Rumors e anticipazioni

Tutte le novità e video sui programmi Rai da non perdere

    • Le novità di RaiYoYo!

      pocoyo336I nuovi appuntamenti estivi per i più piccoli!

    • L’autunno di Rai 2. Serie tv, comedy show e reality

      NCISIn partenza le nuove stagioni di Castle, Elementary, NCIS e Criminal Minds. Tra le produzioni italiane: UNICI – le 4 giornate di Vasco, Pechino Express, Stasera tutto è possibile, e la serie tv Rocco Schiavone

    • Olimpiadi di Rio 2016: tutte le novità Rai

      rio-4 La Rai è Official Broadcaster delle Olimpiadi di Rio 2016. Dal 5 al 21 agosto, un palinsesto di 5000 ore trasmesse dal servizio pubblico attraverso tv, radio, web e dispositivi mobili. Tra le novità, la realtà virtuale e la nuova app RAI Rio2016, per seguire in ogni momento le imprese dei campioni azzurri e dei 10.500 atleti di tutto il mondo

    • La strage di Bologna: 1980-2016

      Film, documentari e approfondimenti su tutte le reti Rai per ricordare uno degli atti terroristici più gravi del dopoguerra

    • Addio Anna Marchesini, l’omaggio di Rai.tv

      blog-rai.tvRai modifica il palinsesto e dedica una serie di programmi al ricordo di Anna Marchesini, attrice amatissima dal pubblico italiano, storica componente del Trio assieme a Tullio Solenghi e Massimo Lopez

  • Lorella Cuccarini torna in Rai, dopo l’estate, come conduttrice di “Domenica in”. Per anni, bloccata da un contratto in esclusiva, e’ stata lasciata in panchina e dice: “Ho sofferto, ma ora sono più forte”. E oggi, alla soglia dei 45 anni, quattro figli e in forma smagliante, torna con un programma che, dice in una intervista esclusiva a ‘Tv Sorrisi e Canzoni’, “e’ quello perfetto per il mio rientro. Perché la domenica, settimana dopo settimana, c’e’ il tempo di sperimentare, di creare il clima giusto, di mettersi alla prova”. Come sarà, allora, la “Domenica In” di Lorella Cuccarini? “Il programma festeggia i 35 anni. E se mi guardo indietro e ripenso a chi l’ha condotta, il primo e’ stato Corrado, il senso di responsabilità si affaccia. Sarò legata al passato ma cercherò di dare un’impronta personale. Punterò sulle mie caratteristiche di donna, con la sua curiosità e la sua professionalità. Però vorrei che venisse fuori una Lorella non solo legata al ballo e al canto, ma anche alla sua carica umana”. La Cuccarini ha inoltre dichiarato che “forse in un’altra vita Fabrizio Del Noce mi avrebbe spiegato perché mi ha costretta alla panchina per tanto tempo”. Ma non sono mai arrivate spiegazioni. “E francamente non le cerco più. Invece mi ha colpito la stima che mi ha dimostrato il direttore Mauro Mazza: non ero più abituata. La cosa più brutta in quel lungo periodo di inattività in Rai e’ stato scoprire che la gente pensava avessi mollato perché non avevo più voglia di fare”.

  • 12/7/2010 ore 16:30

    Radio2 all’attacco della Gialappa’s Band

    Commenti 0

    La bomba è esplosa! Dopo settimane di frecciatine e battute al veleno dai microfoni di Radio Deejay da parte della Gialappa’s Band relativamente al fatto di non poter più condurre il loro storico Rai Dire Mondiali su Radio2, il direttore Flavio Mucciante non le manda di certo a dire alle storiche voci della satira calcistica.

    “Nessun mistero. Solo una formula ormai logora, ripetitiva, ancorata ad un passato non in grado di rinnovarsi”.

     

    Lo scontro è iniziato quando la Gialappa’s – dopo essersi vista tolta la tradizionale diretta radiofonica del Festival di Sanremo – ha dovuto rinunciare anche alle parodistiche e irriverenti cronache calcistiche della Coppa del Mondo di calcio. Sotto accusa sono state, inizialmente, le parole di Marco Santin che, conducendo un altro programma Rai, ha pubblicizzato il nuovo programma in partenza su Deejay con gli altri due ‘Gialappi’.

    Ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso è l’articolo pubblicato dal Venerdi’ di Repubblica dal titolo “Il mistero della Gialappa’s, epurata dalla Rai con il programma sui Mondiali”, nel quale si sottolinea ancora una volta come – nonostante le proteste dei fan – la direzione di Radio2 abbia assunto un atteggiamento ‘punitivo’ nei confronti del trio.

     

    “Il termine ‘epurazione’ – dice Mucciante – e’ usato completamente a sproposito. La Gialappa’s Band aveva solo appuntamenti occasionali di pochi giorni all’anno per eventi particolari. Lo stesso Santin – fa notare Mucciante – ammette che ‘la formula a volte e’ ripetitiva ma ci divertiamo’. Ecco, il nostro compito non e’ quello di far divertire Santin e soci ma di sperimentare formati, linguaggi e conduttori per andare incontro a chi ci chiede intrattenimento intelligente, leggerezza e riflessione nsieme. […] I presunti grandi ascolti della Gialappa’s su Radio2 non sono purtroppo riscontrabili. E’, invece, rilevato con precisione il dato di ‘Grazie per averci scelto’ di Marco Santin, programma che abbiamo dovuto spostare in palinsesto, in quanto – secondo l’ultima indagine disponibile – non era nemmeno tra i primi sei della sua fascia di ascolto”.

     

    Un attacco in piena regola, insomma, e anche molto dettagliato! Siamo certi che una nuova irridente risposta da parte della Gialappa’s non tarderà ad arrivare.

     

    Il sito di Radio2 >>

    Il programma condotto da Marco Santin per Radio2 >>

     

  • 12/7/2010 ore 15:37

    Radio Rai non va in ferie

    Commenti 0

    La stagione estiva non “ferma” Radio Rai: Radio1, Radio2, Radio3 e Isoradio accompagnano infatti, nel corso dell’estate i radioascoltatori con una serie di proposte nuove di zecca, conservando anche alcuni programmi cult del palinsesto invernale che non vanno “in ferie”.  A presentare la ricca estate delle testate radiofoniche ci pensano i direttori Antonio Preziosi (Radio1), Flavio Mucciante (Radio2), Marino Sinibaldi (Radio3) e Aldo Papa (Isoradio). A “raccontare”, invece, i loro programmi sono i conduttori. Ecco i loro volti e le loro voci.

    RADIO1: Grande attenzione per l’informazione giornalistica all’interno dei Gr e delle rubriche storiche in onda tutto l’anno, ma anche intrattenimento  con quattro programmi estivi tutti da scoprire.

    Antonio Preziosi

    Baobab

    Bellezze contro le mafie

    No Comment 1/ No Comment 2

    Radio anch’io

    Start

    Suoni D’estate

    RADIO2: Sperimentazione di nuove formule che da settembre entrano nel palinsesto. Lezioni di astrologia. Concerti dal vivo nelle principali piazze italiane. Selezioni per il programma di Rai2 “X Factor”.

    Flavio Mucciante

    Le Brave RagazzeMarino Sinibaldi  Alza il Volume  Battiti  Hollywood Party 1/ Hollywood Party 2  Primo Movimento  Radio3Mondo  Radio3Scienza  Radio3Suite  Tu

    Cactus

    Decanter

    Esclusi i Presenti

    Hit Parade Eurosonic

    Io, Chiara e l’Oscuro

    Mobydick

    Radio2Live

    Il Ruggito del Coniglio

    RADIO3: Musica, cultura, arte e scienza in primo piano. Nella bella stagione, riflettori puntati sui grandi festival musicali e letterari. Ampi spazi per il teatro dal vivo.

    Marino Sinibaldi

    Alza il Volume

    Battiti

    Hollywood Party 1/ Hollywood Party 2

    Primo Movimento

    Radio3Mondo

    Radio3Scienza

    Radio3Suite

    Tutta la Città ne Parla

    RAI ISORADIO: Infomobilità e  sicurezza 24 ore su 24 per accompagnare gli esodi estivi e gli spostamenti notturni dei giovani. Battesimo per la musica “indipendente”.

    Aldo Papa

    Autoradio

    Diesel

    Edicola

    Isoradio 1/ Isoradio 2

    ZTL

  • 12/7/2010 ore 13:56

    Insulti a Sallusti, sanzionato D’Alema

    Commenti 1

    L’Ordine dei giornalisti del Lazio ha sanzionato il giornalista Massimo D’Alema per quel ‘Vada a farsi fottere’ rivolto ad Alessandro Sallusti durante la trasmissione televisiva Ballarò, condotta da Giovanni Floris, del 4 maggio 2010. La sanzione, spiega l’ordine è stata decisa nella riunione dell’otto luglio, ‘per le frasi ingiuriose rivolte al collega Alessandro Sallusti’. Una frase di troppo per l’onorevole D’Alema nei confronti del vicedirettore de ‘Il Giornale’ che gli contestava l’atteggiamento moralistico nei confronti di Scajola per la questione dell’appartamento vista Colosseo, visto che proprio D’Alema era stato coinvolto nello scandalo Affittopoli di qualche anno fa.

     

    Guarda il video dello scontro D’alema – Sallusti



     

     

    Esclusiva Rai.tv: Il peggio e il ‘meno peggio’ di Ballarò



  • 12/7/2010 ore 12:03

    Rai: ascolti record per “Germania-Spagna”

    Commenti 0

    In 13 milioni 453 mila telespettatori, con il 60,99% di share, hanno visto ieri in prima serata su Rai Uno la finale di Coppa del mondo Olanda-Spagna, finita 0-1 ai tempi supplementari, con la vittoria per la prima volta delle furie rosse grazie al goal di Andres Iniesta. In particolare il primo tempo e’ stato seguito da 12 milioni 376 mila telespettatori, con il 60,38% di share; il secondo da 13 milioni 716 mila telespettatori, con il 59,66% di share; i tempi supplementari da 14 milioni 501 mila telespettatori, con il 63,46 % di share. Una finale, quella del Sudafrica, che resterà nella storia per i tre minuti e venti secondi in cui Nelson Mandela ha salutato il pubblico in compagnia della moglie. Inoltre è interessante segnalare che nel ‘mese Mondiale’ l’intero portale Rai ha raggiunto picchi record di traffico, con oltre 116 milioni di pagine viste e una media giornaliera di460mila utenti unici. In particolare Rai.tv ha registrato oltre 37 milioni di pagine e 233mila utenti unici giornalieri (+ 289 per cento sullo stesso periodo 2009). A trainare il successo, le dirette web delle 25 partite Rai – dall’11 giugno alla finale di ieri – e le rubriche di approfondimento di RaiSport dedicate all’evento: oltre 12 milioni di pagine viste e 200mila utenti unici hanno seguito le partite e le rubriche su internet (+190 per cento rispetto ai 30 giorni precedenti). In totale i contenuti dedicati ai Mondiali hanno raccolto 20 milioni di pagine viste e 250mila utenti unici giornalieri. Per gli appassionati tutte le partite, le sintesi e le rubriche resteranno on line sul sito www.mondiali.rai.it fino al 31 dicembre 2010. Sempre fino al 31 dicembre le 25 partite Rai saranno disponibili anche sull’IPad Mondiali.rai.it>>

    Guarda il video del saluto di Nelson Mandela