Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • 26/8/2010 ore 16:00

    La Grande Inter di Herrera e Moratti

    Commenti 0

    Venerdì 27 agosto, 23.40, Rai Tre. Sfide fa un salto nel tempo per ripercorrere le gesta e le imprese della Grande Inter di Moratti… ma quella di Angelo Moratti, padre dell’attuale presidente.

     

    Se le ultime generazioni nerazzurre, infatti, sono cresciute con le prodezze di Ibrahimovic, le follie di Balotelli e le sfuriate di Mourinho, i loro genitori sentono ancora oggi una stretta al cuore quando ripensano al tiro a ‘foglia morta’ di Corso, alla classe di Suarez, ma soprattutto quando sentono nominare il ‘Mago’ Helenio Herrera, l’allenatore argentino che ha saputo costruire una vera e propria schiacciasassi. Due scudetti, due Coppe dei Campioni e due Coppe Intercontinentali, il tutto in appena tre anni tra il ’63 e il ’65.

     

    Come per l’Inter attuale, anche il percorso di quello storico squadrone non è stato affatto semplice, tra difficoltà di amalgama iniziali e contestazioni rivolte per lo più a Herrera. Ma il mago, vero e proprio rivoluzionario del calcio, ha saputo uscirne alla grande. La sua è una figura diversa di allenatore: inventore dei ritiri post partita, degli allenamenti intensivi, di metodi psicologici all’avanguardia, che poi avrebbero copiato in molti. Insomma un vero e proprio condottiero capace di sobbarcarsi sulle spalle il peso di tutta la squadra, proprio come ha fatto Mourinho nel recente passato.

     

    Sfide, attraverso interviste ai protagonisti dell’epoca e filmati di repertorio eccezionali, ricostruisce l’epopea della Grande Inter, mettendola in parallelo con l’Inter di oggi e raccontando i retroscena di un mito lungo 50 anni.

     

    Non perdere i video delle scorse puntate >>

     

    Guarda la diretta dal web venerdì 27 agosto alle 23.40 >>

     

    I tuoi orari non coincidono con la messa in onda del programma? Nessun problema. “Rai Replay” che ti permette di rivedere in replica i programmi andati in onda negli ultimi 7 giorni su Rai Uno, Rai Due e Rai Tre >>

     

  • 26/8/2010 ore 15:00

    Quando gli italiani erano “sorci”

    Commenti 0

    Venerdì 27 agosto, 21.10, Rai Tre. Italiani “sorci” e “neri nel sangue”. Così l’America dava il benvenuto agli emigranti italiani all’ inizio del secolo scorso. Polenta e Macaroni, documentario de La Grande Storia, racconta l’emigrazione italiana dalla fine dell’800 agli anni settanta. In cento anni furono 27.000.000 le persone che lasciarono l’Italia in cerca di lavoro.

     

     

    Il documentario, di Nietta La Scala, rievoca alcune delle storie di queste persone, alcuni episodi tra i più difficili, brutali, inquietanti. L’America dunque, che linciava gli italiani bastardi. Ma anche la xenofobia della Svizzera, che considerava non grave l’omicidio di un italiano e che gli vietava per legge di tenere con sé i figli. Così molti bambini vivevano nascosti, col terrore di essere scoperti dai vicini di casa. 

     
     

    E poi il Belgio – dove i nostri minatori lavoravano otto ore al giorno in cunicoli di 30 cm -, l’emigrazione fascista nelle colonie africane e quella del dopoguerra propagandata dal governo come contributo individuale alla ricostruzione dell’economia nazionale. 

     
     

    Polenta e Macaroni racconta questo pezzo di storia italiana con l’ausilio di linguaggi diversi: testimonianze, immagini di repertorio, narrazioni d’attore, flash cinematografici d’epoca.

     
     

    Non perdere i video delle scorse puntate >> 

     

     

    Guarda la diretta dal web venerdì 27 agosto alle 21.10 >>

  • 26/8/2010 ore 8:27

    “Millepagine”, omaggio a Cesare Pavese

    Commenti 1

    Sessant’anni fa, il 27 agosto del 1950, moriva Cesare Pavese. Millepagine”, il canale web di Rai.tv dedicato ai libri e alla letteratura, gli dedica uno Speciale. Con una scelta di preziosi materiali del repertorio Rai, “Millepagine” illumina alcuni dei nodi cruciali della vita e dell’opera dello scrittore piemontese.   

     

    Fernanda Pivano, che fu sua allieva ed amica, racconta sia il letterato che l’uomo alle prese con amori tribolati. All’interpretazione dell’attore Carlo Cecchi è invece affidata la lettura di alcune delle poesie scritte da Pavese.

    Di notevole interesse sono poi i contributi sull’anno che Pavese passò al confino in Calabria (fu processato nel 1935 e condannato con l’accusa di antifascismo), e sui rapporti con l’editore Giulio Einaudi (Pavese lavorò per la Einaudi come traduttore e curatore editoriale a partire dagli anni ’30).

     

    Questi ultimi due video bene evidenziano il ruolo di intellettuale di Pavese, che fu una figura fondamentale per la cultura italiana nel passaggio dagli anni ’30 alla democrazia repubblicana del decennio successivo.

    Il dovere dell’impegno per il progresso civile e sociale si scontrava in lui con un senso di estraneità nei confronti del mondo. Una contraddizione lacerante, una delle tante sofferenze che probabilmente furono causa del suo suicidio in un albergo di Torino.

     

    Guarda lo Speciale Cesare Pavese >>

     

    Millepagine >>