Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • 14/7/2010 ore 17:17

    Santoro, Annozero ormai deve andare in onda

    Commenti 3

    Per la prossima stagione è ormai tardi per trovare accordi alternativi: Annozero deve andare in onda. E’ quanto scrive Michele Santoro al direttore generale della Rai Mauro Masi e per conoscenza al Presidente Paolo Garimberti e ai consiglieri d’amministrazione, in una lettera pubblicata dal Fatto Quotidiano online: ”Non c’e’ più spazio, quindi, per rinvii e ambiguità. E non c’e’ più tempo per trovare alcun accordo tra noi che non preveda la messa in onda di Annozero”. Santoro invita pertanto Masi a ”provvedere di conseguenza a sbloccare le pratiche che con i miei collaboratori sono state già tutte opportunamente istruite e consegnate alla Rete dopo aver definito con il Direttore Liofredi e gli uffici competenti della Rai date e modalità produttive”, aggiungendo che ”la mancata messa in onda del programma sarebbe un grave danno per il servizio pubblico e mi costringerebbe ad impiegare tutte le energie per difendere diritti miei, dei miei collaboratori e degli spettatori”. In merito alla lettera di Michele Santoro, il Direttore Generale della Rai Mauro Masi, ribadisce che sul punto sollevato  la governance aziendale è  estremamente chiara: i palinsesti sono proposti al Consiglio di Amministrazione esclusivamente dal Direttore Generale in base a considerazioni di merito specifico.

    Guarda la conferenza stampa di fine stagione Annozero 2009/2010>>


  • Ha messo a dieta ben due generazioni di italiani attraverso il piccolo schermo perché ingaggia, da oltre venti anni,  una sfida mediatica per condurre una vera e propria battaglia etica: educare  ad un corretta alimentazione. Piu’ che un dietologo, quindi, il professor Giorgio Calabrese è  un vero e proprio missionario della nutrizione. Che saltellando qu e là tra Unomattina, Porta a Porta e Linea Blu, predica a milioni di italiani le regole da seguire a tavola, pur se con ironia, entusiasmo e grande senso pratico.

    Ma anche Lei, professore, segue le diete, o le consiglia solo agli altri?
    Le seguo eccome! Avendo familiarità con patologie di tipo diabetico, se non seguissi costantemente una dieta peserei centocinquanta chili! Si tratta di un regime personalizzato basato sulla regola dell’equilibrio dei nutrienti, al fine di evitare di cincorrere in gravi patologie.

    Perché utilizzare un mezzo come la televisione per catechizzare gli italiani ad una alimentazione sana?
    L’idea è nata quando lavoravo a Boston alla fine delgi anni ’70:  notavo che i colleghi puntavano sullo studio della chimica degli alimenti per esaltare il ruolo terapeutico di alcuni componenti alimentari: dagli antiossidanti alle antiocianine, passando per l’analisi dei vari tipi di grassi. Noi medici, abituati a curare le patologie in maniera tradizionale, cominciammo a intuire che si potevano prevenire le malattie attraverso il cibo e comunicare questo metodo terapeutico attraverso quella potente cassa di risonanza che è la televisione. La televisione è un potente gioco di comunicazione per far capire che la dieta è una continua ricerca di equilibrio tra mente e corpo, tra esterno e interno e, in tal senso, il cibo rappresenta il mondo esterno che introduciamo in noi e attraverso il quale possiamo ritrovare equilibrio oppure perderlo e distruggerci.

    Alcuni di lamentano che in tv lei ripeta sempre le tesse cose. E’ una tecnica?
    In effetti l’equilibrio nutrizionale si basa su sette regole fondamentali che non smetterò mai di ripetere. La prima è che 8 è meglio di 10: devo cercare di introdurre circa il 20 per cento in meno del cibo che deisidero mangiare. La seconda consiste nel bere molto per eliminare scorie, tossine e defatigare gli organi interni. La terza regola  è nascosta nell’equilibrio del rapporto moto-dieta: persone piu’ sedentarie devono assicurarsi un apporto calorico di gran lunga inferiore a chi sostiene sforzi fisici intensi e prolungati e, quindi ha bisogno di molta energia. La quarta regola consiste nella consapevolezza che non esistono cibi di per sé buoni o cattivi ma che il carattere salutistico consiste nell’uso che ne facciamo. Quinto: diminuire o eliminare il sale che provoca indurimenti di vene e arterie e innalzamento della pressione arteriosa. Sesta regola: evitare certi modi di cucinare: troppo condimento, troppo olio, troppe fritture. Settima regola: fibre si, sempre e comunque.

    Cosa le chiedono piu’ frequentemente i pazienti? Come sono cambiate le esigenze delle persone in fatto di dieta?
    Prima mi chiedevano la dieta miracolosa, ora mi chiedono la dieta giusta o personalizzata, ovvero su misura della persona. E’ importante infatti che la dieta sia costruita su misura dell’esigenze della persona che la chiede e prescritta da uno specialista. Ma è anche importante una maggiore consapevolezza su ciò che si mangia, al fine di capire che dire no a certi cibi non è necessariamente un sacrificio ma è una scelta di vita, una scelta di equilibrio. Le persone che ingrassano a dismisura, infatti, molto spesso  non si vogliono piu’ bene

    Piu’ del 30 per cento dei programmi televisivi è dedicato alla cucina. Non le sembra un controsenso invitare gli spettatori all’abbuffata e poi consigliargli una dieta?
    E’ un po’ come per la questione della pubblicità: crea un desiderio spasmodico e ossessivo, costruisce l’induzione di un bisogno. Che poi i medici dovranno, successivamente, curare. Ma curare a giochi fatti, a volte, può essere molto complesso. Per questo io penso che l’educazione nutrizionale sia indispensabile a prevenire rischi futuri.

    Ma esiste una buona tv e una tv cattiva? Una tv piccante e una salata? Una dolce e una amara?
    La televisione è buona televisione quando lascia agli scienziati la libertà di espressione.

    Professore, quali i progetti per questa stagione televisiva autunnale?
    Vorrei addentrarmi sempre di piu’ nella prevenzione delle malattie grazie ad una impostazione nutrizionale appropriata. Sarò come sempre a Unomattina e a Linea Blu, per fare capire agli italiani quanto è indispensabile il pesce sulla nostra tavola quotidiana.

    Che augurarci dunque? Buona campagna nutrizionale e…buon appetito!

  • A settembre Maurizio Costanzo condurrà per Rai Uno ‘Bontà Loro’. Il titolo è quello del suo talk-show del 1976. Il contenuto, invece, sarà totalmente nuovo. La redazione in questo momento sta selezionando un pubblico “parlante” che possibilmente sia nato nel 1976 o che, in quell’anno, seguiva ‘Bontà Loro’. Quindi chi vuole essere ospite del programma, in onda da Roma, può  scrivete una e-mail a bontaloro@gmail.com.

    Guarda le puntate di Bontà loro >>