Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

  • 11/11/2010 ore 11:45

    La Tv degli scrittori

    Commenti 1

    Roberto Saviano, in questi giorni sotto i riflettori con il “suo” programma televisivo Vieni via con me, non è il primo scrittore di fama nazionale e internazionale a dedicarsi alla tv. Nella storia della televisione italiana ci sono molti casi di grandi scrittori e uomini di letteratura che si sono prestati al mezzo televisivo ideando, scrivendo e conducendo trasmissioni. La loro è una tv spesso culturale, con riferimenti al mondo dei libri e del sapere, ma è televisione a tutti gli effetti, con una sua forma e un linguaggio accattivante e non di rado ha riscontrato il favore del pubblico.

    Importanti esempi di tv degli scrittori sono nell’archivio di Rai.tv e ve ne presentiamo una rapida panoramica. A soli tre anni dall’avvio delle trasmissioni televisive in Italia, nel 1957, Mario Soldati realizzò, come autore e conduttore “on the road”, il celebre Viaggio lungo la valle del Po, che raccontò l’Italia in modo autentico e brillante. L’operazione ebbe successo e nel 1960 Soldati, stavolta insieme a Cesare Zavattini, diede vita a un progetto analogo con Chi legge? Viaggio lungo le rive del Tirreno.

    Il premio Nobel per la Letteratura Dario Fo ha lavorato per la televisione fin dall’inizio degli anni 60. Accettò di condurre con la moglie Franca Rame l’edizione di Canzonissima del 1962 , ma la collaborazione con la Rai si interruppe per divergenze con la dirigenza. Nel 1977 andò in onda Il Teatro di Dario Fo, riproposizione televisiva di spettacoli messi in scena da Fo nel decennio precedente. Degli anni 2000 sono la serie de Il Teatro in Italia – realizzata in più cicli insieme a Giorgio Albertazzi – e i racconti di vita e opere dei grandi pittori.

    Anche Pier Paolo Pasolini è stato protagonista di una produzione della Rai. Si tratta di Pasolini e… la forma della città, un cortometraggio diretto da Paolo Brunatto, in cui Pasolini denuncia e mostra la sopravvivenza minacciata di Orte, cittadina vicina a Viterbo. Il corto è molto più di un’intervista e reca la cifra autoriale di Pasolini. Della stessa serie – s’intitolava Io e… – vi proponiamo anche Parise e… Piazza San Marco, con Goffredo Parise a Venezia e Zanzotto e… Il Quartier del Piave.

    Altro grande scrittore che ha lasciato il segno come conduttore sul piccolo schermo è Alberto Arbasino, arbitro e moderatore di Match (1977), programma in cui due personaggi operanti nello stesso settore dibattevano e polemizzavano come in un incontro sportivo.

    Negli decennio seguente esordì su Rai Tre Corrado Augias, memorabile presentatore di Telefono giallo (1987), trasmissione investigativa su casi irrisolti di cronaca nera. Augias ha continuato a fare tv negli anni successivi con programmi, da lui ideati, d’impronta più culturale, fra i quali citiamo Babele (1990) e Le Storie – Diario italiano, che va tuttora in onda con successo.

    Nel 1993, Alessandro Baricco condusse con bravura L’amore è un dardo, trasmissione di divulgazione dedicata all’opera lirica che ebbe un certo successo, replicato l’anno successivo da Pickwick, del leggere e dello scrivere. Nello stesso 1994 Carlo Fruttero e Franco Lucentini sono autori e conduttori di L’arte di non leggere, rubrica di consigli librari, racconti e amabili divagazioni.

    Infine a cavallo fra anni 90 e 2000 s’impone il giallista Carlo Lucarelli coi suoi programmi – il più famoso è Blu notte – di ricostruzione di storie di cronaca nera e di mistero.

    – Guarda lo Speciale La tv degli scrittori su Rai.tv >>

    Millepagine, il portale della Rai dedicato ai libri e alla cultura >>

    Millepagine On Demand >>

  • Commenti

    Un commento

    WP_Modern_Notepad
    • Il banco vince sempre e anche la Endemol produttrice sia del “Grande Fratello” che di “Vieni via con me” trasmessi nella stessa serata da Mediaset e da RAI. La Endemol è di proprietà di Berlusconi.
      “Gli ascolti di ieri sera. Si festeggia la grande batosta inflitta dal programma di Saviano e Fazio ai danni del Grande Fratello 11. Ebbene, a mio modo di vedere, economicamente parlando (e forse non solo) c’è poco da festeggiare. Saviano (50.000 euro a puntata da Endemol, ndr) e Fazio hanno avuto, con più di 7 milioni di spettatori, il 25.48% di share. Il Grande Fratello con quasi 5 milioni il 20% (che non è poco). Chi festeggia sempre e comunque è la Endemol che produce il Grande Fratello e che paga anche Saviano (ricordiamo che Mediaset ha azioni Endemol e ricordiamo che Mediaset è di Berlusconi). Economicamente parlando vincono sempre gli stessi. Faccio notare che fra gli azionsti di Endemol oltre Mediaset, Telecinco e varie scatole cinesi, figura anche quell’opera caritatevole della Goldman Sachs

    Scrivi un commento

    Nota: La moderazion e dei commenti è attiva. Questo potrebbe ritardare la pubblicazione del commento.