Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

  • Domenica In‘ torna in Tv, si riparte domenica 3 ottobre su Rai Uno, con un appuntamento che inizia alle 14 e si articola in tre segmenti, lasciando ancora a Massimo Giletti il ruolo di apripista con “Domenica In…L’Arena“, in onda fino alle 15.50, poi il testimone passa a Sonia Grey per “Domenica In…Amori“, dove fino alle 16.15 ci saranno anche Luca Giurato e Maurizio Battista, e si chiude con Lorella Cuccarini con “Domenica In… Onda“, ovvero emozione e divertimento fino alle 18,45.  Massimo Giletti torna al centro di Domenica In – L’Arena, per una nuova stagione all’insegna della grande attualità, dove i temi “caldi” del momento trovano il giusto spazio in un dibattito aperto e mai “urlato”, e guadagna una pagina più ampia divisa in due parti: L’Arena il talk show sui fatti più discussi della settimana e “L’Arena Protagonisti”, nel quale Giletti incontrerà ogni settimana un personaggio di primo piano del nostro tempo. La prima puntata si apre con Vittorio Emanuele, che dopo tanti anni torna in uno studio televisivo dopo la sentenza che lo ha assolto perché il fatto non sussiste. Poi si passa a Domenica In…Amori, appuntamento con i sentimenti forti e le passioni condotto da Sonia Grey. Atmosfere da sogno, colori avvolgenti e immagini simbolo delle più grandi storie d’amore, faranno da cornice agli amori travolgenti del passato e a quelli appena sbocciati del presente, con una “strizzatina” d’occhio agli scenari rosa del futuro. Al fianco di Sonia Grey in questo viaggio ideale nel glamour del cuore, due simpatici “incursori”, Luca Giurato e Maurizio Battista per raccontare le storie degli amori leggendari e degli amori non ancora svelati, tratteggiati in uno stile morbido e leggero. Per la prima puntata, una favola senza tempo: l’amore tra Grace Kelly e il Principe Ranieri III. A “Domenica In… Amori” anche l’angolo dedicato alla “posta del cuore”, le emozioni delle piccole, grandi storie di tutti i giorni (“Domenica In… Amori – La Posta Del Cuore” Viale Giulio Cesare, 6 – 00193 Roma o mail: amoripostadelcuore@rai.it). Dopo anni di assenza dalla Rai, Lorella Cuccarini torna sulla rete ammiraglia per una domenica tutta nuova, all’insegna dell’emozione e del divertimento con Domenica In… Onda. Lorella, in compagnia di Massimiliano Rosolino, ritrova il pubblico di Rai Uno per creare un legame e un dialogo con gli italiani che nel giorno di festa si riuniscono per un’occasione di evasione. Un appuntamento fatto di molti ingredienti: interviste, giochi, musica ed emozioni. In una casa piena di sorprese, incastonata all’interno dello studio, a metà strada tra sitcom e cartoon, Lorella incontra i suoi ospiti in uno spazio molto intimo ma dove può accadere di tutto. La prima puntata vedrà l’amichevole presenza di Antonella Clerici, Gigi D’Alessio, Anna Oxa ed un’intervista a Julia Roberts e Javier Bardem.


    Guarda l’Intervista Esclusiva di Rai Celebrity a Lorella Cuccarini>>

    Guarda l’Intervista Esclusiva di Rai Celebrity a Massimo Giletti>>
    Guarda l’Intervista Esclusiva di Rai Celebrity a Maurizio Battista>>
    Guarda il sito di Domenica in>>
    Guarda in diretta dal web ‘Domenica in, Rai Uno, 3 ottobre>>
    I tuoi orari non coincidono con la messa in onda del programma? Rai Replay ti permette di rivedere in replica i programmi andati in onda negli ultimi 7 giorni su Rai Uno, Rai Due e Rai Tre>>

  • Commenti

    5 Commenti

    WP_Modern_Notepad
    • salvatore scrive:

      si riducono i consiglieri comunali drasticamente, e nei piccoli paesi sotto i 3000 abitanti, fare il consigliere vuol dire fare solo del volontariato perchè di soldi se ne prendono una miseria intorno ai 100 euro all’anno, perchè??
      avere a disposizione più consiglieri in un paesino vuol dire tanto, volontariato gratuito per tutto, dalle piccole feste agli interventi di piccola manutenzione fatta a gratis solo perchè il consigliere ci tiene a far bella figura e a mantenere il paesino in un certo decoro perchè ci abita anche lui.
      ci dicono è per risparmiare !!!…per risparmiare cosa ???….se con 1000 euro si pagano 10 consiglieri all’anno che risparmio è ????…..
      poi come ben sappiamo un qualsivoglia ministro si permette scarpe da 1000 euro fatte a mano su misura con i soldi dei contribuenti…e già…loro fanno una vita da ricchi e non rinunciano a nulla, il popolo deve sempre ingoiare e basta.
      da me si usa dire:
      ” siamo tirchi sulla crusca e larghi di mano sulla farina…”

    • Dott Giletti, sto ascoltando con grande attenzione la puntata di oggi sulla sanità.Sono calabrese e ascoltare il servizio sull’osedale di Crotone mi ha fatto tanto vergognare della situazione che viviamo tutti i giorni in Calabria.La mia città e’ Catanzaro e la situazione e’ migliore rispetto a Crotone, ma solo rispetto a Crotone.Viviamo una mal sanità da sempre, e’ un problema politico e di interessi.Solo se si hanno conoscenze si riesce a ridurre le problematiche di cui state parlando in questo momento nella Sua Arena.I tempi di attesa sono enormi, il servizio di pronto soccorso sempre intasato, reparti che funzionano a singhiozzo.Questo e’ frutto di anni e anni di mal funzionamento della politica calabrese, che continua a vivere sull’assistenzialismo e nepotismo.ed io parlo da calabrese, che lavora e vive in Calabria, che paga le tasse e che ritiene tutto ciò una grande mancanza istituzionale.non e’ servizio pubblico, e’ mancanza di Stato.Ritengo che questo problema non verra mai risolto finche la sanità sarà nelle mani delle Regioni, perché la Regione Calabria non e’ in grado( o non vuole) risolvere tale situazione.mi piacerebbe che questo mio messaggio venga letto in trasmissione, anche se non ci credo.grazie

    • marcello mazzoccoli scrive:

      Caro prof .Monti, vorrei farLe una domanda: perche da domani dovremo versare lacrime e sangue per perorare e pagare colpe che non sono nostre? il debito pubblico, sostenuto dalle banche mondiali che hanno comprato i nostri BTP e quant’altro, ormai si è spostato in mano di privati ( il sistema bancario mondiale). Perchè non proporre a questi strozzini legalizzati delle Banche Mondiali e Europee di fare transazioni del nostro debito al 25%, visto che non saremo in grado di onorare i nostri debiti? Credo che in Argentina sia accaduta una cosa simile nel 2002, o no (titoli argentini del debito sovrano rimborsati a 22 su 100)? Perche non rientrare nella lira una volta stralciati i debiti con le transazioni? Perche NOI ci dobbiamo preoccupare della Merkel e di Sarkozy, e non ci dovremo preoccupare dei nostri figli? Rimbocchiamoci le maniche, come abbiamo fatto negli anni 80, ma facciamolo per un futuro tutto e solo italiano.
      Forza , sei l’unico che almeno puo’ considerare quanto ti ho scritto, e se c’è qualcosa di vero, sei l’unico che potrà dire che non c’è nulla di infondato in questa missiva!! Non mi deludere Monti

    • Volevo chiedere al Sig. Giletti di ottenere dei fatti con prove prima di accusare il mio paese. Noi siamo orgogliosi della nostra ospitalita e non tolleriamo nessun giornalista (mal informato poi) ad accusarci ingustamente!

      Sig. Giletti per vostra informazione, nel corso degli ultimi 10 anni Malta a sopportato tutte le responsabbilta’ di tutta l’Europa da sola, ad accogliere tutti gli immigranti, dando loro un posto per restare, assistenza sanitaria e fondi. Tutto questo per gli ultimi 10 anni, e chi a pagato??? Noi MALTESI!!! e grazie a nessun altro! Solo in questi ultimi anni l’Europa a cominciato ad aiutarci perche non possiamo prendere nessun altro. Siamo sovrapopolati diga come siamo.

      Una scusa ufficiale sarebbe opportuna.

      Sera
      Da Malta

    • volevo dire una cosa a proposito della discussione dei rifiuti. Beh, non dimentichiamoci che il problema non riguarda solo la popolazione ma anche quei ragazzi delle forze dell’ordine che sono lì h24, tra pietre, insulti e quant’altro…volevo appunto ricordare alle signore che erano lì presenti, le quali sono madri e mogli come me che coloro non hanno alcuna responsabiltà in proposito e che ricevono soltanto ordini ‘dall’alto’. Sono uomini, figli e padri, abbiate rispetto di queste persone che per uno stipendio misero stanno lì per forza maggiore nel cercare di svolgere al meglio il loro compito. Mio marito è lì da anni ormai e il problemi rifiuti non è mai finito completamente, è ora che la popolazione cominci ad assumersi responsabilità e doveri oltre a richiedere sempre e solo diritti.

      Una moglie che spera solo che il padre di suo figlio torni presto a casa.
      Grazie

    Scrivi un commento

    Nota: La moderazion e dei commenti è attiva. Questo potrebbe ritardare la pubblicazione del commento.