora: un’antica pratica di questua esistente tuttora a Bologna gestita dai successori di Padre Marella e spaccati di vita quotidiana di chi deve far quadrare i conti.

     

    – Ascolta “Variazioni sul tema del danaro” sul web, sabato 26 febbraio alle 18.00 >>

    – Ascolta “Soldi” – “Chiodo fisso” sul web, dal 28 febbraio e per tutto il mese di marzo (dal lunedì al venerdì) alle 10.50 >>

    – Riascolta le precedenti puntate di “Chiodo fisso>>

    – Scarica i podcast di “Chiodo fisso” >>

    – Scarica i podcast de “La Grande Radio” >>

  • Commenti

    Un commento

    WP_Modern_Notepad
    • il denaro, come le altre fonti dei enegia hanno il valore del loro impiego. C’è una montagna di credenze legate al denaro. Se ci si limitasse a consiìderarlo una risorsa per le cose pratiche sarebbe fatta. Invece viene spesso associato al concetto di sicurezza e prestigio e quindi usato per tappare le falle di una personalità insicura e desiderosa di assicurarsi ciò che non è nelle mani di nessuno come salute, immortalità, gioventù. penso che hli straricchi siano le persone più insicure in genere, altrimenti non ci sarebbe logica nell’impiegare tutto il miglior tempo della vita per rassicurarsi accumulando denaro, che sicuramente non ci potremo godere da vecchi o da morti. Meno denaro, più tempo e godimento, poesia, natura, amore.

    Scrivi un commento

    Nota: La moderazion e dei commenti è attiva. Questo potrebbe ritardare la pubblicazione del commento.